Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Quale Europa?

Unione EuropeaCosa certifica la nostra esistenza? Quali le variabili in gioco? Cosa ci fa sentire di essere vivi e non morti, sangue e non ossa? Domande intorno alle quali si è interrogato il pensiero occidentale dalla seconda metà del Novecento con più forte insistenza, dopo la seconda guerra mondiale, e che tornano prepotentemente sulla scena adesso che l’Europa è circondata da guerre.

La Siria su tutte le altre è il terreno nel quale la guerra riassume la sua tragicità in un grumo di sangue innocente, e tutta l’Europa non riesce a prendere una posizione netta e definitiva com’è stato, al contrario, rispetto all’Ucraina. Esistono Paesi di serie A e di serie B, nello scacchiere mondiale, ai quali vengono prestate attenzioni diverse a seconda degl’interessi in gioco e dell’influenza esercitata da questa o da quell’altra potenza.

Possibile dirsi vivi mentre tutt’intorno cade sotto le bombe? Necessario affermare la propria vitalità politica, adesso che si vota nell’Ue, quando nel Mediterraneo la democrazia frana sotto i colpi di kalashnikov? Mentre scriviamo, tanto per cambiare esplode una bomba ad Atene, come risposta alla reintegrazione della Grecia nell’unione monetaria. Forze oscure e violente combattono contro l’unità e destabilizzano le democrazie.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Guerra, bombe e populismi montanti tengono la vecchia Europa sotto scacco, la minacciano dall’interno e dall’esterno. La parabola dell’Ue rischia di essere discendente, di cadere in un baratro frammentato e impervio, violento, fascista. Tanto è vero che qualcuno, anzi più d’uno, vorrebbe un ritorno alla centralità degli Stati nazionali contro il policentrismo delle funzioni europee. Questo è il rischio. Una dispersione europea, in questo particolare momento politico ed economico mondiale, favorirebbe l’esplosione di sfrenati egoismi territoriali con conseguenze imprevedibili e terrificanti. Ecco, dunque, i rischi dell’Europa non politica, che non c’è, che sta nel guado e nessuno le tende la mano per uscire dalla fanghiglia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.