Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

Quando giudichiamo inutile una vita. “Madonna col cappotto di pelliccia” di Sabahattin Ali

Quando giudichiamo inutile una vita. “Madonna col cappotto di pelliccia” di Sabahattin AliPuntata n. 60 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Sdraiato a faccia in giù sul letto, aprivo il mio libro e restavo lì per ore con uno spesso e datato dizionario a portata di mano. In molti casi mi spazientivo solo a sfogliare le pagine alla ricerca del vocabolo e mi sforzavo di interpretare il significato di una parola in base al suo contesto. Era come se davanti a me si stesse schiudendo un mondo tutto nuovo. Stavolta le mie letture non parlavano solo di eroi straordinari che si imbarcavano in avventure inaudite, come accadeva con la letteratura tradotta della mia infanzia e della mia giovinezza. In ognuno di quei volumi ritrovavo qualcosa di personale, frammenti del mondo che vedevo e sentivo intorno a me. Mi parlavano di cose che non riuscivo a comprendere o a vedere pur avendole vissute in prima persona, e solo ora riuscivo a dare loro un senso.»

 

Quando giudichiamo inutile una vita. “Madonna col cappotto di pelliccia” di Sabahattin Ali

Delle volte ci capita di passare intere giornate in una stanza con una persona, di osservarne i movimenti, i gesti, le espressioni del viso. Succede, poi, di intraprendere lunghe conversazioni con il nostro compagno di stanza, e di farci un’idea, un nostro personale resoconto di chi sia e di come viva quell’individuo. Riusciamo a convincerci in maniera parossistica della nostra soggettiva visione della realtà, e andiamo avanti per la nostra strada. Poi accade qualcosa, un po’ come se una nebbia che, fino a poco prima ci avvolgeva la mente, iniziasse a diradarsi, arriva un evento e ci accorgiamo che quella persona, di cui credevamo, oramai, di sapere tutto, è molto lontana da ciò che avevamo lungamente immaginato. Cosa resta da fare se non distruggere tutto ciò che avevamo costruito? Nella vita che viviamo ogni giorno, in che misura possiamo dirci certi di sapere con chi condividiamo le nostre giornate? Ma è possibile che ci sarà sempre uno straniero, o per lo meno, una parte straniera di una persona che difficilmente riusciremo a rendere familiare.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Sabahattin Ali è uno scrittore turco, nato a Egriede nel 1907 e morto nel 1948 al confine con la Bulgaria. Madonna col cappotto di pelliccia è stato pubblicato di nuovo in Italia da Fazi editore, con la traduzione a cura di Barbara La Rosa Salim.

Quando giudichiamo inutile una vita. “Madonna col cappotto di pelliccia” di Sabahattin Ali

Un giovane, che non riesce a trovare lavoro e vive in una situazione economica disastrosa, si lascia convincere da un conoscente, Hamdi, a lavorare per lui. Inizia così a condividere l’ufficio con un uomo strano e schivo: Raif Efendi. Un individuo che non ha mai destato l’interesse di nessuno, nonostante sia uno dei più anziani dipendenti. Ma, con il passare dei giorni, Raif Efendi inizia ad attirare l’attenzione del giovane appena assunto. Un giorno Raif Efendi non si presenta a lavoro e il nostro narratore viene a sapere che le sue assenze non sono rare. Si reca, dunque, a casa del suo compagno di stanza, e qui si accorge che anche i familiari finiscono per trattare Raif Efendi in malo modo. Inizia così a porsi delle domande, a chiedersi perché mai quell’uomo sopporti tutto e che tipo di scopo possa avere quella vita.

«L’unica cosa che provavo era un immenso vuoto dentro di me. Quello che credevo il periodo più significativo e più pieno della mia vita tutt’a un tratto non aveva più senso. Era rimasto solo un vuoto enorme. Ero afflitto come uno che si era appena risvegliato dal più dolce dei sogni e si trovava costretto ad affrontare la cruda realtà. Davvero non ero offeso, né provavo rabbia nei suoi confronti. Ero solo triste. «Non doveva andare così», mi dicevo. Non riusciva in nessun modo ad amarmi. Aveva ragione. Nessuno mi aveva mai amato. Del resto le donne erano delle creature piuttosto bizzarre. Quando cercavo di formulare un giudizio su di loro, ripensando a quelle che avevo conosciuto, arrivavo alla conclusione che erano incapaci di amare veramente. Non lo facevano nemmeno quando era nelle loro possibilità.»

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

Quando giudichiamo inutile una vita. “Madonna col cappotto di pelliccia” di Sabahattin Ali

Madonna col cappotto di pelliccia è un romanzo che possiede una rara prosa poetica, il ritmo perfetto e drammatico dell’intera opera accompagna il lettore tra le pagine e i misteri che man mano si svelano sulla vita di Raif Efendi rendono avvincente e interessante l’intera costruzione narrativa. Sabahattin Ali ci descrive una vita che sembra passare inosservata, un’esistenza che pare essersi arresa agli eventi, ma che, invece, nasconde un fuoco e un ardore che in un passato lontano l’hanno portata a bruciare e a vivere in maniera appassionata, e soprattutto ad amare.

«Che cosa si può fare quando tutto si rivela essere un sogno, un’illusione, una chimera? Avevo perso la capacità di credere e con essa quella di sperare. La mia sfiducia e la mia amarezza nei confronti degli altri erano così profonde che talvolta provavo anch’io una certa inquietudine. In tutti coloro che incontravo, intravedevo una certa ostilità o, quantomeno, trovavo che fossero pericolosi. Questa sensazione non si affievolì con il passare del tempo: di anno in anno si fece sempre più pressante. La mia diffidenza nei confronti delle persone si trasformò in livore. Ero sempre schivo nei confronti di chiunque volesse approcciarsi a me.»

 

Ci troviamo a leggere un romanzo dotato di una tragicità feroce, che ci racconta di sentimenti assoluti e forti e totali; gli stessi sentimenti che compongono la linea emozionale di ogni singolo essere umano. Quest’opera, poi, è resa ancora più interessante perché si sa davvero poco sulla vita del suo autore, che è morto all’età di 41 anni, ucciso dalla polizia mentre provava ad attraversare il confine con la Bulgaria.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Ci capita di giudicare come inutili alcune vite che sfioriamo, con cui ci scontriamo; le giudichiamo inutili con uno sguardo, dopo due o tre conversazioni, schiavi della nostra visione soggettiva e atavica del mondo; nessuno, però, ci mostra mai veramente quello che nasconde, nessuno ci spiega per bene quale sia la sua missione al mondo. Bisognerebbe essere bravi a vivere senza avere la presunzione di aver capito.


Per la prima foto, copyright: Ismail Hamzah su Unsplash.

Per la quarta foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.