Corso online di editing

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Premio Campiello 2014: diretta live. Vince Giorgio Fontana con "Morte di un uomo felice"

Premio Campiello 2014Questo post sarà aggiornato in tempo reale, fino alla proclamazione del vincitore dell’edizione 2014 del Premio Campiello.

Per il secondo anno consecutivo, Sul Romanzo è al Teatro La Fenice per seguire da vicino l’evento, che, nella passata edizione, ha visto come vincitori Ugo Riccarelli con L’amore graffia il mondo (Mondadori) e, per la sezione Opera Prima, Matteo Cellini con Cate, io (Fazi).

Anche per quest’edizione 2014, vi racconteremo il dietro le quinte della manifestazione e cercheremo di raccogliere gli umori e le sensazioni dei finalisti: Mauro Corona (La voce degli uomini freddi, Mondadori), Giorgio Falco (La gemella H, Einaudi), Giorgio Fontana (Morte di un uomo felice, Sellerio), Fausta Garavini (Le vite di Monsù Desiderio, Bompiani) e Michele Mari (Roderick Duddle, Einaudi), oltre a Stefano Valenti vincitore del Premio Campiello Opera Prima con La fabbrica del panico (Feltrinelli).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

Ore 22.00: Vince il Premio Campiello 2014 Giorgio Fontana con Morte di un uomo felice (Sellerio) con 107 voti.

Giorgio Fontana

 

 

Michele Mari (Roderick Duddle): 74 voti

Mauro Corona (La voce degli uomini freddi): 43 voti

Giorgio Falco (La gemella H.): 36 voti

Fausta Garavini (Le vite di Monsù Desiderio): 31 voti

 

 

Votazione

 

Ore 21:45: Premio alla carriera a Claudio Magris. Grandi applausi in sala.

Ore 21:39: Premio Campiello Giovani a Maria Chiara Boldrini, con il racconto Odore di sogni.

Ore 21:35: Premio Campiello Giovani dell'Europa ad Ambra Giacometti, per il miglior racconto estero, con Anemia. Sì, è lei, quella che aveva vinto anche l'anno scorso.

 

 

Giovanni Arpino

Ore 21:30: nuova votazione e Giorgio Fontana è sempre primo.

Ore 21:25: Ricordo di Giuseppe Berto, nato 100 anni fa e vincitore del Premio Campiello. Un neorealista, ma è una categoria che gli stava stretta. Monica Guerritore legge un estratto da Il male oscuro.

Ore 21:20: Giorgio Falco è di turno. "Il distacco del narratore è fondamentale senza eccedere". Marcorè gli chiede dell'ossessione delle merci e Falco risponde: "Tante situazioni nate negli anni Trenta, a me interessava questo".

 

Mario Valeri Manera

Ore 21:07: Mauro Corona è al centro del palco. Camicia blu e scarpe da ginnastica rosse: la ritualità del premio! "I premi letterari sono come un'aspirina, fanno bene sul momento, se li vinci. Altrimenti sono come uno shock anafilattico".

Ore 21:05: nuova votazione: Fontana, seguito da Mari, Corona, Falco e Garavini.

Ore 21.00: è il turno di Fausta Garavini. "Il pittore vive in un momento tormentato e la sua mente si sviluppa con queste problematiche". Marcorè annuisce. E basta.

Ore 20.53: premio per Opera Prima a Stefano Valenti, per La fabbrica del panico (Feltrinelli). "Non esiste più l'orgoglio della classe operaia". Tutti si guardano intorno: che sia entrato un operaio a teatro? No, Pennacchi non c'è.

Ore 20.50: questo nella foto è Mario Valeri Manera, il fondatore del Premio Campiello. Ricordiamolo, su!

