Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Produzione libraria in Italia, i dati Istat

Produzione libraria in Italia, i dati IstatSono stati resi noti questa mattina dall’Istat i risultati dell’Indagine sulla produzione libraria condotta nel 2014 al fine di «offrire una panoramica sull’offerta di libri in Italia e sulle principali caratteristiche del settore editoriale».

Al centro dell’indagine circa 2.200 editori, tra i quali anche le aziende e gli enti che stampano libri e pubblicazioni come attività secondaria e che sono presenti, seppure in modo non continuativo, sul mercato editoriale.

L’indagine, condotta attraverso interviste dirette, permette di delineare alcuni aspetti del settore sulla base di dati statistici relativi agli editori attivi e alle opere prodotte.

Vediamo, dunque, da vicino alcuni dei dati relativi alla produzione libraria del 2014.

 

Numero di editori intervistati

L’attuale indagine si basa su 2.112 editori (gli altri intervistati appartengono alle macro-categorie indicate sopra) di cui 39 nuovi, 98 cessati e 405 con produzione nulla, con una variazione del -6,05% rispetto al 2013 e del -19,36% rispetto al 2012.

 

Quale regione ha più editori attivi?

L’Istat propone anche un dato interessante relativo alla distribuzione geografica del numero degli editori attivi. L’analisi evidenzia che a dominare è il Nord-ovest, anche se lo scarto rispetto al Centro è minimo. Il Sud, invece, è in una posizione di netto distacco rispetto alle altre aree del Paese, se si escludono le Isole.

Zona

Numero di editori attivi

Nord-ovest

469

Centro

430

Nord-est

326

Sud

182

Isole

74

L’analisi dei dati per regione, invece, evidenzia una preponderanza della Lombardia con 289 editori attivi, seguita dal Lazio e dalla Toscana, mentre Molise, Valle d’Aosta e Basilicata fanno da fanalino di coda.

Produzione libraria in Italia, i dati Istat

LEGGI ANCHE – Produzione e lettura di libri in Italia 2014

 

Regione

Numero di editori attivi

Lombardia

289

Lazio

236

Toscana

135

Emilia Romagna

132

Piemonte

130

Veneto

108

Campania

75

Sicilia

51

Puglia

50

Friuli Venezia Giulia

48

Liguria

45

Trentino Alto Adige

38

Umbria

32

Marche

27

Abruzzo

27

Sardegna

23

Calabria

19

Basilicata

7

Valle d’Aosta

5

Molise

4

 

Numero di opere pubblicate

Rispetto al 2013, i dati del 2014 fanno registrare un calo complessivo del 6,69% per le opere pubblicate e un calo del 7,6% per la tiratura totale e del 0,95% per la tiratura media.

Proviamo a vedere più da vicino i dati relativi al 2014:

 

Tipi di edizione

Opere pubblicate

Variazione

2013

Tiratura media

Variazione

2013

Prime edizioni

36.442

-6,9%

2.880

+3,78%

Edizioni successive

3.763

+6,45%

2.657

-11,70%

Ristampe

17.615

-8,53%

3.006

-7,16%

 

Si tratta, dunque, soprattutto di prime edizioni (se andiamo a considerare il valore assoluto), mentre in termini di tiratura media il dato più elevato va alle ristampe, anche se va evidenziato che, rispetto al 2013, la tiratura media delle prime edizioni è cresciuta di quasi il 4%, e il numero delle opere pubblicate in edizioni successive alla prima è cresciuto più del 6%.

Altro dato interessante è quello relativo al numero di opere prodotte (e relativa tiratura media) e valore della produzione per tipologia di editore:

 

Tipi di editore

Opere pubblicate

Variazione 2013

Tiratura media

Variazione 2013

Valore della produzione libraria (milioni di €)

Piccoli editori

3.484

-26,30%

1.623

+36,27%

76,47

Medi editori

12.793

-8,42%

1.255

-3,01%

286,31

Grandi editori

44.144

-6,47%

3.385

-2%

3.115,48

 

È evidente che a controllare il mercato e la produzione siano i grandi editori, mentre per i piccoli editori si nota una contraddizione nei dati: a una forte flessione nel numero delle opere (pari a oltre il 26%) corrisponde una crescita nella tiratura media di oltre il 36%. Il che equivale a dire che i piccoli editori producono meno opere ma con una tiratura maggiore rispetto al 2013. Per i medi e i grandi editori, invece, dobbiamo parlare in entrambi i casi di una flessione in negativo.

