14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Quando il dolore vince su ogni cosa.“Il sale” di Jean-Batiste Del Amo

Quando il dolore vince su ogni cosa.“Il sale” di Jean-Batiste Del AmoIl sale mi è capitato fra le mani al Salone del Libro di Torino e mi ha subito incuriosito per il suo titolo breve, incisivo. Scopro che è stato scritto da Jean-Batiste Del Amo, un giovane autore francese, che in patria è già paragonato a scrittori del calibro di Émile Zola, Honoré de Balzac, Alexandre Dumas. È il suo primo libro a essere pubblicato in italiano (Neo. Edizioni, traduzione di S. Campolongo) e nel nostro paese ha vinto il concorso Modus Legendi.

Il sale narra di un'unica giornata della vita di Louise e dei suoi tre figli, Fanny, Jonas e Albin. Vite legate e corrose dalla salsedine portata dal mare della cittadina francese di Sète. Vite spezzate, colme di silenzi e di azioni non svolte, vissute all’ombra del padre Armand,un marinaio alcolizzato e violento che, sebbene defunto, è un protagonista presente e doloroso, che condiziona senza ritorno il passato, il presente, e anche il futuro della moglie Louise e dei suoi tre figli.

 

«Mentre Louise finiva di rifare il letto, l’inquietudine l’assalì alla gola. Armand si era frapposto tra lei e i suoi ragazzi. Pur essendo scomparso, era ancora fra loro il suo ostacolo ineludibile».

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Louise, vedova, anziana, vive in solitudine, nel ricordo di una breve gioventù felice con il marito, corrosa dai dolori fisici, dalle domande esistenziali che con l’avanzare dell’età sembrano opprimerla, dalla lontananza dei figli che hanno lasciato la famiglia, ma che, altrettanto, come perseguitati dalle violenze del padre, non vivono esistenze felici.

La cena organizzata da Louise diventa il pretesto per riunire, almeno in apparenza, la sua famiglia, «i suoi figli, la sua carne, le sue vite ancora da vivere», nella casa paterna.

Nelle poche ore che separano la famiglia dalla cena, l’autore ci fa abilmente conoscere tutti i personaggi, le loro paure, i drammi interni, i traumi che hanno portato alla separazione e alla loro onnipresente infelicità.

Quando il dolore vince su ogni cosa.“Il sale” di Jean-Batiste Del Amo

Fanny sopravvive al ricordo agghiacciante della sua bambina Lea, morta annegata, che le impedisce di vivere nel presente e di godere del suo matrimonio e dell’affetto dell’altro figlio adolescente. Jonas, nonostante l’amore della madre Louise, sembra in perenne conflitto con il resto del mondo, anche a causa della sua omosessualità, che il padre non ha mai accettato fino in fondo e che gli ha fatto perdere prematuramente il suo compagno morto di AIDS. Albin, il primogenito, quello che sembra assomigliare di più al padre Armand, in realtà rivela tutte le sue debolezze attraverso un matrimonio che sta naufragando, e l’amore che i figli gli negano.

Il dolore è il grande tema di questo libro, quella sofferenza assoluta capace di condizionare per sempre i legami più stretti, quelli di sangue. Il dolore ereditato di padre in figlio, assorbito nel profondo, che lascia una traccia perpetua in chi lo riceve, lo subisce. Una ferita che non si rimargina mai e continua a condizionare ogni scelta di vita.

Quando il dolore vince su ogni cosa.“Il sale” di Jean-Batiste Del Amo

La famiglia è messa sotto la lente d’ingrandimento e Del Amo è un vero maestro nel setacciare l’animo umano, nell’immergersi nelle parole non dette, nei gesti non compiute, con una scrittura che incanta e che va a fondo trascinando nelle pieghe più oscure dell’animo umano. Le profonde descrizioni delle ambientazioni, del mare, del cielo che si cesella su Sète, del porto, dei marinai, fanno sì che il contesto diventi anch’esso personaggio dando drammaticità e corpo al romanzo.

«La luce disegnava larghe bande gialle sulle facciate delle case. L’aria sapeva di iodio, di fritto e di sudore. Quella condensa olfattiva si avviluppava sull’ugola di Fanny. Era un malessere che la afferrava al ritmo dei suoi passi.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Un volume sconvolgente a tratti fastidioso per la ricercatezza con la quale è stato scritto. Del Amo non ama indorare la pillola. Il suo modo di raccontare gli estremi, e di rimanerci dentro fino quasi a infastidire, può dare a volte la sensazione che il libro scorra lento come il dolore che viene raccontato. I dialoghi ridotti al minimo non aiutano il romanzo a essere letto, per così dire, tutto d’un fiato. Quello di Del Amo è un volume da leggere soppesando ogni parola, senza fretta, preparandosi a un viaggio che può lasciare addosso un’appiccicosa sofferenza.

Per chi vuole immergersi in una scrittura potente (che può insegnare molto ai giovani autori), mai scontata, intensa, e per chi vuole sapere come può essere il dolore che vince su ogni cosa, tirando fuori le debolezze, così diverse, ma così simili, in ogni essere umano.


Per la prima foto, copyright: Christian Ferrer / Wikimedia Commons.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.