Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Premio Strega 2018 – Estratto da “La ragazza con la Leica” di Helena Janeczek

Premio Strega 2018 – Estratto da “La ragazza con la Leica” di Helena JaneczekQuesto sembra essere proprio l’anno di Helena Janeczek che, dopo la cinquina del Premio Campiello, conquista anche quella del Premio Strega 2018. E lo fa con un libro, La ragazza con la Leica (Guanda), che riporta l’attenzione su Gerda Taro, intellettuale e fotografa tedesca, morta a soli 27 anni mentre documentava la guerra civile spagnola.

Dopo aver recensito il libro e aver intervistato Helena Janeczek nell’ambito del nostro speciale dedicato al Premio Campiello, qui di seguito proponiamo – per gentile concessione dell’editore e dell’autrice – un estratto da La ragazza con la Leica.

 

Vuoiconoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

Premio Strega 2018 – Estratto da “La ragazza con la Leica” di Helena Janeczek

L’altro giorno rigirava quelle conclusioni dopo essere andato dal suo barbiere in via Sicilia, quando, scendendo per via Veneto, ha visto gli scrittori e gli accademici tedeschi che usano fare della veranda del Doney il loro Stammtisch. Erano così riconoscibili dalla mimica e dai gesti misurati che conferivano un aspetto provinciale ai capi acquistati nelle sartorie raccomandate, benché le voci fossero coperte dai clacson dei giovani in motorino che salutavano gli amici seduti per l’aperitivo e dallo schiamazzo degli americani – gente che gravita intorno al cinema o all’ambasciata e al Café Doney tiene corte. Persino la bionda poetessa, celebratissima in Germania, sembrava una timida paesanotta della Carinzia nel viavai di quella compiaciuta mondanità. Però magari la intimoriva il suo compagno svizzero, non meno famoso come autore di romanzi, e attraente come può esserlo una ranocchia stropicciata che parla con la pipa in bocca.

«Dovresti discettare anche tu della massima di Adorno» ha pensato, spegnendo il mozzicone sotto il tacco.

Premio Strega 2018 – Estratto da “La ragazza con la Leica” di Helena Janeczek

LEGGI ANCHE – Premio Strega: interviste e ultimi aggiornamenti

 

All’improvviso, una ragazza che volava verso il ritrovo gli ha fatto balenare Gerda. Lei sì che sarebbe stata intonata all’ambiente, perfettamente a suo agio con camerieri e clienti d’ogni sorta: nei locali di Montparnasse era di casa, mentre a Berlino voleva sempre trascinarlo al Romanisches Café («Offro io! Non ho ancora speso quasi nulla…») dove si incontrava chiunque avesse un nome all’avanguardia.

La giovane italiana lo ha superato sui calzari contadini che Gerda portava in Spagna – espadrille si chiamano adesso che vanno di moda. E lui, in un lampo, ha visto Gerda, non com’era all’epoca, ma come sarebbe stata con quei sinuosi pantaloni alla Capri, il maglioncino in spalla, i capelli vaporosi. Quell’apparizione ha troncato le sue divagazioni, o meglio, vi si è intromessa. Quella manfrina della vita vera e della vita falsa, ti prego Georg, ma lascia perdere…

Il dottor Kuritzkes, però, ammira Adorno, tornato dall’esilio per riprendersi la cattedra francofortese mentre la cultura critica tedesca si presa al ruolo di comparsa della Dolce Vita.

Premio Strega 2018 – Estratto da “La ragazza con la Leica” di Helena Janeczek

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Hai motivo per rimproverarti di non essere andato a rifare la Germania, accanto a quelli che tengono nell’armadio la croce di ferro? si è detto, come altre volte, ma quel giorno il pensiero si è tinto dell’intonazione limpida e beffarda di Gerda Pohorylle. Così ha disceso le anse di via Veneto in uno stato di divertita meraviglia fin dove si comincia a vedere piazza Barberini. Si è lanciato nel traffico, come ha imparato a Napoli, e poco dopo aver svoltato nella viuzza che incrocia via della Purificazione, si è persuaso che anche questa volta ne uscirà bene. Se ce l’ha fatta a rivoluzionare la medicina l’ispido Bassotto, troverà anche lui qualche spazio, forse modesto, però autonomo, per dedicarsi alle sue ricerche – se non a Roma da qualsiasi altra parte. Basta aspettare il momento giusto, tenere gli occhi aperti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.