 

Scrittori

 

Ore 20:46: ora tocca a Giorgio Fontana che, visibilmente emozionato, fa un riassunto del romanzo. Ma lo abbiamo letto, eh, fidati di noi, Giorgio, ti abbiamo anche intervistato. Poi dice: "Ho studiato moltissimo" per parlare di temi così importanti. "Noi trentenni dobbiamo combattere per la democrazia e una società più equa".

Ore 20.40: conversazioni con gli scrittori. Michele Mari cita la letteratura del Settecento come una sorta di igiene stilistica.  Geppi lo guarda, e noi con lei.

Ore 20:34: primi 50 voti scrutinati: Fontana è primo, seguito da Mari. 

Ore 20:22: gli scrittori sono sul palco. Ingressi molto tradizionali. Unica segnalazione interessante: l'applauso che ha accolto Giorgio Fontata. La claque, secondo Geppi Cucciari, che, si sa, è un po' malpensante.

 

Carlo Sgorlon

Presentatori

Ore 20:21: un saluto al notaio, immancabile ed elegantissimo, che annuncia che, per la prima volta, lo spoglio dei voti avverrà in teatro.

Ore 20.19: Monica Guerritore e Roberto Zuccato si congedano, e Neri Marcorè ci spiega il meccanismo delle votazioni. No, non siamo a Sanremo, tranquilli, lo spiegheranno una volta sola, anche se io avrei lasciato sul palco la Guerritore ancora un po'.

Ore 20.13: Anche il presidente della Giuria dei Letterati, Monica Guerritore, è sul palco, e ricorda la sua prima esperienza a La Fenice.

Ore 20.11: Roberto Zuccato, presidente di Confindustria Veneto, sale sul palco per un saluto. "Cultura è capire i valori". E come possiamo dargli torto!

Ore 20.09: si comincia sul serio. Ecco i due conduttori. Elegantissimi ed emozionati, come di prassi, insomma. Per ora, nessuna novità :-)

Ore 20:07: Ehm, era un falso inizio... trattavasi di controllo microfono. Qualcuno pensa di ritirare gli applausi, ma no, siamo generosi, suvvia.

Ore 20:04: alcuni momenti di silenzio surreale, quando non si sa bene cosa dire, ma è INIZIATO! Anzi, no... stiamo attendendo qualcuno. Chi?

 

Teatro La Fenice

Ore 19:58: i primi applausi! A chi? Il sipario è ancora chiuso, ma qui sono tutti pieni di fiducia, evidentemente. Ma no, è per mettere fretta ai ritardatari.

Ore 19:55: il teatro inizia a riempirsi, ma piano piano ché qui non si può mica correre.

Ore 19:50: in sala stampa si comincia a rumoreggiare... giornalisti che iniziano già a scrivere... come dire, chi ha tempo non aspetti tempo :-)

Ore 19:40: l'attenzione è tutta concentrata su quelle cinque poltroncine bianche sullo fondo. Lì siederanno i cinque finalisti: Mauro Corona, Giorgio Falco, Giorgio Fontana, Fausta Garavini e Michele Mari.

Ore 19:20: siamo dentro! Il Teatro è ancora vuoto, ma l'emozione è enorme. E non solo per noi. Qui, sono tutti elettrici!

Ponte di Rialto

 

Ore 19:00: e mentre ci avviciniamo al Teatro La Fenice, come non ricordarci di qualche lettura da Premio Campiello.

«Un padre e una figlia eccoli lì: lui biondo, bello, sorridente, lei goffa, lentigginosa, spaventata. Lui elegante e trasandato, con le calze ciondolanti, la parrucca infilata di traverso, lei chiusa dentro un corsetto amarantato che mette in risalto la carnagione cerea».

Dacia Maraini, La lunga vita di Marianna Ucrìa, Rizzoli. Premio Campiello 1990.

Ore 18:50: come promesso, eccoci qui. Questo è il Ponte di Rialto che, per l'occasione, sfoggia uno striscione dedicato al Premio Campiello. Ci siamo quasi!

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.