In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

“Premiata ditta Sorelle Ficcadenti” di Andrea Vitali

Andrea Vitali, Premiata ditta Sorelle FiccadentiDi Andrea Vitali, medico scrittore che da quasi venticinque anni pubblica romanzi che hanno conquistato un folto e solido pubblico di affezionati lettori, è appena uscito Premiata ditta Sorelle Ficcadenti (Rizzoli), ambientato come sempre nella Bellano che sembra fornire all’autore materiale infinito per le sue storie, situate molto spesso in un passato più o meno recente.

Questa volta ci troviamo verso la fine del 1915, nei mesi successivi all’entrata dell’Italia nella prima guerra mondiale, quando la vita sonnolenta del paese viene turbata dall’arrivo di due giovani sorelle, Giovenca e Zemia Ficcadenti, inspiegabilmente bellissima la prima e bruttissima la seconda, che aprono una merceria, ostentando l’insegna che dà titolo al romanzo.

Da questo primo fatto parte una serie di reazioni a catena, che coinvolgono diversi abitanti del paese, a partire dai due titolari delle preesistenti mercerie, da sempre rivali ma in questo frangente coalizzati contro le nuove concorrenti, che cercano di screditare e di ostacolare con tutti i mezzi che hanno a disposizione. Ci sono poi le devote frequentatrici della chiesa, scandalizzate dalla bellezza sfrontata di Giovenca e dalla sua disinvoltura, tra cui spicca Stampina, disperata perché il figlio Geremia, un ingenuo tontolone, ha dichiarato di essere perdutamente innamorato della nuova merciaia e di volerla sposare a tutti i costi.

Stampina chiede l’intervento del parroco, costretto a destreggiarsi tra suppliche e pettegolezzi inquietanti, in un susseguirsi di scoperte che conducono a un finale appena tinto di giallo, che riporterà comunque la pace nel paese.

È un romanzo corale, in cui ogni capitolo introduce nuovi personaggi, dai nomi curiosi e intriganti come è nello stile di Vitali: il prevosto don Primo Pastore e la sua perpetua Rebecca che vede il diavolo ovunque, la desolata Stampina Credegna con il marito Amerisio Pradelli, i merciai rivali Tocchetti e Galli, il segretario comunale Cesarino Pazienza, il sagrestano Aristide Schinetti, il maresciallo dei Regi Carabinieri Aristermo Citrici, il tenente Ireneo Coloni, il poeta fallito Novenio Trionfa, ostinato imitatore di D’Annunzio, e il losco notaio Editto Giovio, che millanta addirittura una discendenza dall’illustre storico Paolo Giovio.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Andrea VitaliVitali racconta l’intrecciarsi delle storie con il tono lieve e ironico di sempre, ricorrendo con disinvoltura a un’alternanza serrata tra la narrazione principale e i continui flashback, destinati a svelare al lettore tutti gli antefatti indispensabili per comprendere certi comportamenti, in apparenza oscuri, dei personaggi, e le loro reali motivazioni.

Quello che ci offre ancora una volta, senza deviare dai suoi abituali percorsi narrativi, è un grande affresco della vita di paese, con tutto il suo corredo di vizi e virtù, rivalità e pettegolezzi, velocità di trasmissione delle notizie e capacità di deformarle a dismisura, persino andando oltre le primitive intenzioni di chi ha dato l’avvio alla loro diffusione.

C’è solo da tirare un poco le orecchie a Vitali, e all’editor di casa Rizzoli che ne ha curato la pubblicazione, per la totale incongruenza con cui ci presenta, a pagina 29, la bellissima Giovenca Ficcadenti che «indossava infatti un cappotto rosso scuro, le labbra perfettamente disegnate con un rossetto che faceva pendant con il cappotto, calze a rete con la riga, scarpe nere décolleté, ed esibiva una chioma bionda e leonina, oltre a svariati anelli alle dita».

Siamo, come si è già detto, nel 1915, epoca in cui le donne adulte portavano i capelli rigorosamente raccolti e vestivano ancora con abiti lunghi fino ai piedi, impedendo quindi la vista di eventuali calze a rete  che, peraltro, sarebbero entrate in uso solo molti anni dopo, oltre a vestirsi rigorosamente di nero se colpite da lutto stretto come Giovenca, cosa che il lettore scoprirà ben presto approfondendo la conoscenza del personaggio.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.