Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Premio Campiello 2020 – Intervista a Patrizia Cavalli

Premio Campiello 2020 – Intervista a Patrizia CavalliLeggere Con passi giapponesi di Patrizia Cavalli (Einaudi), se ci si abbandona senza riflessione, è un’immersione nella bellezza, soprattutto estetica. Una bellezza che ci attraversa e ci pungola, lasciando talvolta disorientati, tale è la sua potenza. Senza riflessione perché dopo i primi momenti di godimento letterario emergono la malinconia, la tristezza, la complessità della solitudine. A volte i frammenti di Cavalli sembrano un viaggio epistemologico, una disperata ricerca scientifica dei principi con i quali conoscere davvero le cose. Dalle piccole vicende della vita è possibile entrare nel suo orizzonte, peraltro in continuo divenire perché mai appagato, senza così tracciare un percorso di indagine definito e definitivo, ecco uno degli elementi caratteristici: avanzare cercando un principio per poi ritrovarsi nella consapevolezza che non servirà. Eppure, nonostante lo sfondo di malinconia, di tristezza e di complessità della solitudine, leggere Con passi giapponesi, tra la cinquina finalista del Premio Campiello 2020, dona alla fine uno sguardo non soltanto sul poeta Cavalli, come lei preferisce essere definita, ma sulla storia incredibile e appassionata di una intellettuale fra i migliori della nostra epoca e che grazie a una visione chirurgica satura di vertigini verso l’esistenza ci concede la grazia di provare emozioni rare, in questi tempi confusi e difficili.

Abbiamo rivolto qualche domanda a Patrizia Cavalli, che dall’8 settembre sarà di nuovo in libreria con una nuova raccolta di poesie, Vita meravigliosa, sempre edita da Einaudi.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

Premio Campiello 2020 – Intervista a Patrizia Cavalli

Nel fare bagagli lei rivendica i diritti di viaggiatrice pesante che in realtà cela profondità e leggerezze in una stretta relazione con l’immaginazione. È una consapevolezza che ha sempre attraversato il suo tempo oppure è mutata grazie o a causa degli eventi?

Raramente, purtroppo, direi che gli eventi sono capaci di modificare la mia immaginazione. Una volta che qualcosa nasce e si imprime nel pensiero, difficilmente riesco a convincermi del contrario. L’evidenza non è il mio forte.

 

Quando parla della sedia comodissima dell’Opéra di Parigi, dichiara: «A quali sogni ci costringono gli oggetti». Gesualdo Bufalino disse: «Oggi ho sentito oscuramente farmi festa gli oggetti della mia stanza; dirmi la loro gratitudine perché, esistendo e guardandoli io, esistono essi...»; forse in un rapporto biunivoco fra sensibilità della persona e oggetti si crea una magia che per qualcuno è impossibile evitare?

Sì, forse la poesia e la letteratura sono costituzionalmente animiste. D’altronde, ci sono esseri che sembrano invece essere totalmente indifferenti agli oggetti, che non hanno nessuna predilezione o ripulsa verso di loro. Io invece sono condannata a una continua, assoluta, estenuante attenzione verso ciò che mi sta accanto, e la mia poesia non è che lo specchio di questo tratto del mio carattere.

 

LEGGI ANCHE – Premio Campiello: gli speciali di Sul Romanzo

 

Scrive, parlando di sua madre, che fu una donna incapace di sostenere una conversazione per più di quattro minuti, preferendo una risatina a una risposta. Che cosa crede di avere ereditato da lei che con il passare del tempo le sembra che sia diventato sempre più necessario?

Non saprei rispondere a questa domanda. Credo che di mia madre sia importante quanto si è trasfigurato oscuramente in questo racconto, al di là dei fatti e degli eventi veramente accaduti. Rispetto ai lati psicologici, non saprei davvero che cosa dire.

Premio Campiello 2020 – Intervista a Patrizia Cavalli

Più volte definisce la sua immaginazione morbosa. Non crede che possa essere stato un suo valore aggiunto per osservare la realtà in modi inconsueti e che coltivandola possa rappresentare una forma di allenamento estetico, oltre che interiore? Estetico nel senso che una certa elegante letterarietà che la contraddistingue sia altresì frutto di tale immaginazione morbosa?

Sì, l’immaginazione è la più potente facoltà umana, quella che ci dà le maggiori ebbrezze ma anche le maggiori pene. Tutto deriva da lì.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

I dettagli sfiorano sempre il suo interesse e di frequente diventano partenza per viaggi di immaginazione. Non di rado l’impressione è che lei ami perdersi nei dettagli per tentare poi di ritrovarsi con nuove consapevolezze ma rimane l’idea che le sintesi e i riassunti non le appartengano affatto: una ribellione forse verso chi pensa con troppa faciloneria di capire in breve e orgogliosamente il senso delle realtà. Abbiamo letto e amato le sue prudenze tanto quanto i suoi guizzi spontanei di confidenza, ma se dovesse pensarsi diversa, come sarebbe se non avesse dedicato la vita anche alla poesia?

Avevo grandi ambizioni, e immaginavo inizialmente qualcosa che mi desse una gloria duratura tra i miei contemporanei: qualche professione eroica, che salva le vite. Oppure avrei potuto fare lo chef, con cui avrei ottenuto glorie più intime, forse, ma altrettanto definitive. 

 

Come si sta preparando per la serata finale del Premio Campiello?

Comincio a pensare alle valigie.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.