Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Puglia infelice – Taranto, la mafia sa aspettare

Puglia infelice – Taranto, la mafia sa aspettareLe cose stanno proprio così. A Taranto si palpa l’aria densa di una città che aspetta, soffocata dall’Ilva, dalla politica e dalla mafia. Tre elementi disastrosi che si combinano come un veneficio per la città che più di ogni altra, in Puglia, rappresenta la storia e la cultura. Di quella Taranto della Magna Grecia non resta nulla, salvo la molle pigrizia di una società in declino, addormentata sugli orrori del presente.

La mafia riprende fiato dopo l’esperienza sanguinaria e fallimentare dei fratelli Modeo: una consorteria che aveva in mano tutta la città, che si estendeva nella provincia, collegandosi, di volta in volta, alla Sacra Corona, alla ‘Ndrangheta e alle autorità corrotte dello Stato (il porto di Taranto ha sempre svolto un ruolo nell’accrescimento di certi traffici illeciti, di armi, droga, mezzi militari di contrabbando, anche grazie a una forte presenza militare della Nato). Si trattava di un superclan molto violento e molto intelligente, ma non per questo infallibile.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Terminata l’era Modeo, Taranto viene in qualche misura divisa, come Berlino, in aree di influenza che si succedono nel tempo e nello spazio. Il tracollo dell’Ilva provoca un impoverimento netto della città, cosa che porta le periferie a passare da centro di consumo a soli centri di spaccio. I Tamburi, Paolo VI, lo stesso centro storico, l’Isola, si trasformano in mercatini a cielo aperto. Ma il clima miseria e di povertà, confermato dal rozzo ritorno al racket sui mitili e sulla pesca, si aggrava fino a far diventare questi quartieri il terreno di scontro tra nuovi e vecchi mafiosi.

Chi stava coi Modeo deve sparire definitivamente, questo spiegherebbe gli ultimi omicidi. E basta poco, una scintilla, un insulto o un mancato saluto, perché il piombo lasci per terra cadaveri e fomenti nuove faide. A leggerla più da vicino, la mafia tarantina sembra più interessata a sopravvivere che a fare un nuovo salto. È tutta dentro la regola della città, dentro la società cittadina. Si tira a campare o a non morire, in attesa che tornino fiumi di denaro pubblico a innaffiare i giardini della malavita e del malaffare. E di denaro ne arriverà, con la legge regionale sulla città, con l’interesse mostrato dai recenti governi al caso Taranto. Denari che possono rinverdire il rapporto già piuttosto stretto tra partiti, movimenti civici, impresa e clan mafiosi.

 

LEGGI ANCHE – Puglia infelice – Reportage sulle mafie pugliesi

 

Il clima che si respira nei quartieri di mafia è quello dell’attesa: l’aria ferma, le tapparelle abbassate, le pistole col colpo in canna. Paolo VI è una bomba a orologeria, il timer che conta il tempo da qui al prossimo omicidio per debiti, per droga, per piccoli affarucci di poco conto.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Ma su Taranto hanno puntato gli occhi i napoletani e, nuovamente, i calabresi. Anche loro, camorristi e ndranghetisti, aspettano i denari del Salva Taranto? Anche loro vogliono rifarsi la bocca col vino della speranza di Stato pagata dagli onesti per arricchire i disonesti? Lo stato di attesa si abbatte come una sordina sulla città, mettendo a tacere qualunque idea lungimirante e qualunque risveglio di legalità. Lo si è percepito durante l’ultima, nauseante campagna elettorale. Dove nessuno ha vinto davvero, con un astensionismo del cinquanta per cento e con i clan che si sono venduti sotto silenzio i voti senza mobilitarsi troppo. Poi, tra il primo turno e il ballottaggio, la mafia non ha taciuto più, ma ha sparato in pieno centro storico. Un fallito, piccolo regolamento di conti a pochi metri dal porto antico, dove i bassi delle vedette criminali puzzano come i portici di Paolo VI e dei Tamburi.

Così, tra tattiche scaramucce e omicidi, indolente va la malavita tarantina, adagiata sul comune non senso civico, su piccoli affarucci e sulla grande attesa di denaro pubblico.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.