In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Premio Campiello 2019 – Intervista a Carlo Nordio, Presidente della Giuria dei Letterati

Premio Campiello 2019 – Intervista a Carlo Nordio, Presidente della Giuria dei LetteratiCome è ormai tradizione da qualche anno, la presentazione ufficiale del Premio Campiello, giunto alla sua cinquantasettesima edizione, si è tenuta a Milano nella storica Villa Necchi Campiglio, bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano. Questa è solo una delle molte tappe di quel lungo percorso che differenzia il Campiello dalla maggioranza degli altri premi letterari, in quanto composto da una serie di eventi che si snodano nell'arco di molti mesi, dalle selezioni dei racconti che partecipano alla sezione Campiello Giovani fino alla serata conclusiva del 14 settembre, nel Teatro La Fenice di Venezia dove verrà proclamato il vincitore assoluto, scelto da una giuria di trecento lettori anonimi.

La serata finale sarà trasmessa in diretta da Rai 5 e anche diffusa, in diretta o in differita, in molti altri paesi. I cinque autori finalisti, i cui nomi saranno resi pubblici il 31 maggio a Padova, saranno protagonisti nei mesi estivi di un tour di incontri che li porterà in diverse città italiane.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

In questo momento è al lavoro la Giuria dei Letterati, che è presieduta per il secondo anno consecutivo da Carlo Nordio ed è composta da Federico Bertoni, Daniela Brogi, Silvia Calandrelli, Philippe Daverio, Chiara Fenoglio, Luigi Matt, Ermanno Paccagnini, Lorenzo Tomasin, Roberto Vecchioni ed Emanuele Zinato.

Nel corso della presentazione milanese, condotta dal giornalista Giancarlo Leone, abbiamo potuto fare qualche domanda a Carlo Nordio, ex magistrato e scrittore, autore di saggi su temi della giustizia e di alcuni romanzi storici ambientati durante la seconda guerra mondiale.

 

Di solito i presidenti della Giuria dei Letterati cambiano ogni anno. Come mai lei ha deciso di ricoprire questo ruolo per due anni consecutivi?

Non ho deciso io, ma mi è stato proposto dai presidenti della Fondazione Il Campiello Matteo Zoppas e del Comitato di Gestione Piero Luxardo. L'ho ritenuto un grande onore e una soddisfazione personale, perché significa che l'impegno profuso lo scorso anno è stato riconosciuto.

È un impegno effettivamernte gravoso, perché per valutare i libri segnalati occorre leggerne davvero tanti. Per fortuna quest'anno sono arrivati con largo anticipo, per cui possiamo dire che arriveremo alla fine preparati.

Premio Campiello 2019 – Intervista a Carlo Nordio, Presidente della Giuria dei Letterati

Cos'ha imparato dall'esperienza dello scorso anno?

Mi ha insegnato molto, perché anche se io sono un appassionato lettore e ho una biblioteca di quasi diecimila libri, ero abbastanza a digiuno riguardo alla letteratura italiana contemporanea. A parte alcuni nomi, tanti autori mi erano del tutto ignoti, anche se magari avevano già vinto dei premi, perciò per me è stato estremamente istruttivo avvicinarmi a queste opere, che spesso sono nuove anche nel linguaggio. Uno degli aspetti del premio infatti è l'attenzione all'evoluzione della lingua italiana, che pur restando nell'ambito di una tradizione consolidata, come tutte le lingue deve dimostrare di essere sempre viva e vitale.

 

LEGGI ANCHE – Premio Campiello: gli speciali di Sul Romanzo

 

Qual è la maggior difficoltà che si può incontrare facendo il presidente di giuria?

In realtà direi nessuna, perché il dibattito è sempre molto aperto, ed è interessantissimo ascoltare, trattandosi di giurati molto qualificiati, le ragioni per le quali ognuno sceglie un libro piuttosto che un altro.

Il presidente della Giuria dei Letterati è un po' come il presidente di una Corte d'Appello, che anche se fa il relatore deve leggere tutti i fascicoli portati dagli altri: per fare il lavoro seriamente occorre leggere tutti i libri.

 

Lei, che è anche scrittore, come si sente a stare dall'altra parte della barricata?

Io ho scritto molto, ma stando sempre tra la saggistica giudiziaria e i romanzi storici sulla seconda guerra mondiale, in cui mescolo storia e invenzione narrativa. Non essendomi mai cimentato con il romanzo contemporaneo, in definitiva mi sento molto distaccato e imparziale. Non mi sento certo un concorrente!

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Si arriva facilmente a costruire una rosa comune di finalisti oppure le discussioni sono complesse?

Non è proprio così facile, in effetti, tanto che alla fine occorre ricorrere a delle votazioni come si fa nelle camere di consiglio dei tribunali. Per fortuna – e questo è uno dei pregi del Campiello, che ha fatto della trasparenza la sua carta d'identità – tutto avviene in pubblico, perciò chiunque viene messo in grado di capire perché viene scelto un libro al posto di altri.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.