Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Quando la CIA spiava i filosofi francesi

Quando la CIA spiava i filosofi francesiPossiamo ormai dare per assodato che la filosofia abbia influenzato e, per certi versi, continui a influenzare alcune decisioni politiche. Come dimenticare ad esempio la passione di Barack Obama per John Rawls, ma come non citare John Locke, Jean-Jacques Rousseau, Thomas Hobbes, Aristotele e persino Socrate, nonostante si ponesse come una spina nel fianco del potere e dei potenti.

Quando però ci soffermiamo sul postmodernismo francese e su pensatori come Michel Foucault, Roland Barthes, Jacques Lacan e Derrida, possiamo considerare quest’influenza come molto meno diretta. E spesso le loro opere sono state liquidate come prive di qualsiasi conseguenza sulla società e comprensibili solo a una ristretta élite di sinistra. Questo forse accade negli Stati Uniti dove si parla spesso di potere ma raramente lo si sottopone a una critica radicale, almeno nelle pubblicazioni mainstream. Ma non così in Francia. Almeno stando a quanto pensava la CIA, che ha monitorato con grande attenzione gli effetti del postmodernismo francese sulla politica interna ed estera del Paese proprio durante l’impegno americano contro il comunismo.

E nel 1985 la CIA compilò un report dal titolo France: Defection of the Leftist Intellectuals per documentare gli esiti di quest’indagine.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Di recente il report è stato reso pubblico e mostra come la CIA approvasse la direzione politica che i pensatori strutturalisti avevano preso. Gabriel Rockhill, docente di filosofia presso l’università di Villanova, sintetizza il tenore della valutazione dell’agenzia in un articolo apparso su «L.A. Review of Books»:

«I guerrieri culturali sotto copertura applaudono a ciò che vedono come un doppio movimento che ha contribuito a spostare l’attenzione degli intellettuali e il loro focus critico dagli Stati Uniti verso l’URSS. A sinistra, dove ci fu una graduale disaffezione intellettuale verso lo stalinismo e il marxismo, una progressiva fuoriuscita degli intellettuali più radicali dal dibattito pubblico e un allontanamento teorico dal socialismo e dal partito socialista. A destra, le opportunità ideologiche a cui ci si riferisce come i Nuovi Filosofi e gli intellettuali della Nuova Destra lanciarono una campagna mediatica diffamante contro il marxismo».

Quando la CIA spiava i filosofi francesi

Lo «spirito anti-marxista e anti-sovietico», scrivono gli agenti nel loro report, «renderà difficile per chiunque organizzare una significativa opposizione intellettuale alle politiche degli Stati Uniti». L’influenza degli «intellettuali della Nuova Sinistra» sulla cultura e sul governo francesi è stata tale che «la notevole freddezza del Presidente Mitterand verso Mosca deriva, almeno in parte, da questa attitudine pervasiva».

E se da un lato l’agenzia attribuiva alla diffidenza dei filosofi post-strutturalisti l’allontanamento dell’opinione pubblica dal socialismo e «l’inasprimento degli atteggiamenti pubblici verso il marxismo e l’Unione Sovietica», dall’altro lato il report evidenzia anche che «la loro influenza sembra diminuire, ed è improbabile che possano avere un impatto sugli affari politici in questo periodo».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Come coloro che identificano la filosofia postmoderna con le diverse ondate di pensiero e di attivismo di sinistra, anche la CIA è stata di corte vedute nelle sue conclusioni. Forse, legata a una visione manichea sostenuta da decenni di Guerra Fredda, la CIA non poteva concepire una politica che si opponesse allo stesso tempo all’America e all’impero sovietico.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.