Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di NabokovEssere un buon lettore non è una cosa semplice, perché la lettura è sì un piacere, ma include anche la necessità di superare una serie di difficoltà che possono essere legate alla mancanza di tempo o al livello di concentrazione richiesto per seguire il libro che si sta leggendo.

Per Kafka, ad esempio, leggere è un gesto di autolesionismo estetico: dovremmo leggere solo libri che «ci feriscono e ci pugnalano… ci svegliano con un colpo in testa… influiscono sulle nostre vite come un disastro… ci affliggono profondamente».

Per Nabokov, invece, leggere può essere una forma di edificazione disciplinata… una dissezione. Lo scrittore russo esercita il suo spirito critico come un bisturi nelle sue Lezioni sulla letteratura, in cui troviamo anche un piccolo quiz ideato per i suoi studenti per capire quali qualità, secondo loro, dovrebbe possedere un “buon lettore”. Una di queste, per Nabokov, è il “senso artistico”.

 

LEGGI ANCHE – 18 prodotti per le persone ossessionate dai libri

 

I buoni lettori, suggerisce l’autore di Lolita, dovrebbero possedere questa qualità già prima di iniziare a leggere il loro primo libro. Questo, però, lascia fuori moltissime persone, anche se Nabokov sembra ammorbidire un po’ la sua posizione aggiungendo che anche le qualità apprese, come quelle innate, svolgono un ruolo di primo piano nel direzionare la lettura.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

Ma vediamo da vicino qual è la lista di qualità che Nabokov sottopose ai suoi studenti e poi le tre scelte effettuate dallo scrittore.

 

LEGGI ANCHE – “Letters to Véra”, le epistole di Vladimir Nabokov alla moglie

 

Il quiz di Nabokov

Nabokov chiese ai suoi studenti di rispondere a queste domanda: «Quali sono le qualità che dovrebbe possedere un buon lettore?» selezionandone quattro tra quelle proposte:

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

1. Il lettore dovrebbe essere membro di un book club.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

2. Il lettore dovrebbe identificarsi con il/la protagonista.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

3. Il lettore dovrebbe concentrarsi sugli aspetti socio-economici.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

4. Il lettore dovrebbe prediligere storie con azioni e dialoghi.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

5. Il lettore dovrebbe aver visto la trasposizione cinematografica del libro.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

LEGGI ANCHE – Che tipo di lettore sei? 52 categorie per te: ci sei?

***

6. Il lettore dovrebbe essere uno scrittore in erba.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

7. Il lettore dovrebbe avere immaginazione.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

8. Il lettore dovrebbe avere memoria.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

9. Il lettore dovrebbe avere un dizionario.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

10. Il lettore dovrebbe avere senso artistico.

Quali sono le qualità di un buon lettore? Ecco le risposte di Nabokov

***

Le risposte degli studenti si appuntarono soprattutto sull’identificazione emotiva, l’interesse per l’azione e gli aspetti socio-economici e storici.

 

La qualità del buon lettore secondo Nabokov

Per Nabokov, invece, un buon lettore dovrebbe avere:

  •  Senso artistico;
  •  Immaginazione;
  •  Memoria;
  •  Un dizionario.

 

E, secondo voi, quali sono le qualità per un buon lettore?

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Mentre leggevo, facevo la mia scelta e... coincide con quella di Nabokov: l'ho scoperto alla fine dell'articolo!

Esperimento riuscito, allora. :-)

Anch'io ho selezionato le risposte che l'Autore aveva suggerito. Ne sono felice26kmrf7!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.