In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Poeti dal carcere

Poeti dal carcereÈ possibile conservare l’animo da poeti pur trovandosi in carcere? Stando al Premio Goliarda Sapienza sembrerebbe proprio di sì.

Si chiama “Poesie dal carcere”, infatti, questa sezione speciale del Premio Goliarda Sapienza “Racconti dal Carcere”, di cui abbiamo parlato qualche tempo fa, promossa da SIAE, DAP–Dipartimento Amministrazione Penitenziaria e inverso Onlus.

Oggi, il poeta Elio Pecora, presidente della Giuria, composta da Edoardo Albinati, Silvia Bre e Roberto Deidier, ha annuncio i due vincitori, di cui possiamo leggere le due poesie.

 

VIENT di G. Striano, «scritta con una lingua tratta dal dialetto ma risulta del tutto inventata per la qualità del sentimento che la germina e la vivifica» commenta Elio Pecora.

Vient

Iuorn e nott

vient che vott

arap ste port

che veng cu te.

Vient vien stanott

che i t’aspett

m facc liggier

che pozz vulà

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

CELLA SESSANTAQUATTRO di G. Allegria, che «unisce forma e sostanza. La sua poesia è composta in quartine risolte con indubbia sapienza ritmica».

Le sbarre alla finestra,

IL blindo sempre chiiuso,

Parlano com’è d’uso

Di strada mala e storta.

 

Quante volte odi

Strascicare i miei passi?

Insensibile lasci

Pensar la mente assorta.

 

Io penso, penso, penso:

Alfine sempre torno

A quel che mi sta intorno

Che l’occhio mio sconforta.

 

«Se la poesia nasce dalla solitudine e dal silenzio – e parliamo di silenzio interiore, di quello che apre spazi interminabili e inquieta e conforta insieme, conclude Elio Pecora – quanto di poesia viene scritto nelle carceri scaturisce da un doppio bisogno: quello di consegnarsi a parole durevoli superando così il rumore e la chiacchiera, e il bisogno di andarsene, grazie a quelle parole, senza impedimenti nel mondo dei liberi».

E se è vero che tutte le poesie, come sostiene Elio Pecora «significano di ricerca di verità e di amore per la scrittura come crescita di sé e come vera intima liberazione», cioè vale senz’altro ancor più per i nostri poeti dal carcere.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.