Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Quando il cinismo diventa dissacrante. “Darke” di Rick Gekoski

Quando il cinismo diventa dissacrante. “Darke” di Rick GekoskiJames Darke sembrerebbe un personaggio realmente esistito, mentre lo scrittore che ce lo racconta, Rick Gekoski, un suo fidato biografo. Incarna, in qualche modo, una figura scontrosa e livorosa, disadattata, con toni sociopatici che, a torto o a ragione, potrebbe perfettamente rappresentare quella parte di noi che si tiene a reprimere o che magari costringiamo al silenzio.

James Darke, un anziano signore, un ex insegnante di letteratura che dopo la morte della moglie, Suzy, decide di chiudersi in casa, di non ricevere nessuno, fosse pure la figlia, di assicurarsi altresì di tenere sotto controllo il quartiere, chi, insomma, si avvicina all’ingresso di casa sua. Esemplare, d’altro canto, è l’intervento sullo spioncino della porta di casa; al tecnico – che sarà costretto, suo malgrado, a fare entrare in casa – chiederà una visione grandangolare in modo da poter scrutare anche chi si insinua, nella sua proprietà, dai punti più remoti.

James Darke è cinico, è politicamente scorretto, è una figura fastidiosa persino alla sua persona. Pur volendo, infatti, esser spietatamente sincero nei confronti della vita, della moglie e della figlia, rimane comunque un essere inquieto, irrisolto, incazzato.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

È lui che s’incarica di mettere fine alle sofferenze della moglie, a quella quotidiana secrezione di vomito, bava e sangue, a quell’incessante dolore che, dipeso dal cancro, è sostenibile solo con dosi massicce di morfina. Procura così delle pastiglie giuste che sciolte nell’abituale e inglese thè della moglie, le assicureranno finalmente un sonno profondo e sereno.

«Sono sopraffatto dal dolore per la perdita, lo spreco, la fatuità. Non siamo anime immortali neppure in questa vita, figuriamoci nella prossima. Non incolpo Dio. Non siamo creati a Sua immagine, né a immagine di nessuno se non di una doppia elica di DNA che prosegue per la sua strada. Non siamo né creati né costruiti, solo eventi spermatici, uova penetrate, larve, prole. Nessuno riesce a capirci niente, mancano le basi necessarie per riuscirci».

Quando il cinismo diventa dissacrante. “Darke” di Rick Gekoski

Alla morte della moglie, il suo isolamento comincia a diventare preoccupante, in una irrisolvibile fase di declino. Per otto mesi non esce letteralmente da casa, spia il vicino, congiura contro il suo cane che odia maledettamente e contro il quale lancia, periodicamente, lacerti di carne stracarichi di peperoncino, perché si possa soffocare per il bruciore. Cosa che alla fine accade.

Si nega alla figlia. Non risponde né alle telefonate, né alle mail. Non l’accoglie neppure le volte che, allarmata da quel silenzio protratto, gli si presenta davanti casa.

Un ermetismo, un’impenetrabilità che comunque non gli farà perdere il rispetto di se stesso e, quindi, la perdita di controllo sul proprio aspetto:

«Anche se non ho nessuno per cui mantenere le apparenze mi prendo cura del mio aspetto perché mi sento davvero me stesso solo se sono vestito bene. Mi rendo conto che può sembrare sciocco o pazzo, o forse solo triste, ma indosso una camicia bianca pulita ogni mattina, e una giacca di cashmere dal taglio informale. I miei pantaloni di fustagno sono sempre stirati, le scarpe sono lucide».

Quando il cinismo diventa dissacrante. “Darke” di Rick Gekoski

La dose d’irrequieta malinconia di Darke non si attenua neppure con i mezzucci sperimentati, sempre in buona fede, dalla figlia Lucy.

Questa, infatti, istruisce Bronja, la domestica bulgara, a essere più accondiscendente nei confronti del burbero padre. Ad esempio, simulando interesse verso la letteratura, verso gli scrittori vittoriani, verso Dickens, il suo preferito scrittore sul quale, tra l’altro, da parecchio tempo, aveva iniziato a lavorare a una specie di monografia dall’eloquente titolo Ustione e bollore: Charles Dickens e la retorica dell’indignazione. L’impertinenza, tuttavia, della domestica le costerà il posto di lavoro.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Darke, di Rick Gekoski, edito da Bompiani nella traduzione di Chiara Codecà, è un romanzo dissacrante, tratta argomenti seri, poco ortodossi, senza prendersi sul serio e senza ammiccamenti particolari verso il suo lettore. È caustico come, del resto, il personaggio che ne esce fuori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.