Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Puglia infelice – Gargano insanguinato perché connivente con la mafia

Puglia infelice – Gargano insanguinato perché connivente con la mafiaSono decenni che la cosiddetta Mafia del Gargano versa sangue, e sangue innocente, da Manfredonia ai laghi di Lesina e Varano.

Non è una mafia qualunque, ma un sodalizio vendicativo, sorto per fatti di abigeato sui quali ha costruito, con l’aggravante di una faida, un impero patrimoniale senza eguali, di quelli invidiabili. Infatti, al di là degli scopi interni al mantenimento del duopolio Li Bergolis – Romito (in lotta e in guerra da sempre) questa mafia è al servizio del sistema economico dello sperone d’Italia. L’economia turistica e quella rurale garganiche non sarebbero quello che sono se non fossero intervenuti i clan a sostenerla, forti dei proventi dello spaccio di droga e della compravendita di armi da e verso i Balcani, la Campania, il resto della Puglia.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

E cioè: il Gargano sarebbe ancora una depressa area del Sud se non fossero intervenute le famiglie di mafia. Su tre livelli: 1) prestando denaro alle imprese; 2) eleggendo sindaci, consiglieri comunali, consiglieri regionali e favorendo l’elezione di parlamentari ed europarlamentari; 3) riciclando denaro a fiumi nei settori economici prevalenti, compreso il turismo religioso creatosi intorno alla figura mitica di Padre Pio.

Ciò significa che questa mafia è molto bene integrata nel sistema sociale pugliese, tanto da non avere mai contro collaboratori e testimoni di giustizia. Dei 300 e forse passa omicidi garganici, sì e no una quarantina hanno un colpevole assicurato alla giustizia. Gli altri restano impuniti. Da Monte Sant’Angelo a Manfredonia, passando per San Severo, Lucera, San Marco in Lamis (dove si è celebrata l’ultima, sanguinaria mattanza qualche giorno fa), questa consorteria mafiosa ha esteso i suoi tentacoli approfittando di una notevole impreparazione della politica locale, della fragilità della società civile e della permeabilità evidente del tessuto economico. Il mix di tali fattori ha fatto diventare questa mafia il vero motore economico del territorio, il vero tratto distintivo e identitario dello sperone.

 

LEGGI ANCHE – Puglia infelice – Reportage sulle mafie pugliesi

 

Appartenere a una di queste famiglie, e sono almeno una ventina, significa avere dalla propria il denaro, il potere, il territorio, la politica, il prestigio. A memoria civile, non si registrano grandi manifestazioni di piazza antimafia sul promontorio. Le associazioni non resistono facilmente, perché circondate da un clima asfittico e velenoso che ha teso a sottovalutare la penetrazione criminale autoctona. Eppure, i segnali dell’arroganza criminale ci sono e da tempo: prostituzione ovunque, tra San Severo e Foggia; caporalato spinto e schiavistico in mano a pezzi del crimine organizzato; spaccio di stupefacenti dappertutto; racket; omicidi; furti e rapine; eccetera. Segnali di un declino evidente a cui lo Stato soltanto di recente ha deciso di dare, parzialmente, una risposta.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Allora è giusto che si moltiplichino le iniziative antimafiose, tra le quali la celebrazione del prossimo 21 marzo a Foggia voluta da Libera. Come è giusto che si apra un dibattito nazionale su questa che non è una nuova mafia, ma una mafia vecchia in odore di rinascita. Una mafia sanguinaria che non disdegna l’internazionalizzazione e la globalizzazione, che diventa sempre più 4.0 ma non rinuncia a uccidere a colpi di carabina e kalashnikov… Come tutte le mafie di un certo peso.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.