Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Premio Campiello 2020 – Intervista a Sandro Frizziero

Premio Campiello 2020 – Intervista a Sandro FrizzieroSommersione di Sandro Frizziero, finalista dell’edizione 2020 del Premio Campiello e pubblicato da Fazi, è un viaggio nell’abisso dell’animo umano, in mezzo alle radici dell’odio di un vecchio pescatore che l’autore sceglie di non nominare. Così come fa per l’isola su cui il nostro protagonista vive.

E proprio da questo siamo voluti partire per l’intervista che Sandro Frizziero ci ha rilasciato per il nostro speciale dedicato al Premio Campiello.

 

Il protagonista del suo romanzo non ha nome. Quali sono le ragioni di questa scelta?

Non ho sentito, mentre scrivevo, il bisogno di dare un nome al mio pescatore. Il narratore che si rivolge a lui con il “tu” lo conosce così bene che non ha bisogno neppure di chiamarlo. Credo che così facendo il mio racconto assuma una sorta di valore universale che può condurre il lettore oltre a quello che, per certi versi, potrebbe sembrare un ritratto verista della provincia italiana. Anche l’isola, non ha nome perché, semplicemente, coincide col nostro mondo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Lei usa il “tu” per aprire un varco verso il suo personaggio. Una scelta in genere poco praticata. Da dove nasce quest’impostazione narrativa?

Il “tu narrante” è una forma davvero molto rara nella narrativa di oggi; in passato lo si utilizzava maggiormente. Mi è servita per esplorare una nuova modalità di avvicinamento e di dialogo col personaggio a mio avviso interessante, considerato che permette al lettore di entrare nella storia in modo forse addirittura più coinvolgente rispetto alla narrazione in prima persona. Rivolgersi al protagonista con il tu, inoltre, implica un ulteriore elemento di ambiguità, visto che chi legge è costretto a chiedersi di continuo di chi sia la voce che “parla” e quanto attendibile sia. Senza contare che, nel momento in cui il racconto assume il tono della requisitoria, il lettore non può che sentirsi coinvolto assieme al pescatore, perché nel mondo che descrivo nessuno è innocente, pur non essendosi macchiato di crimini così infamanti.

Premio Campiello 2020 – Intervista a Sandro Frizziero

L’odio sembra essere il sentimento portante del vecchio pescatore e forse esso stesso è per certi versi un protagonista del romanzo. Dove affonda le sue radici un odio così profondo?

L’odio è una delle tante forme con cui il male si manifesta nelle nostre vite. Può nascere, senza dubbio, da un senso di impotenza, di frustrazione, di ingiustizia o dall’invidia. Più che riflettere sull’unde malum, però, mi interessava mostrare quanto questo sentimento agisca, anche in maniera minima, nei rapporti umani. Del resto, del male che ci circonda si fa un gran parlare, ma spesso secondo un’ottica consolatoria per cui i malvagi pagano le loro colpe e le vittime vengono in qualche modo risarcite. Io credo che la questione sia più complessa, e che l’ingiustizia, per certi versi, sia un dato di natura.

 

LEGGI ANCHE – Premio Campiello: gli speciali di Sul Romanzo

 

Un viaggio così in profondità nell’animo umano inevitabilmente ha delle ripercussioni emotive anche su chi ne scrive e lo racconta. Com’è cambiato il suo modo di relazionarsi alla vita, agli altri e alla scrittura dopo aver ultimato Sommersione?

Scrivendo Sommersione ho sofferto molto, confesso di aver pure pianto in qualche occasione. Ma non perché questo libro abbia mutato il mio modo di relazionarmi agli altri. Si è trattato di tirar fuori una serie di temi scomodi e di raccontarli senza giri di parole, senza edulcorarli. E questo “mettermi con le spalle al muro” mi ha provocato dolore e ansia. D’altronde per me la scrittura è soprattutto questo.

Premio Campiello 2020 – Intervista a Sandro Frizziero

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Una delle immagini finali del libro è il passaggio di «un’invisibile nave lontana». Cosa rappresenta?

È un’immagine molto suggestiva, secondo me. Ma non è un’allegoria. Non rappresenta nulla di preciso. Ogni lettore potrebbe dare, del tutto legittimamente, una sua risposta.

 

Come si sta preparando per la serata finale del Premio Campiello?

Sono ancora indeciso sulla cravatta.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.