In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Puglia infelice – La mafia delle banche

Puglia infelice – La mafia delle bancheQuando sei la regione più ricca del Sud, a viaggiare per prime, in un sistema economico governato ancora dalla morente economia finanziaria, sono le banche. Banche. Banche dentro le quali scorrono i denari del crimine organizzato pugliese dai tempi del contrabbando di sigarette. Senza l’ausilio delle banche il sistema mafioso tradizionale e quello politico non si sarebbero fusi in una consorteria stretta e dominante. Non è infatti raro, nelle inchieste giudiziarie, scovare rapporti di contiguità tra banche e mafie, tra politica e banche.

In questo momento la magistratura barese sta scoprendo che alcune banche di credito e popolari erano diventati paradisi fiscali, dentro i quali venivano costruiti pacchetti azionari imposti ai correntisti (con comportamento ricattatorio) e venivano erogati denari a imprese contigue ai clan di mafia.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Sta emergendo una trama intelligente, dove il servizio bancario diventa un tramite eccellente e super partes per affari che un tempo sarebbero avvenuti di nascosto. Questo sistema è tanto simile a quello lombardo ed è spiegato dalla relativa tranquillità economica pugliese e dalla sicurezza con la quale i dirigenti più corrotti delle amministrazioni bancarie si muovono: forti di un prestigio sociale che è accresciuto dalla crisi. Siamo di fronte a un danno morale di portata regionale, perché dai fatti della Banca 121, passata successivamente al Monte dei Paschi di Siena, fino ai più recenti riguardanti la Banca Popolare di Bari, tutto comincia a tenersi. Tenendosi si rinsalda l’idea di un modo di fare diffuso, che ha approfittato della leggerezza dei controlli di Banca d’Italia per operare a danno dell’economia legale. Tanto è vero che la Puglia è tra le regioni con la percentuale più bassa di prestiti erogati alle imprese ed alle famiglie. Vengono sostenute, invece, non poche imprese che puzzano di mafia dalla testa ai piedi.

 

LEGGI ANCHE – Puglia infelice – Reportage sulle mafie pugliesi

 

L’edilizia e l’agricoltura sono i settori nei quali questo rapporto pare essere più stretto. Settori dove tra appalti (magari truccati) e fondi europei il flusso di denaro non si arresta, ma procede indisturbato raggiungendo clan importanti come il Parisi di Bari, il Moretti di Foggia, il Li Bergolis del Gargano. Clan che hanno intrapreso una carriera da investitori, a sostegno della corruzione del sistema economico regionale e della sopraffazione sul mercato.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Banche e mafie, dunque, soffocano il mercato e lo riducono a un alibi, un paravento dietro il quale continuano a foraggiare se stesse con denaro pubblico. Quanto denaro dal Quantitative Easing della Bce è arrivato nelle casse delle mafie pugliesi? Probabilmente una enormità. Un fiume reinvestito in acquisto di droga, di armi, di immobili e terre. In cambio la società pugliese sana ottiene morte, povertà e miseria.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.