 

In quale regione italiana si pubblicano più opere?

L’analisi evidenzia che a dominare, anche in questo caso, è il Nord-ovest, mentre lo scarto tra Centro e Nord-est è minimo.

Il Sud, invece, è in una posizione di netto distacco rispetto alle altre aree del Paese.

 

Zona

Numero di opere

Nord-ovest

28.427

Centro

11.565

Nord-est

11.256

Sud

5.596

Isole

976

 

Lombardia e Lazio si confermano nelle prime due posizioni per numero di opere pubblicate, confermando la leadership ricoperta anche per il numero di editori attivi. In relazione alle opere, però, la Toscana si lascia superare da Emilia Romagna e Piemonte, confermando che non sempre il numero degli editori attivi è in relazione a quello delle opere pubblicate. Un esempio chiaro di quest’aspetto è rappresentato dalla Puglia che con soli 50 editori attivi arriva a produrre ben 3.171 opere, mentre il Veneto con 108 editori produce appena 1.996 opere.

 

Regione

Numero di opere

Lombardia

22.292

Lazio

7.063

Emilia Romagna

6.835

Piemonte

5.467

Toscana

3.461

Puglia

3.171

Veneto

1.996

Friuli Venezia Giulia

1.450

Campania

1.225

Trentino Alto Adige

975

Sicilia

762

Calabria

690

Marche

662

Liguria

607

Abruzzo

402

Umbria

379

Sardegna

205

Valle d’Aosta

61

Molise

54

Basilicata

54

Produzione libraria in Italia, i dati Istat

Quali tipi di opere si pubblicano?

Per definire la tipologia di opere pubblicate, l’Istat analizza la produzione libraria del 2014 sulla base di tre tipi di edizione.

 

Tipi di edizione

Opere pubblicate

Variazione 2013

Tiratura media

Variazione 2013

Valore della produzione libraria (milioni di €)

Opere scolastiche

6.883

-5,43%

5.900

+21,37%

1.718

Opere per ragazzi

4.621

-16,95%

4.769

-12,17%

197

Opere di varia adulti

46.316

-5,72%

2.272

-3,85%

1.563

 

Per tutte e tre le tipologie si evidenzia un calo molto forte nel numero delle opere pubblicate, mentre per la tiratura media si registra un forte incremento per le opere scolastiche.

Molto strano risulta il dato relativo alle opere per ragazzi. Nonostante la tendenza positiva nel numero di lettori, per queste opere si registrano forti cali rispetto al 2013 sia per la quantità prodotta (-16,95%) sia per la tiratura media (-12,17%), anche se per quest’ultimo dato superano di gran lunga le opere di varia per adulti.

Stando ai dati relativi al valore della produzione, le opere scolastiche presentano sempre margini maggiori per gli editori, mentre quelle per ragazzi si confermano nell’ultima posizione con una differenza molto forte rispetto alle altre due categorie, dovuta molto probabilmente al minor numero di opere pubblicate.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Quali sono i generi più pubblicati?

L’analisi per generi delle opere più pubblicate evidenzia che i settori prediletti dagli editori sono i seguenti:

 

Genere

Numero di opere pubblicate

Religione, teologia

4.064

Storia

3.278

Diritto, amministrazione pubblica, previdenza, assistenza sociale e assicurazioni

2.978

Attualità politico-sociale ed economica

2.798

Psicologia

2.007

 

L’analisi della tiratura media, invece, mette in evidenzia generi differenti, facendo pensare a una discrepanza anche per i vari settori tematici tra il numero delle opere pubblicate e la rispettiva tiratura:

Genere

Numero di tiratura media

Libri di testo per le scuole primarie

16.710

Divertimenti, giochi e sport

6.012

Dizionari

5.213

Cucina e ricettari vari

4.808

Testi letterari classici

2.982

Fumetti

2.910

 

Dalle tabelle riportate in questa sezione sono esclusi i testi letterari moderni che saranno trattati di seguito.

Produzione libraria in Italia, i dati Istat

E la narrativa?

Sono oltre 10 mila i testi di narrativa prodotti dagli editori con una tiratura media di 4.573 e un valore totale della produzione pari a 808 milioni di euro. Quali sono i generi più prodotti e più redditizi?

