Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Premio Campiello 2013: diretta live. Vince Ugo Riccarelli con "L'amore graffia il mondo"

Premio Campiello 2013

Questo post sarà aggiornato continuamente, fino alla premiazione del vincitore dell’edizione 2013 del Premio Campiello.

Sul Romanzo, ospite del Teatro La Fenice, per la gran finale del Premio Campiello, vi racconterà in tempo reale quello che succede dietro le quinte, incluse le emozioni dei finalisti in gara, che abbiamo intervistato nelle scorse settimane: Fabio Stassi (L'ultimo ballo di Charlot, Sellerio), Valerio Magrelli (Geologia di un padre, Einaudi), Beatrice Masini (Tentativi di botanica degli affetti, Bompiani), Giovanni Cocco (La caduta, Nutrimenti) e Matteo Cellini (Cate, io, Fazi). Purtroppo, Ugo Riccarelli (L'amore graffia il mondo, Mondadori), da poco scomparso, non sarà presente alla cerimonia, ma le emozioni della sua scrittura resteranno comunque in gara.

Premio Campiello 2013

 

 

 

 

Ore 22.10: Il taglio della torta! 

 

 

 

 

 

 

Premio Campiello 2013

 

 

 

 

Ore 21.50: La moglie di Ugo Riccarelli entra in Sala Stampa per salutare i giornalisti. È visibilmente commossa.

 

 

 

 

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Premio Campiello 2013

 

Ore 21.20: Ugo Riccarelli vince il Premio Campiello con L'amore graffia il mondo, Mondadori, con 102 punti. 

Stassi: 83
Cocco: 47
Masini: 36
Magrelli: 21
 
Ore 21.15: Premio alla carriera ad Alberto Arbasino
Ore 20.57: Letture da Campiello
Si può sognare tutto. Non c'è imputabilità. Il sogno è veramente libero, non lo può arrestare nessuno.
Mario Tobino, Per le antiche scale, Campiello 1972.

Ore 20.50: Tra i Presidenti della Giuria dei Letterati ci sono stati Carlo Rubbia, Margherita Hack e Mario Monti. Quest'anno è Paolo Crepet. Inspiegabili mormorii in Sala Stampa.

Ore 20.48: L‘anno scorso vinse Premio Campiello Opera Prima Roberto Andò

Ore 20.47: Incursione sulromanzina in Sala Stampa.
 

Premio Campiello 2013

 

Ore 20.40: La giuria popolare, eccola finalmente:

29 casalinghe, 50 imprenditori, 97 lavoratori dipendenti, 74 liberi professionisti e rappresentanti istituzionali, 33 pensionati, 23 studenti.
150 uomini e 150 donne.

Tra i personaggi famosi: l’Onorevole Giorgia Meloni, il giornalista Nicola Porro, l’imprenditore Gaetano Marzotto, gli attori Ottavia Piccolo e David Ottolenghi (Giole Dix), il presentatore Fabio Canino, il comico Flavio Oreglio.

Ore 20:34: La genuinità di Stassi a noi piace molto!

Ore 20.30: Letture da Campiello

Lo vedi? Quando mai per le opere di misericordia c'è voluto un permesso speciale?
Ignazio Silone, L'avventura di un povero cristiano, Mondadori, Campiello 1968.

Ore 20.26: Paolo Crepet noi non lo abbiamo mai capito, voi?

Ore 20.23: Ha inizio lo spettacolo!

Ore 20.20: Gli scrittori sono tutti seduti e già si sente il palco tremare. E se lo sentiamo noi dal loggione, figurarsi Geppi Cuppiari che sta sul palco.

 

Premio Campiello 2013

 

Ore 20.17: Ecco gli scrittori: Cocco (visibilmente emozionato, sbaglia sedia), Magrelli (che gli dice di spostarsi, ma parlando nel microfono e tutta Italia lo sente), Masini (elegantemente semplice), Stassi e il toccante ricordo di Ugo Riccarelli.

Ore 20.14: In scena il notaio!

Ore 20.07: Il Presidente di Confidustria elogia la cultura in Veneto. Ma anche un po' in Italia, suvvia.

Ore 20.03: S'apre il sipario. Geppi Cucciari e Neri Marcorè e via con il saluto del Presidente di Confidustria.

Ore 20.00: Letture da Campiello

Penso che questa storia della mia lunga lotta col padre, che un tempo ritenevo insolita per non dire unica, non sia in fondo tanto straordinaria se come sembra può venire comodamente sistemata dentro schemi e teorie psicologiche già esistenti.
Giuseppe Berto, Il male oscuro, Rizzoli, Campiello 1964.

Ore 19.57: Manca davvero poco. L'atmosfera è più che elettrica. Chi vincerà?

Ore 19.51: Abbiamo preso posto. Ora è certo, non possono più mandarci via!

 

Premio Campiello 2013

 

Ore 19.45: Il Teatro inizia ad abituarsi al Campiello. Un po' alla volta e ce la faremo.

Ore 19.23Letture da Campiello

Sognavamo nelle notti feroci
Sogni densi e violenti
Sognati con anima e corpo
Primo LeviLa tregua, Einaudi, Campiello 1963.

Ore 19.15: Siamo dentro il Teatro La Fenice!

Ore 18.44: Ci stiamo avvicinando al Teatro La Fenice. La foto funge da prova.

Ore 18.00: Siamo appena saliti sul vaporetto che ci porterà al Teatro La Fenice. È ufficiale: siamo emozionati!

 

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Complimenti Morgan per la cronaca e il racconto di un evento così interessante.

Suggerisco uno dei momenti più significativi.
Il premio alla carriera ad Alberto Arbasino.

La domanda di Geppi Cucciari...tra gli scrittori, come lei ha detto, si possono distinguere tre gruppi: giovani promesse, soliti stronzi e grandi maestri...quali le sembra siano oggi i più diffusi?
Arbasino: in fondo...i soliti stronzi....
Al di là della battuta Arbasino aggiunge che ai suoi tempi i grandi maestri erano: Carlo Emilio Gadda, Aldo Palazzeschi, Roberto Longhi, Gianfranco Contini...ecco...chi sono, chi sarebbero i grandi maestri di oggi?

Dovremmo cercare di accettare la palla lanciata da Arbasino e tentare di rispondere.

Ancora Arbasino sottolinea che la "letteratura" italiana contemporanea è già abbastanza varia però per niente rivoluzionaria...perchè i libri pubblicati oggi tendono al "facile" per non dire alla "faciloneria"...

Anche questa osservazione andrebbe colta come punto di partenza per le riflessioni sulla scrittura contemporanea in Italia....

Per dire che il gran Lombardo, anche Arbasino lo è senza dubbio come il grande ingegnere, ci ha offerto in poche battute tanti spunti di riflessione.

Grazie, ringraziamento che giro a tutti i collaboratori coinvolti che hanno seguito il premio Campiello.
Arbasino non si smentisce mai, sempre provocatorio...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.