I 5 comportamenti che ci rendono infelici

Come leggere più saggi – 3 consigli

Come descrivere le emozioni nel tuo romanzo – 7 suggerimenti

Le abitudini di scrittura di Susan Sontag

Premio Strega 2016 – Intervista a Elena Stancanelli

Premio Strega 2016 – Intervista a Elena StancanelliStoria di un amore malato e di un’ossessione patologica, sono queste le definizioni maggiormente usate per il suo La femmina nuda. Fino a che punto si trova d’accordo con queste descrizioni? E come, invece, definirebbe il suo romanzo?

Sulla definizione “un amore malato” non sono molto d’accordo, perché il romanzo non racconta un amore, ma quello che accade quando una storia finisce. Quello che accade dopo, a mio avviso, non è sempre collegato con ciò che c’era prima e a un amore perfetto può seguire qualcosa di ossessivo che in precedenza non sussisteva.

Ad Anna succede che, nonostante tutto l’amore, si separa e, all’interno del materiale emotivo che prevedequella separazione, lei scivola in un’ossessione rovinosa, masochista, a cui non risponde in manierarazionale. Anche se dare una risposta razionale, in situazioni come queste, è spesso molto complicato.Se dovessi definire la storia che ho raccontato, ecco la descriverei come ciò che accade quando due personesi separano, quel territorio accidentato che riguarda le persone in quella condizione di separazione.

 

La protagonista è raccontata in tutta la sua nudità nella «gita nel regno dell’idiozia». Quant’è faticoso entrare così nella mente di un personaggio, metterne a nudo tutte le fragilità e le follie?

Per quanto possa sembrare paradossale, è più facile raccontare personaggi in una condizione di squilibrio di quanto non lo sia raccontare personaggi in equilibrio. Anche se non so dire se sia più semplice raccontare personaggi felici o il contrario. Di certo, per me è stato meno complesso narrare quella mancanza di equilibrio perché gli errori sono più permeabili dal punto di vista letterario.

Premio Strega 2016 – Intervista a Elena Stancanelli

LEGGI ANCHE – Premio Strega 2016 – La cinquina finalista

 

Sono poche le scrittrici che si cimentano con personaggi femminili di tale intensità. Molto spesso sono raccontati da scrittori. Perché, secondo lei, esiste questa sorta di asimmetria? E quanto è stato difficile “gestire” un personaggio come Anna?

Non so se sono d’accordo con lei quando dice che personaggi femminili più intensi sono stati descritti da uomini. Certo c’è molta più narrativa con voce maschile, e quindi è più agevole attingere a questa, anche per noi scrittrici. Fare una classifica, sotto questo punto di vista, è difficile, ma di sicuro ci sono molti personaggi potenti descritti da donne.

Da donna raccontare una donna ha il vantaggio di partire da dati acquisiti, come quelli di una fisicità condivisa, ma c’è pure lo svantaggio di una certa prossimità, che determina una mancanza di distanza. Che poi è ciò che succede quando uno scrittore lavora su un personaggio maschile.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Le confesso che il nome della sua protagonista mi ha richiamato subito alla mente la Karenina di Tolstoj. Le sembra un paragone troppo azzardato, oppure qualche somiglianza c’è? Come ad esempio nella relazione con Davide?

Sono lusingata dell’accostamento, ma devo confessare che si tratta di una casualità. Anna era la protagonista del mio romanzo precedente, Un uomo giusto, ed era tutt’altro che una Karenina. Il nome è stato scelto per la sua semplicità, perché mi interessava che fosse altamente condivisibile, più che per gli echi letterari.

Premio Strega 2016 – Intervista a Elena Stancanelli

L’amante dell’ex compagno diventa “Cane”, privata quindi anche della sua femminilità in un certo senso. Una violenza ancora più atroce, considerato che a usare il termine spregiativo è un’altra donna?

“Cane” è un personaggio letterario, lo è soprattutto nella testa di Anna. È quello che lei immagina sia la persona di cui si è forse innamorato il suo ex. È costruita a modello delle sue ossessioni: spaventoso, feroce, brutto. Per questo la chiama “Cane”. Al confronto con la realtà, il personaggio di Cane si dissolve e torna a essere una persona come le altre. Cane esiste finché non c’è un incontro reale. È solo nella finzione che si presenta pieno di orrore.

 

LEGGI ANCHE – Premio Strega: interviste e ultimi aggiornamenti

 

Anna è dentro tutti noi, fa parte della nostra normalità che si scontra con la perdita dell’amore, oppure è l’eccezione, che riguarda solo pochi di noi?

Immagino ci sia una parte piccola di Anna dentro tutti noi, perché questo poi dovrebbe fare la narrativa: andare a cercare qualcosa di condiviso e metterci su una lente per renderlo più evidente. Credo che questo meccanismo che si presenta alla fine di una storia faccia parte di tutti noi; quello che fa Anna è, però, un’eccezione all’ennesima potenza.

Premio Strega 2016 – Intervista a Elena Stancanelli

Come si sta preparando alla serata finale del Premio Strega 2016?

Da ora fino all’8 luglio abbiamo una piccola tournée che comincia domani e ci muoviamo tanto tra gli incontri dello Strega e le varie presentazioni del libro. Adesso sono a Urbino, per esempio. Così, grazie al cielo, non ho tempo di prepararmi.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.