Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Premio Strega 2018 – Intervista a Carlo D’Amicis

Premio Strega 2018 – Intervista a Carlo D’AmicisUn intervistatore, un bull, una sweet e un cuckold sono al centro di Il gioco di Carlo D’Amicis.

Il romanzo, edito da Mondadori e finalista del Premio Strega 2018, racconta il sesso dal punto di vista di Leonardo, Eva e Giorgio, che hanno deciso di abbracciare un ruolo preciso nel gioco sessuale e il cui “racconto” viene raccolto da un anonimo intervistatore con l’obiettivo di trarne un libro. Un libro però che non ci sarà.

E proprio dell’intervistatore e delle dinamiche in gioco nel sesso vissuto come adesione a un ruolo prestabilito abbiamo parlato con Carlo D’Amicis.

 

Mi sembra che ne Il gioco sia in scena l’esibizione dei tre protagonisti dinanzi all’intervistatore. Qual è il ruolo di quest’ultimo lungo la narrazione, ma anche rispetto ai tre che si raccontano?

L’intervistatore rappresenta il punto di vista di chi, con molta curiosità e una buona dose di pregiudizi, si affaccia su una realtà che non conosce. Le sue domande, e le risposte che raccoglie, sono appunti per un romanzo che non leggeremo mai, quasi a testimoniare l’inafferrabilità di un mondo (quello della trasgressione erotica) nel quale il senso comune è messo continuamente in discussione. Anche nello stile, l’intervistatore cerca un’oggettività che, nel confronto con la soggettività magmatica dei personaggi, finisce per risultare implausibile, se non addirittura comica.

Premio Strega 2018 – Intervista a Carlo D’Amicis

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il primo a parlare all’intervistatore è Leonardo, il bull, colui che fa sesso con una donna mentre il marito impotente resta a guardare. È proprio lui che introduce per primo il tema del sesso come gioco con i suoi rischi. Ma mi sembra che ci siano anche delle regole precise. Qual è la loro funzione nel gioco del sesso?

La trasgressione, per definizione, mira a sovvertire le regole morali e sociali che sono alla base delle nostre relazioni. Produce quindi uno spazio di libertà, nel quale l’ordine e il disordine entrano immediatamente in tensione. Qualunque sia il contesto in cui si realizza, questa tensione è per me estremamente interessante, perché ci fa capire che la domanda fondamentale, specialmente in una società molto più consapevole di un tempo dei propri diritti, non è tanto come conquistare la propria libertà, o come difenderla, ma cosa farne una volta che si è raggiunta. Darsi delle regole è inevitabile, che si parli di individui o di società complesse: la nostra libertà sta nello scegliere quelle più giuste per noi stessi e per gli altri.

Premio Strega 2018 – Intervista a Carlo D’Amicis

Il bull, la sweet e il cuckold sono i ruoli che ricoprono i tre protagonisti. Nell’aderenza a questi, i ruoli sessuali alla fine sono giocati dai protagonisti o sono subiti? Fino a che punto si può parlare di un’identità che si costruisce o ricostruisce nell’esercizio della propria sessualità?

La caratteristica di questi personaggi è in effetti quella di giocare e di essere giocati: impossibile anche a loro stessi capire se siano soggetti attivi o passivi del gioco. Quello che però veramente li distingue è la complicità: anche quando si pongono in conflitto l’uno con l’altro sono consapevoli della loro comune appartenenza a una filosofia di vita basata sul denudamento del sé. In questo senso sì, la loro sfera del desiderio li costruisce come individui, non li dissocia (come il consumo solipsistico di pornografia) da se stessi e dagli altri, ma li spinge a delle relazioni, per quanto particolarissime.

 

LEGGI ANCHE – Premio Strega: interviste e ultimi aggiornamenti

 

L’intervistatore in varie occasioni riesce a condurre i protagonisti verso il racconto di aspetti di sé che non attengono al ruolo sessuale che si sono ritagliati, e a restituirci qualche immagine della loro vita come Leonardo, Eva e Giorgio. Queste due dimensioni sono separate come spesso immaginiamo oppure c’è un legame nonostante la volontà dei soggetti di tenerle separate? Quanta consapevolezza c’è di questo mentre si aderisce a un modello/ruolo sessuale?

Il ruolo erotico che questi personaggi si sono ritagliati li separa dal mondo cosiddetto normale, ma non li dissocia da se stessi. Non c’è soluzione di continituà tra le parti del libro in cui i personaggi raccontano la propria vita al di fuori del sesso (ad esempio il rapporto con i genitori, o le esperienze lavorative) e quelle in cui il sesso entra in maniera diretta. E proprio questo il libro vuole dire: che le nostre dark room non sono staccate dal resto della casa. Anche se la gente fa di tutto per tenerle nascoste vivono con noi, dentro di noi, e ci dicono molto di come siamo o di come vorremmo essere.

Premio Strega 2018 – Intervista a Carlo D’Amicis

Il gioco può essere considerato una fenomenologia del sesso raccontata dagli stessi soggetti coinvolti? In che misura è possibile scriverne una?

Il gioco è un libro che si potrebbe riscrivere in molti modi, perché le forme del desiderio sono molteplici (basta vedere le infinite categorie con cui la pornografia in rete cerca di rispondere ai tanti immaginari). Ma alla fine sarebbe sempre lo stesso romanzo, incentrato sul sesso come proiezione del nostro inconscio, come espressione delle nostre ossessioni: l’unico approccio letterariamente possibile, secondo me, al fenomeno dell’erotismo (alla maniera di Lolita o del Lamento di Portnoy, modelli inarrivabili del Gioco).

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Come si sta preparando per la serata finale del Premio Strega?

Con molta serenità, nella consapevolezza che Il gioco contiene un elemento di provocazione, che paga uno scotto per questo e che potrebbe perfino essere respinto a priori da un certo tipo di lettore (o, in questo caso, di non lettore). In questo senso è già una grande soddisfazione essere arrivato in cinquina e aver ricevuto così tanti consensi: segno che coloro disposti al piacere di farsi scandalizzare, come diceva Pasolini, esistono ancora e, fortunatamente, non sono pochi.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: David Len.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.