 

 

Numero di opere

Tiratura media

Valore totale della produzione (milioni di euro)

Testi letterari moderni (totale)

10.399

4.573

808

Poesia

1.535

420

10

Libri di avventura e gialli

1.508

5.333

126

Altri romanzi e racconti

7.356

5.136

672

 

La poesia, ma era prevedibile, è di sicuro quella più povere per tutti e tre i dati presi in esame, mentre i libri di avventura e gialli sono quelli con una tiratura media maggiore anche rispetto ad altri romanzi e racconti, che invece presentano il valore totale della produzione più alto, superando i 650 milioni di euro.

 

E gli ebook?

L’indagine sulla produzione libraria dedica uno spazio di rilievo, poi, al mercato degli ebook che contano, in Italia, 17.140 opere prodotte (sia in maniera esclusiva sia come modalità alternativa alla versione cartacea) di cui:

  • 354 da piccoli editori.
  • 1.755 da medi editori.
  • 15.031 da grandi editori.

 

Si tratta soprattutto di prime edizioni (9.768) e ristampe (6.471) nella categoria varia per adulti (13.078).

E proprio riguardo agli ebook, l’Istat ha posto agli editori intervistanti due domande importanti rispetto al rapporto dei lettori con gli ebook e ai possibili ostacoli alla loro diffusione.

 

Cosa apprezzano i lettori degli ebook?

Secondo gli editori intervistati, il motivo principale per cui i lettori apprezzano gli ebook è da ricercarsi nella maggiore economicità e nella comodità di trasporto, mentre tutto ciò che è più strettamente connesso alla tecnologia risulta in posizione distaccata. In particolare, ecco le risposte degli editori:

  •          Il prezzo di vendita inferiore a quello dell'edizione cartacea: 66,2%
  •          La facilità di archiviazione e trasporto dei contenuti: 41,8%
  •          L'interattività nella fruizione(ricerche sul testo, segnalibri, note, formattazione, ecc.): 20,0%
  •          La facilità di reperimento e di acquisizione dei titoli: 15,1%
  •          La multimedialità dei contenuti: 11,0%
  •          L'intercambiabilità dei supporti di lettura(leggibilità su più dispositivi): 7,2%
  •          L’ampia varietà dell’offerta di titoli: 6,4%
  •          L'aggiornabilità dei contenuti: 4,3%
  •          Altro: 4,3%

Produzione libraria in Italia, i dati Istat

Quali ostacoli per gli ebook?

Manca l’odore della carta: si potrebbe riassumere così la ragione per cui, secondo gli editori, gli ebook incontrano molti ostacoli alla loro diffusione, oltre alle deboli competenze in ambito informatico dei lettori italiani.

Nel dettaglio, ecco le risposte:

  •          L'immaterialità del libro digitale: 40,4%
  •          La scarsa alfabetizzazione informatica nell'utilizzo delle nuove tecnologie: 36,0%
  •          La mancanza di un formato e-book standard: 20,2%
  •          Il prezzo dei dispositivi di lettura: 17,6%
  •          Lo scarso comfort visivo: 14,7%
  •          La scarsa disponibilità di titoli in italiano: 10,7%
  •          La rapida obsolescenza della tecnologia: 9,7%
  •          Il prezzo degli e-book: 7,7%
  •          La scarsa interattività: 5,8%
  •          Altro: 4,7%
  •          L'incertezza nella definizione delle royalties e del copyright: 4,5%

 

Distribuzione e commercializzazione: ecco le parole centrali

L’analisi della produzione libraria in Italia non può esimersi dal prendere in considerazione altri due aspetti centrali, ponendo agli editori due quesiti:

 

Quali sono i canali di distribuzione più strategici?

  •          Le librerie indipendenti: 43,8%
  •          I canali di vendita on line(librerie on line, siti di e-commerce, ecc.): 29,5%
  •          La grande distribuzione organizzata(supermercati, multistore, ecc.): 9,9%
  •          Le librerie di catena: 8,4%
  •          I punti vendita generici(edicole, cartolerie, autogrill, uffici postali, ecc.): 4,8%
  •          Altro: 3,7%

 

LEGGI ANCHE – Come promuovere un libro online

 

Quali canali usano per commercializzare?

