Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Quando il colore della pelle è una colpa. “Se la strada potesse parlare” di James Baldwin

Quando il colore della pelle è una colpa. “Se la strada potesse parlare” di James BaldwinPuntata n. 55 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Era la strada della domenica mattina. Le nostre strade hanno giorni, e persino ore. Dove sono nata io, e dove nascerà il mio bambino, se guardi la strada puoi quasi vedere quello che accade in casa: per esempio, diciamo, le tre del pomeriggio di sabato sono una pessima ora. I bambini sono a casa di ritorno da scuola. Gli uomini sono a casa di ritorno dal lavoro. Si potrebbe pensare a una felice occasione di incontro, ma non lo è. I bambini vedono gli uomini. Gli uomini vedono i bambini. E questo spinge le donne che stanno cucinando, pulendo, stirando capelli e che vedono quello che gli uomini non vogliono vedere, quasi a impazzire. Lo si vede nelle strade, lo si sente da come le donne strillano per chiamare i loro bambini. Lo si vede dal modo in cui si precipitano fuori dalle case – a precipizio, come un uragano – e sculacciano i bambini trascinandoli di sopra, lo si sente nel bambino, lo si vede nel modo in cui gli uomini, ignorando il tutto, stanno assieme davanti a una ringhiera, siedono assieme dal barbiere, da come si passano una bottiglia, vanno fino al bar all’angolo, stuzzicano la ragazza dietro al bancone, litigano e, poi, si danno un gran da fare con i loro rampicanti. Sabato pomeriggio è come una nube che incombe, è come aspettare che scoppi il temporale.»

 

Alcune volte, il colore della pelle può essere una colpa. Nei luoghi di ignoranza e nelle menti poco evolute, un uomo con una carnagione di un colore differente sarà visto, quasi sempre, come una figura aliena da cui tenersi a distanza, o sarà l’immagine contro cui sfogarsi, sarà quel nemico da dare in pasto al popolo, per distogliere, quest’ultimo, dai problemi reali.

Quando l’unica colpa è una pelle dalla tonalità differente, può diventare difficile anche difendersi; anzi, una difesa, il più delle volte, può risultare impossibile. Come ci si scagiona dalla propria natura? Come si fa a scontare la colpa di essere stati messi al mondo?

Quando il colore della pelle è una colpa. “Se la strada potesse parlare” di James Baldwin

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Sono le domande, queste, che si saranno fatte milioni di essere umani e che ancora si perdono in un mare di silenzio, in un mondo che, nonostante il progresso e gli anni di orrore, fa finta di dimenticare le sofferenze antiche e continua a colpevolizzare per il colore della pelle.

James Baldwin è nato a New York, il 2 agosto 1924 ed è morto a Saint-Paul-de-Vence, il 1º dicembre 1987; il romanzo Se la strada potesse parlare è stato ripubblicato in Italia dalla casa editrice Fandango, con traduzione a cura di Marina Valente.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

Tish è una giovane donna di colore, innamorata dello scultore Fonny, dal quale aspetta un figlio. Poi improvvisamente, quando i due decidono di convolare a nozze, Fonny viene accusato di violenza sessuale nei confronti di una donna portoricana. Dunque Fonny, riconosciuto colpevole per il colore della pelle e non per delle prove concrete, viene messo in carcere. Inizia qui un percorso che porterà Tish a tentare di dimostrare in tutti i modi l’innocenza dell’uomo dal quale aspetta un bambino.

«La sua fidanzata, Tish, è incinta, e in alcuni momenti sarà solo il pensiero di questa gravidanza a impedire loro di sprofondare nella disperazione. Il bambino – prospettiva di una nuova vita – è associato alla “volontà di essere liberi” dei neri. Alla fine del racconto Fonny viene liberato su cauzione e il processo rinviato a data da destinarsi: né libero né detenuto, può se non altro tornare al mondo dei vivi. Se la strada potesse parlare somiglia a una parabola che pone l’accento sulla natura incerta dei nostri destini, di bianchi così come di neri, un romanzo sommessamente potente, senza mai forzature o esagerazioni a effetto.»

(Dalla postfazione di Joyce Carol Oates)

Quando il colore della pelle è una colpa. “Se la strada potesse parlare” di James Baldwin

Baldwin affonda le mani nella parte marcia della società, mettendo davanti ai nostri occhi l’ingiustizia che pervade il mondo e dalla quale, sembra, non esistano vie di uscita. Lo stile con cui ci racconta questa storia è netto e asciutto, ogni frase appare decisa e nel complesso il romanzo ci restituisce una poesia rara. Il tutto sembra una grande metafora della violenza e delle sorti incerte della vita umana.

«Mi sono voltata con i miei sei pomodori tra le mani e mi sono trovata faccia a faccia con un piccolo, giovane e lurido teppistello italiano. “Non mi dispiacerebbe un bel pomodorino che ama i pomodori”, ha detto e si è leccato le labbra, e ha sorriso. In quel momento ho pensato due cose contemporaneamente – anzi tre. Quella era una strada molto affollata. Sapevo che Fonny sarebbe tornato da un momento all’altro. Avevo voglia di sbattere i miei pomodori in faccia a quel ragazzo. Ma nessuno ci aveva ancora notati e non volevo che Fonny finisse in una rissa. Ho visto un poliziotto bianco che risaliva lentamente la strada. Mi sono resa conto che sono nera e che le strade affollate erano bianche e così mi sono scostata e sono entrata nel negozio, sempre con i miei pomodori in mano. Ho trovato una bilancia, ci ho messo su i pomodori e mi sono guardata attorno alla ricerca di qualcuno che li pesasse in modo da poter pagare e uscire dal negozio prima che Fonny tornasse da dietro l’angolo. Il poliziotto, adesso, era dall’altro lato della strada: e il ragazzo mi aveva seguita nel negozio.»

Quando il colore della pelle è una colpa. “Se la strada potesse parlare” di James Baldwin

Attraverso una narrazione in prima persona, Baldwin affida la storia alle parole di Tish, questa ragazza innamorata e pronta a tutto pur di dare forma e materia alla giustizia e al corretto posizionamento di tutte le cose; il lettore si ritrova dentro la sua mente, segue il filo dei suoi pensieri, a volte lucidi, altre volte confusionari, e impara così a conoscerla e ad amarla. Anche se tutto si svolge in strada e nella realtà tangibile, il vero movimento dell’opera è interiore.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Se la strada potesse parlare è un romanzo intimo ed emotivo, dove lingua, ambiente e personaggi raggiungono la stessa potenza e lo stesso grado emozionale.

In un momento storico come il nostro, dove barche cariche di umani vengono lasciate in mare, bisognerebbe chiedersi cosa sia poi l’umano, cosa voglia veramente e fin dove sia disposto a spingersi.


Per la prima foto, copyright: Giulia Pugliese on Unsplash.

Per la quarta foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.