Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Quando i sogni diventano realtà: andare a mare a ottant’anni per la prima volta

Quando i sogni diventano realtà: andare a mare a ottant’anni per la prima voltaA volte i sogni possono diventare realtà e lo raccontano le protagoniste di Funne. Le ragazze che sognavano il mare di Katia Bernardi, che hanno conquistato i media con la loro storia. Il libro, edito da Mondadori, racconta l’avventurosa vicenda di dodici anziane di Daone, paesello abbarbicato sulle montagne del Trentino, unite da un desiderio comune: andare in vacanza al mare. L’aspetto singolare e curioso di queste signore, con un’età che parte dai 70 anni in su, è che nessuna di loro è mai stata in vacanza al mare. O meglio, due di loro (Erminia nel 1962 e Iolanda nel 1977) il mare lo hanno visto, da giovani, quando lavoravano come baby sitter, ma il volerci tornare è la volontà esplicita di godersi in relax la distesa d’acqua. Enrichetta, Orsolina, Erminia, Iolanda, Vitalina e le altre sette amiche sono funne, ossia “donne” nel dialetto in uso a Daone, un piccolo centro di 588 abitanti.

 

LEGGI ANCHE – “Le donne erediteranno la terra”, Aldo Cazzullo pronostica uno storico sorpasso

 

Le anziane protagoniste di questa vicenda decidono di non rinunciare al loro desiderio di mare e, come emerge dal libro della Bernardi, faranno tutto il possibile per raccogliere i fondi necessari a organizzare la gita di gruppo. La cosa interessante che emerge da queste pagine è la grande capacità di reinventarsi di queste funne, le quali architettano diversi piani per raggiungere la loro meta finale. Le amiche, tutte assidue frequentatrici del centro per anziani «Rododendro», cominciano a preparare dolci, ma nonostante la bontà delle torte fatte e vendute, non riusciranno a guadagnare il necessario (poco più di tremila euro) per pagarsi il viaggio. Niente paura, le funne pensano a un altro tentativo e decidono di posare per un calendario, come fanno i VIP. A dare loro una mano per la realizzazione degli scatti pop il fotografo Massimo Giovannini che le ha ritratte nelle situazioni più disparate. C’è l’anziana intenta a preparare marmellate, quella che viaggia su un bus doppio e quella che immagina di vedere un proprio dipinto in un’importante galleria d’arte parigina. Peccato che gli abitanti di Daone non sembrano avere molto interesse nei confronti della vena creativa delle compaesane e, non a caso, le anziane raccolgono poche centinaia di euro.

Quando i sogni diventano realtà: andare a mare a ottant’anni per la prima volta

Secondo voi le amiche potrebbero mai rinunciare al loro sogno di mettere i piedi nell’azzurro mare della Croazia?No, poco ma sicuro. Senza troppo abbattersi le funne decidono di seguire il suggerimento di un nipote di una di loro e di provare a dare via al “croaodfanding” (crowdfunding) attraverso quella cosa che per loro è affascinante e sconosciuta: internet (internèt per le amiche). Le donne, come evidenzia l’autrice Katia Bernardi, all’inizio non sembrano essere molto fiduciose di quello che potrebbe arrivare dal web. La motivazione? Semplice: visto quello che hanno racimolato a Daone, dove vivono da sempre, come potrebbero degli sconosciuti donare dei soldi a delle anziane signore che vogliono andare in gita al mare?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su FacebookTwitterGoogle+Pinterest e YouTube]

Le donazioni, però, cominciano ad arrivare, un po’ da tutta Italia e anche dall’estero, da Londra, da New York e pure dall’Australia. Come segno di ringraziamento ai donatori le dinamiche funne pensano di offrire piccoli doni come la spilla di socio onorario del centro anziani di Daone, sfiziose marmellate di mirtilli o anche, perché no, interessanti corsi di cucina di montagna o una cartolina dal mare della Croazia. Bastano tre giorni e non solo le simpatiche anziane signore raggiungono la quota dei tremila euro per la loro vacanza, ma la raddoppiano, tant’è vero che il resto della raccolta lo doneranno al centro per anziani che frequentano da tempo.

Quando i sogni diventano realtà: andare a mare a ottant’anni per la prima volta

Finalmente le attive nonnine giungono a Ugljan, isola della Croazia, dove il 5 agosto, come nella valle montana dalla quale arrivano, si festeggia la liturgia della Madonna della Neve. Le funne non sono solo una combriccola di zelanti signorecon un’età media di 80 anni, ma sono anche le protagoniste di una pagina facebook: Funnealmare, che ha documentato – e lo fa ancora – ogni loro azione. Inoltre è uscito il documentario coprodotto tra Trentino e Croazia: Funne. Le ragazze che sognavano il mare, realizzato dalla stessa autrice del libro, prodotto dalla Jump cut con la Eie Film, Chocolat Restar. La produzione ha avuto il sostegno della Hydro Dolimiti Enel, del Comune di Valdaone e Trentino Film Commission.

Quello che mi ha stupito delle funne è la loro sana capacità di non arrendersi mai. Le dodici amiche (numero biblico se ci fate caso, e non so se sia una casualità) sono eroine di tutti i giorni, perché sfidano i pregiudizi della loro comunità. Nelle pagine del libro si ride, a volte si piange, non mancano gelosie, successi, insuccessi che dimostrano come l’andamento della vita, a volte, sia simile alla corsa delle montagne russe.

 

LEGGI ANCHE – Supereroine ma anche donne di tutti i giorni

 

Certo è che questa storia vera che ha scosso con piacere la vita di uno sperduto paesino della provincia trentina, narrata da Katia Bernardi, è la dimostrazione di come per le protagoniste di Funne. Le ragazze che sognavano il mare, i sogni non hanno età e possono sempre diventare realtà.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.