In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

“Piccolo testamento” di Gabriele Dadati

“Piccolo testamento”, di Gabriele DadatiPer rispetto all’autore dico le seguenti cose: Piccolo testamento è stato letto in quattro viaggi in metropolitana della durata di 13’ circa ciascuno e qualche ora serale disteso sul letto con il pc a portata di mano, con incursioni su facebook; è stato letto a Torino, le due serate erano particolarmente afose, straordinariamente liquide per essere settembrine; prima della lettura non conoscevo il nome Gabriele Dadati; la ricerca su google “Gabriele+Dadati+Vittorio” l’ho fatta l’ultima sera, arrivato a pagina 88, e lì si è aperta un’intervista che ho chiuso quasi subito, appena letto che non si chiamava Vittorio la persona che ha ispirato il libro alla base del quale “c’è un lutto reale che è stato per me particolarmente doloroso” (pagina 117, annotazione finale), e che neppure lavorava in ambito prettamente letterario.

Per rispetto al lettore dico le seguenti cose: le indicazioni della casa editrice sulla seconda di copertina – che leggo sempre dopo, quando prendo l’impegno di parlare di un libro che non scelgo - mi sembrano pertinenti e veritiere: “Nell’arco di una lunga notte, la storia di una grande amicizia. (…) romanzo intessuto di esperienza vera. La storia di un’educazione, di una perdita e di un’eredità. Una storia molto personale, certo, ma anche un capitolo di storia di questa Italia che va in disfacimento, e forse morirà, senza lasciare ai propri figli un’eredità precisa”; ammesso che distinguere abbia un senso, questo scritto definito romanzo a me pare più un racconto lungo (indipendentemente dal numero di pagine, che sono 105 nette delle edizioni Laurana).

La storia è questa: un giovane scrittore piange la morte di quello che è stato il suo mentore, un intellettuale anagraficamente genitoriale, e lo piange in una lunga notte insonne in cui ricordo, ombra del ricordo e realtà si combinano a formare un quadro definito dell’uomo Vittorio e dell’impronta di quell’uomo sullo scrittore.

Una specie di biografia per pensieri, se vogliamo, che sono gli insegnamenti che l’autore ha fatto suoi, non semplicemente un’aneddotica fine a sé stessa, insegnamenti che travalicano l’aspetto professionale del rapporto, lavoro e vita che procedono, nel flusso di coscienza ordinato e strutturato, al passo: il mestiere remunerato di scrittore, di collaboratore di riviste e case editrici, e il mestiere di critico letterario, di intellettuale, che non necessitano di orari di ufficio o di luoghi alieni a quelli in cui si vive la quotidianità: l’adulto e il giovane si incontrano spesso nell’abitazione privata dell’adulto, spesso in ore serali, e sono certamente quelli i luoghi – il salotto, il balcone –raccontati con più calore.

Una specie di biografia che, però, rimane fiction: per quanto saggi e spesso indiscutibili, gli atteggiamenti nell’approccio alla vita e al lavoro dell’adulto Vittorio sono fortemente legati all’emotività che muovono nel protagonista, per cui l’identificazione del lettore – soprattutto in alcune pagine particolarmente felici, coinvolgenti – avviene vivendo il privilegio - e il dramma che segue l’impossibilità di non viverlo più – del giovane scrittore e non, in assoluto, nell’essere fruitore altrettanto degli insegnamenti dell’intellettuale.

Vi è qualche licenza: il luogo comune dello scrittore che vive nell’appartamento modesto, riadattato a scannatoio per giovani donne che entrano ed escono il tempo di un amplesso tra libri in disordine e appunti sparsi, le sue vanità: un certo – dichiarato, anche se non in questi termini – snobismo per cui si avverte l’esigenza (per insicurezza?) di scrivere frasi come “l’imperfetto dell’indicativo usato sia nella protasi sia nell’apodosi del periodo ipotetico”, tuttavia queste licenze sono ampiamente perdonabili.

L’annotazione completa, a pagina 117, è questa: “Alla base del libro c’è un lutto reale che è stato per me particolarmente doloroso. Avrei preferito non doverlo affrontare, e non mi illudo che scrivere un romanzo possa costituire una forma di risarcimento. Spero tuttavia di essermi comportato con dignità”.

Per quanto mi riguarda, Gabriele Dadati, la risposta è: sì, ti sei comportato con grande dignità.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.