Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Premio Campiello: intervista a Fabio Stassi

Premio Campiello 2013L’ultimo ballo di Charlot, edito da Sellerio, affronta il tema della sfida lanciata dal singolo alla Morte, come espressione del desiderio di continuare a vivere. Il “ballo” del suo romanzo può essere ricondotto alla partita a scacchi proposta da Bergman ne Il settimo sigillo?

In questa storia, ho inserito molti riferimenti cinematografici e letterari. Quello di Bergman è sicuramente il più manifesto e dichiarato. Ma Chaplin era innanzitutto un ballerino, e per lui ho immaginato una danza, una pantomima, piuttosto che una partita a scacchi. Ma in questa sfida anche la Morte un poco si mette in gioco. In qualche modo, si umanizza. Ride, per esempio, e le piace. Sembra voler perdere. E quando alla fine deve compiere il suo lavoro, ne è dispiaciuta, lo fa a malincuore. È una Morte che partecipa alle vicende degli uomini, ne è incuriosita, si mette nei loro panni, prova dei sentimenti.

Nella metamorfosi di Charlie Chaplin in Charlot è possibile ravvisare, in un certo senso, l’appiattimento della persona sul proprio personaggio fino a giungere a una perdita dell’identità che viene riscoperta soltanto in punto di morte?

Charlot è la maschera che contiene l’intera vita di Chaplin, compendia il suo passato, le sue esperienze, ma come tutte le maschere universali diventa più vera del vero perché finisce per appartenere a tutti. Una maschera non è un resoconto o un riassunto. È il cuore intimo di un’identità. In punto di morte, Chaplin si ricollega a quella che per lui rappresenta la verità più profonda della sua esistenza, ed è questa verità che desidera comunicare al figlio.

Il ritorno di Charlot a Chaplin, che chiude un ciclo di disvelamento, può in qualche modo ricordare l’escamotage narrativo alla base de Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde?

Il ritratto di Dorian Gray è stata una delle letture più appassionanti della mia adolescenza. Sono sempre stato affascinato dal fantastico e dalla fantascienza, anche dal punto di vista del particolare meccanismo narrativo che l’introduzione di un elemento irreale determina in un racconto e nella curiosità di un lettore. Forse sì, questa lunga lettera di Chaplin a suo figlio è alla fine una ricomposizione dell’autore con il suo personaggio, dell’immagine riflessa con lo specchio. Chaplin è un uomo mancino, un dorso come diceva nelle interviste, un uomo che sta dal lato mancino delle cose. Charlot è la sua proiezione. Un lettore, una volta, a Torino, mi ha detto che avevo scritto una storia sull’integrazione dell’ombra. Mi è parsa una definizione molto bella e sin troppo generosa.

Premio Campiello 2013, Fabio Stassi, L'ultimo ballo di Charlot«Non le avrei strappato neppure un sorriso se non fosse stato per la mia stessa vecchiaia, che è l’età più comica che si può avere». Lei ritiene che la comicità della vecchiaia sia dovuta ai limiti fisici dell’età oppure a una maturità acquisita?

Io credo che il suo sia un modo di non prendere troppo sul serio neppure la vecchiaia e, soprattutto, sé stesso. Alla fine, è un uomo come tutti. Naturalmente, nei punti in cui si manifesta la fragilità della condizione umana si dilatano sia le possibilità della tragedia che quelle della commedia. La comicità di Chaplin è una comicità sovversiva e non reazionaria perché sceglie sempre di stare dalla parte del personaggio-uomo e delle sue debolezze e di dargli la possibilità, almeno in una piccola scena, di riscattarsi con una risata dalla prepotente serietà della vita, dove invece questo non accade mai.

La precarietà esistenziale dei personaggi del suo romanzo ricorda, anche se con forme diverse, quella vissuta da molti giovani italiani e che cosa si sente di consigliare loro?

I consigli sono una pratica difficile, si rischia sempre un paternalismo che non mi piace. L’unica cosa che posso dire è che in un momento difficile della mia vita trovai in un libro di Vittorio Foa questa frase di Giambattista Vico: «Sembrano traversie ma sono opportunità». Da allora, è un po’ il mio manifesto. Le traversie le incontreremo sempre. Il difficile è rovesciarle in qualcosa di positivo. La vita è l’arte della capriola.

Lei è sia bibliotecario sia scrittore, unendo così due anime. Si sente un po’ Charlot?

Non so. Un po’, forse. Come Charlot, a volte mi sento spaventosamente inconciliabile con il mondo, un po’ fuori misura o fuor d’acqua, con gli abiti e le scarpe scambiate. Ma è una sensazione che appartiene a milioni di persone. Cerco di sforzarmi e di fare del mio meglio: ma non mi dimentico che prima che bibliotecario e scrittore, che è una parola troppo grossa, e importante, per me, sono un pendolare e il treno che condivido tutti i giorni con gli altri pendolari, ormai da vent’anni, è uno dei pochi luoghi dove non mi sembra di essere nel posto sbagliato.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.