"Qualcosa", la fiaba per tutti di Chiara Gamberale

 10 libri proibiti e censurati nel mondo

I 10 contratti editoriali più ricchi del mondo

I 10 scrittori più sexy del mondo

Quando essere poveri è un reato

Quando essere poveri è un reatoSembra essere questa la tendenza italiana, della società e della politica italiana, a criminalizzare la povertà. Quasi che la povertà sia una specie di scelta deviante, antisociale, autoescludente. Nei provvedimenti varati dal Ministro Minniti a favore della sicurezza, la povertà è considerata una delle cause della devianza metropolitana. Non vengono citate, invece, le cause della povertà, che nella loro complessità ci servono a indicare con maggiore precisione i responsabili dell’impoverimento del Paese.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

L’arricchimento di strati parassitari della popolazione italiana, quelli che producono ricchezza senza produrre lavoro, non accresce i consumi, non deposita nulla in termini fiscali, non aumenta il benessere collettivo, ma induce socialmente all’invidia: un sentimento demolente, distruttivo, cieco, che attanaglia le città italiane, le attraversa e trova sfogo, talvolta, in una violenza ingovernabile perché imprevedibile.

Una società che si fonda sull’invidia è una società squilibrata, dove il rischio che la delinquenza cosiddetta minore aumenti è serio. È necessario intervenire sulle cause dello squilibrio sociale per rimettere insieme i pezzi della società italiana e pacificarli. Per farlo, diventa sempre più utile far ricorso a una nuova coniugazione tra etica, economia e politica.

 

LEGGI ANCHE – I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

 

Moralità ed economica devono riprendersi sottobraccio e orientarsi nella medesima direzione. Per questo è più che giusto che i voucher – causa e non esito dell’impoverimento – vengano aboliti per sempre, ma sarebbe altrettanto giusto che in settori come l’agricoltura e l’edilizia – ricchi di lavoratori poveri – si passasse gradualmente ad assunzioni a tempo indeterminato, per deprecarizzare tanti lavoratori e lavoratrici. Insomma, il nodo è il lavoro.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Per uscire dalla povertà e dal rischio criminale connesso a essa, è prioritario produrre lavoro, tanto lavoro, con tanti diritti nei contratti. Le forme e i dispositivi della produzione di lavoro (quelli cooperativi, per fare un esempio su tutti gli altri) esistono e cominciano a essere adoperati in modo crescente, da Nord a Sud. Strumenti che mettono insieme chi ha voglia di fare, senza più aspettare. Se vogliamo, siamo usciti dal campo dell’utopia, grazie alla crisi, e della ideologia (da quella comunista, soprattutto) e siamo entrati nel campo della pratica.

Per questo, non servono norme securitarie per contrastare la povertà, ma piani industriali, pianificazioni di servizi di welfare. Serve cervello, non manganello, per ridistribuire la ricchezza e il benessere. Perché la povertà non è mai un reato. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.4 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.