Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Potere del consumo e rivolte sociali, un'analisi impietosa della società contemporanea

Potere del consumo e rivolte sociali, un'analisi impietosa della società contemporaneaMassimo Ilardi, autore di Potere del consumo e rivolte sociali (DeriveApprodi, 2017), insegna Sociologia Urbana presso la Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno, Università di Camerino. Ha pubblicato diversi saggi sulle nuove realtà urbane, analizzando le trasformazioni avvenute nelle città negli ultimi decenni e i rapporti tra la politica, l'economia considerata essenzialmente come mercato e il consumo, che diventa protagonista di questo suo nuovo libro.

In passato siamo stati abituati a leggere analisi sociologiche in cui il consumatore veniva ritratto come un soggetto del tutto passivo, incapace di effettuare scelte critiche in quanto suggestionato dalla pubblicità e indotto a effettuare i suoi acquisti in modo quasi automatico, ma Ilardi si discosta totalmente da queste tesi per analizzare in un modo del tutto diverso la realtà attuale. Mentre la società contemporanea ha subito delle trasformazioni radicali, sostiene, il pensiero critico è rimasto ancorato alle idee formulate nel Novecento: per questo si rivela spesso inadeguato ad affrontare i temi più scottanti, su cui la politica sta mostrando tutta la sua impotenza, a cominciare dall'amministrazione delle grandi città, le cui strutture sono ormai ben diverse da quelle che potevano essere ancora valide fino a qualche decennio fa.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La gestione del territorio è oggi basata sul consumo, ed è a esso che guardano, bene o male, tutti i grandi progetti architettonici: mentre l'urbanistica residenziale ha subito ben poche modifiche, si costruiscono centri commerciali, cinema multisala, musei, aeroporti, cioè luoghi delegati al consumo. Consumo che non è solo l'acquisto di un bene concreto, come un abito o un paio di scarpe, ma anche fruizione di uno spettacolo, di una mostra, di un viaggio. Consumo che determina frustrazione e rabbia in chi non riesce ad appropriarsene, se non in modo violento, a partire dai famosi "espropri proletari" avvenuti un po' ovunque dalla fine degli anni Sessanta e ricomparsi sporadicamente anche in tempi successivi. È il consumo, o meglio la possibilità di accedervi, più che altre istanze politiche o culturali, a fomentare le ribellioni delle periferie e delle classi meno abbienti.

Non è quindi l'economia di mercato a dettare legge, così come non lo è più da tempo la politica: è il consumo a determinare le scelte delle moltitudini del mondo e a ridisegnare le città, allontanando gli abitanti dai centri storici per dirottarli verso le periferie, dove i centri commerciali sono i nuovi poli d'attrazione, mondi artificiali (i "non-luoghi" di Marc Augé) dove si crea una finta socializzazione, perché in realtà il consumo è un processo del tutto individuale.

Potere del consumo e rivolte sociali, un'analisi impietosa della società contemporanea

In sintesi, se nel mondo occidentale contemporaneo si assiste alla crisi delle due grandi forze motrici del passato, la politica e l'economia, questo avviene perché il nuovo dominio del consumo non rispetta le regole, rifiuta ogni inquadramento e diventa un potente fattore d'inquietudine e d'instabilità sociale. Non contano più il lavoro, la solidarietà, la coscienza di classe, il senso di appartenenza a una comunità: l'individuo persegue un proprio stile di vita in modo del tutto autonomo, alla ricerca di una libertà individuale che è soprattutto libertà di movimento, fino a toccare il mondo dell'illegalità.

Potere del consumo e rivolte sociali, un'analisi impietosa della società contemporanea

La politica, tra l'altro, non interessa più perché ha tempi troppo lunghi rispetto all'impazienza del consumatore, abituato a soddisfare subito i propri desideri: occorre tempo per proporre leggi e votarle, per concretizzare le promesse elettorali, e in un mondo dove tutto si consuma sempre più in fretta questo determina una caduta d'interesse da parte del cittadino.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Sono davvero tanti gli spunti d'interesse di questo saggio, la cui lettura risulta abbastanza impegnativa perché il testo è denso di concetti che possono risultare un po' ardui da assimilare da parte di un lettore non specialista, ma le tesi sostenute in Potere del consumo e rivolte sociali ci invitano a osservare la società contemporanea con uno sguardo nuovo rispetto alle nostre convinzioni abituali.


Per la prima foto, copyright: Philipp Balunovic.

Per la terza foto, copyright: NeONBRAND.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.