Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Quando la maternità diventa ossessione. “Quello che è successo a Joana” di Valério Romão

Quando la maternità diventa ossessione. “Quello che è successo a Joana” di Valério RomãoQuello che è successo a Joana racconta una maternità che è desiderio e ossessione, appagamento del ventre e svuotamento della dignità femminile. Il romanzo di Valério Romão esce in Italia per Caravan Edizioni con la traduzione di Vincenzo Barca.

Joana è al settimo mese di gravidanza. Il bambino le chiede di nascere prima del previsto e così si ritrova immersa in un liquido che ha lo stesso odore agrodolce di quello che l’ha fecondata. Sveglia il marito Jorge e lo informa su quanto sta accadendo. Mentre vanno all’ospedale, il lutto di Joana, che ha perso i genitori in un incidente d’auto durante le feste natalizie, ritorna come parte complementare della vita, come vuoto necessario per la generazione di un nuovo essere.

«Joana non riesce a evitare la comparsa di qualche lacrimuccia con la quale esprime il lutto di un tempo che esiste solo nella memoria e nel desiderio e, in fondo, si sente sciocca».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Il ricordo appare sotto forma di una commozione, liquida come l’acqua che Joana ha tra le gambe, liquida come le parole di Valério Romão.

All’ospedale arriva con una pancia poco piena per una mamma che deve partorire. I medici la visitano e si accorgono che qualcosa non va.

Quando la maternità diventa ossessione. “Quello che è successo a Joana” di Valério Romão

Ora tutto diventa corpo. Le percezioni esplodono in una spirale di urla e umori neri. I dottori della vita sembrano mostri assetati di tempo, impazienti di portare a termine il proprio lavoro più velocemente possibile. Insieme a loro ci sono anche le infermiere, incapaci di confluire la memoria del parto in un’empatia con chi in quel momento sta compiendo un sacrificio per la sopravvivenza della specie.

Joana intuisce il macabro e lo osserva con gli occhi dilatati, mentre per proteggersi dà sfogo a bugie e a ricatti. Ogni dettaglio è apparizione orrida di quello che invece dovrebbe compiersi come fatto naturale o forse è lei a non poter godere della spontaneità degli eventi.

 

LEGGI ANCHE – Cosa significa la maternità per una donna?

 

Valério Romão non propone un punto di vista diverso rispetto a quello della sua Joana e a chi legge arriva semplicemente l’esperienza della protagonista, che rivela da subito un comportamento maniacale.

Joana percepisce la realtà senza poi filtrarla in un pensiero composto da contenuti selezionati. Il risultato è una testa fatta di immagini troppo cariche di informazioni che si accavallano l’una con l’altra. Nessuna sua visione, infatti, è capace di ridursi a una concezione in cui a spiccare sono solo pochi elementi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

In Quello che è successo a Joana di Valério Romão non esiste uno scarto temporale tra ciò che viene visto o sentito e ciò che viene pensato. Non c’è possibilità di scaricare la tensione percettiva perché Joana è piegata a colori e a suoni invasivi.

Quando la maternità diventa ossessione. “Quello che è successo a Joana” di Valério Romão

Ma nonostante l’affollamento della sala parto, Joana è isolata dai suoi sensi come se questi fossero un muro tra lei e tutto il resto. Dall’altra parte in compenso l’ambiente si definisce come un insieme di dinamiche violente che non agevolano la comunicazione. E quando decide di prendere un po’ d’acqua per le sue assetate e avvilite compagne di parto, si perde tra i corridoi e nel frattempo le altre spariscono perché riescono a concludere il sacrificio.

 

LEGGI ANCHE – Nella festa della mamma raccontiamo la magia della gravidanza

 

Solo la ragazzina dalla pancia tonda, e troppo grossa per il suo piccolo corpo da adolescente, riesce ad affermare nel corso della storia la propria presenza senza lasciarsi ingoiare dall’immagine disarticolata di una massa dolorante. Lei è l’animale comunicativo capace di esprimere una volontà e formulare richieste logiche. Nell’animale Joana al contrario la realtà implodee nulla riesce a farsi strada verso l’esterno. Soprattutto quando le riflessioni scorrono senza una tregua. Joana pensa al suo dolore e così lo amplifica. Ecco che percezione e pensiero coincidono:

«questo dolore scorre lungo il fiume del mio corpo per sfociare in un mare miracoloso, in cui ricevo, ancora bagnato, mio figlio tra le braccia, e saprò che è lui perché lo chiamerò con il suo nome, e lui mi aprirà gli occhi, affamato di calore e di latte, e, non appena si avvicinerà al mio capezzolo, lo condannerò a cercare, d’ora in poi e per sempre, una sostituzione, che raramente si rivelerà adeguata […]».

Quello che è successo a Joana è una lunga e violenta percezione che Valério Romão fa deflagrare nel lettore.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.