Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Puglia infelice – Le mani dei Piromalli sulla costa di Carovigno

Puglia infelice – Le mani dei Piromalli sulla costa di CarovignoNon un clan qualunque, ma una delle più grandi famiglie di ‘Ndrangheta aveva deciso di investire in un resort e in altre attività economiche sulla costa di Carovigno, quasi dentro la riserva di Torre Guaceto.

Non siamo di fronte a un episodio isolato, ma alla rivelazione di un sistema favorito oggettivamente dalle concessioni edilizie e da inopportune variazioni di destinazioni d’uso per spazi troppo vicini al chiacchieratissimo business balneare brindisino. Il sequestro dell’area è stato accompagnato da quello di carte riguardanti le autorizzazioni comunali concesse nel 2016, pare a un mediatore già noto alle forze dell’ordine: un colletto bianco che avrebbe consentito l’ingresso nell’economia carovignese dei Piromalli.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In realtà i Piromalli sono in Puglia da un bel pezzo. È cronaca la loro interferenza nella costituzione della prima Sacra Corona Unita di Rogoli, il capoclan di Mesagne considerato capostipite della quarta mafia. La ‘Ndrangheta diede pieno sostegno organizzativo e simbolico al progetto, con riti di affiliazione per i salentini che decisero di opporsi al progetto di Raffaele Cutolo di costruire una sezione pugliese della Nuova Camorra Organizzata. I calabresi intervennero per arginare l’avanzata cutoliana in una terra di conquista quale era, ed è ancor oggi, il Salento.

Il terreno sul quale si ricostruisce la penetrazione della ‘Ndrangheta in Salento è quello di una spaventosa debolezza istituzionale e di un’evidente permeabilità dell’economia territoriale. Fattori favoriti dall’attrazione turistica che funge da maschera dietro la quale le mafie fanno business incontrollato. Infatti, chi dà lavoro – e i clan ne danno stagionalmente parecchio – controlla centinaia di voti e chi viene eletto controlla l’urbanistica, i finanziamenti europei, i bandi, le concessioni di qualunque genere a qualsiasi livello.

Con questo non stiamo dicendo che i Piromalli di Gioia Tauro esercitano compravendita di voti, ma che in questi territori la trama affaristica tra vecchia Sacra Corona, ‘Ndrangheta e politica è un dato di fatto, rivelato dalla sottovalutazione del fenomeno o dall’eccessiva retorica con la quale si prova a parlarne. Dove manca l’analisi, e in Puglia purtroppo manca quasi del tutto, nascono strambe narrazioni intorno alla criminalità organizzata atte a favorire la produzione di consenso più che a dissuadere le mafie.

 

LEGGI ANCHE – Puglia infelice – Le sette sorelle mafiose

 

A ciò si deve aggiungere la partecipazione di consulenti, avvocati, mediatori, commercialisti, agli investimenti delle mafie in questa porzione di Puglia. Una consorteria di colletti bianchi, di esperti, di funzionari pubblici usi a corrompere il sistema, più che a farsi corrompere, in cambio di denaro, immobili, favori e potere. Il potere di guidare le anime morte di una provincia dove la disoccupazione, l’abbandono scolastico, la ludopatia e la tossicodipendenza creano un esercito di vittime ubbidienti. Dove morde l’esclusione sociale, primeggia la violenta inciviltà criminale. A danno della costa e del verde, come dimostrano i roghi a Pantanagianni, le dune rimosse a Morgicchio, il cemento eccessivo a Specchiolla e a Torre Santa Sabina, i troppi resort dalla dubbia proprietà, la gestione illegale dei parcheggi pubblici, il lavaggio di denaro sporco nei lidi e nelle balere, eccetera eccetera.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Dunque, a ben guardare, i Piromalli non hanno fatto altro che entrare in un territorio mafioso di suo, già bello che pronto a stendere un tappeto rosso sotto i piedi di questo ferocissimo clan calabrese. E forse è stato proprio il territorio a chiamarli, a desiderarne la presenza, a sottoporsi di nuovo alla mai estinta legge della mafia su Carovigno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (11 voti)

Commenti

Ciao Leonardo, voglio dirti che apprezzo molto quello che fai per la nostra regione. Volevo chiederti se il sindaco di Carovigno che voleva
querelarti per aver scritto che il comune di Carovigno e' in odore di mafia (ti assicuro che non sei l'unico a pensarlo), adesso alla luce di quanto e' successo a Specchiolla con la vicenda dei Piromalli, ti ha chiesto scusa. Ti auguro di continuare con successo nel tuo lavoro.
Cordialmente ti saluto.
Angelo

Ciao Angelo,
le scuse non sono state necessarie, perché la realtà mi ha dato più che ragione, dal momento che i Piromalli sono qualcosa di enormemente superiore alla più nera immaginazione.
Carovigno è anche questo, putroppo: un sistema bene oliato di consorterie mafiose che giocano su livelli differenti, intrecciati a un pezzo del mondo imprenditoriale e politico.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.