In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Puglia infelice – I flussi di cadaveri

Puglia infelice – I flussi di cadaveriOra la Puglia non è soltanto una terra attraversata da flussi migratori importanti. È una lunga regione dove anche i cadaveri possono trovare il modo di arrivare.

Qualche giorno fa è stato trovato in campagna il corpo senza vita di un ragazzo kurdo. Un giovanissimo profugo scaricato dal camionista che lo ha portato in Italia via mare. Il ragazzo è morto perché i suoi organi interni erano bruciati. Avrà fatto il viaggio vicino al motore, forse. O chissà dove altro ancora.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Il suo caso non è unico o singolare, perché nella dimensione criminale della tratta che attraversa la Puglia, di morti, di corpi lasciati al sole o di sepolture improvvisate questa terra è piena. La Capitanata ha visto sparire, dissolversi nel nulla polacchi, senegalesi, ghanesi, nigeriane… Così la provincia di Brindisi, dove gli albanesi prima, i kurdi e i siriani adesso, possono essere inghiottiti dalla morte e scaricati lungo i campi di ulivo.

La mafia della tratta viene da lontano ed è la più feroce. Questi ragazzi vengono raccolti nei centri urbani turchi o greci, dove grandi organizzatori di viaggi li smistano a pagamento verso agenzie di trasporto compiacenti. Si tratta di camion adibiti al trasporto merci (frutta, ortaggi, pesce, eccetera) dentro i quali, in appositi e asfissianti doppifondi, gli esseri umani vengono ammassati come nei treni merci nazisti. Merce. Sono merce anch’essi, i trasportati. Sono merci che hanno pagato, però. Una merce che viaggia viva e che può morire lungo il viaggio.

 

LEGGI ANCHE – La Puglia infelice – Reportage sulle mafie pugliesi

 

Queste tratte ridefiniscono la cosiddetta rotta balcanica. Una trova nella Puglia un punto d’approdo troppo controllato, per questo il rischio di morire è più alto. L’altra sale, passa per la Serbia e la Slovenia, raggiunge l’Austria e la Germania. A muovere le fila di questo traffico feroce sono sempre più i turchi, gli albanesi, i bosniaci e grandi imprese di trasporto italiane con sedi internazionali.

Il mercato degli esseri umani frutta milioni e milioni di euro, quindi non deve stupire se a costruirlo intervengono pezzi del sistema d’impresa e grandi mafie. Di sicuro la mafia di Saranda. Di certo la ‘ndrangheta che ormai dimora indisturbata in Salento. E poi i sistemi sorti dopo la guerra jugoslava. Se ne giovano i turchi, che fingono di trattenere i flussi ma in realtà edificano un apparato corrotto composto di doganieri, militari, controllori, politici e mafiosi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

A rimetterci, i migranti. Giovani come questo kurdo che solo poco prima di spirare è stato riconosciuto, che ora giace nell’obitorio dell’ospedale di Brindisi in attesa che un altro viaggio lo riporti dalla sua famiglia. Nel suo viaggio di sola andata per la morte, il ritorno a casa suona commovente per noi che mai tenteremo un esodo così pericoloso. Ma la sorte di quel ragazzo è la sorte di una Italia, di una Puglia, che escludendo i migranti favoriscono l’arricchimento mortale delle mafie dei trafficanti di esseri umani. Mafie senza scrupoli che si incontrano sul Mediterraneo e riallacciano relazioni dopo aver dormito per qualche decennio. Prima erano le armi e le sigarette, a tessere legami, ora sono i migranti: i predestinati spesso a morte certa sulle terre delle mafie mediterranee.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.