  •          Le librerie indipendenti: 82,4%
  •          Canali di distribuzione on line (librerie on line, siti di e-commerce, ecc.): 79,1%
  •          Le librerie di catena: 61,0%
  •          Punti vendita non specializzati (edicole, cartolerie, rivendite in centri commerciali, supermercati, stazioni, uffici postali, autogrill, cinema, altri esercizi pubblici, ecc.): 42,9%
  •          Nessuno dei canali di commercializzazione indicati: 6,3%

Produzione libraria in Italia, i dati Istat

Sorprendono due dati: le librerie indipendenti, considerate strategiche da meno del 48% degli editori sono utilizzate invece da quasi l’83% degli editori, mentre la bassa considerazione sul piano strategico che gli editori riservano ai canali di vendita online e alle librerie di catena è completamente ribaltata se andiamo a guardare i canali effettivamente utilizzati. Sembra, dunque, che gli editori siano “costretti” a usare dei canali di vendita che loro stessi faticano a considerare strategici.

 

Perché in Italia si legge poco? La colpa è della scuola e dei media!

Stando agli editori, una delle ragioni della crisi del sistema editoriale sono i bassi tassi di lettura. Ma perché, in Italia, si legge poco?

 

  •          Mancanza di efficaci politiche scolastiche di educazione alla lettura: 48,7%
  •          Bassi livelli culturali della popolazione: 35.8%
  •          Insufficienti politiche pubbliche di incentivazione all’acquisto dei libri: 33,2%
  •          Scarsa promozione dei libri e della lettura da parte dei media: 29,9%
  •          Scarsa diffusione di librerie e altri punti vendita qualificati: 18,7%
  •          Prezzi di copertina troppo elevati: 14,4%
  •          Scarsa qualità delle proposte editoriali: 5,9%
  •          Scarsa diffusione di biblioteche e strutture pubbliche per la lettura: 4,8%
  •          Altro: 3,7%

 

LEGGI ANCHE – Il rapporto fra italiani e libri. Gli ultimi dati

 

Le risposte, in questo caso, sono abbastanza tradizionali ed evidenziano una propensione all’autogiustificazione, dato che solo meno del 6% degli editori ha messo in conto la possibilità che si legga poco a causa della scarsa qualità delle proposte editoriali e poco più del 14% ha evidenziato l’eccessivo costo dei libri. La maggior parte degli editori, invece, responsabilizza la scuola, la politica, i media e gli altri operatori del settore.

 

Crisi dell’editoria, ecco come uscirne

Anche in questo caso, le risposte degli editori lasciano trasparire la tendenza ad attendere un intervento dall’esterno in termini di incentivi economici pubblici sotto varie forme. Solo una piccola parte degli editori intervistati pone in evidenza la necessità di un cambiamento di approccio al mercato.

 

  •          Sviluppare le forme di distribuzione dei prodotti editoriali: 31,3%
  •          Facilitare l'accesso al credito ai piccoli e medi editori: 26,2%
  •          Promuovere incentivi pubblici per l’acquisto di libri ed e-book: 25,6%
  •          Promuovere politiche di riduzione dei prezzi: 14,2%
  •          Sviluppare le forme di cooperazione tra i diversi operatori economici del settore: 13,8%
  •          Promuovere la formazione professionale per sviluppare nuove competenze: 11,9%
  •          Accrescere la qualità dei prodotti editoriali offerti: 11,1%
  •          Promuovere detrazioni fiscali per gli esercizi commerciali che applicano sconti su libri e e-book: 10,3%
  •          Accrescere la presenza su Internet e l'attività online: 6,0%
  •          Sviluppare tecnologie per migliorare i processi produttivi: 5,6%
  •          Altro: 5,5%
  •          Potenziare la presenza sul mercato estero: 4,6%
  •          Accrescere la varietà del catalogo: 3,3%

Produzione libraria in Italia, i dati Istat

Colpisce soprattutto che appena il 6% degli editori senta la necessità di accrescere la propria presenza su internet e di incrementare le attività online. Il dato, comunque, risulta in linea con quanto dichiarato dagli editori a proposito dell’impatto della digitalizzazione del settore nei prossimi tre anni. Per più del 40%, infatti, tale impatto sarà soltanto abbastanza positivo, mentre oltre il 20% lo ritiene irrilevante e per quasi il 10% sarà abbastanza negativo.

Dall’indagine sulla produzione libraria in Italia, così come evidenziata dai dati Istat, emerge un trend negativo per tutti i parametri presi in esame: numero di editori, opere pubblicate e tiratura media.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.