Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Perché tu non ti perda nel quartiere”, Patrick Modiano e i segnali luminosi

“Perché tu non ti perda nel quartiere”, Patrick Modiano e i segnali luminosiPerché tu non ti perda nel quartiere (edito da Einaudi nella traduzione di I. Babboni) è il premuroso mantra del nuovo romanzo di Patrick Modiano, premio Nobel 2014 per la letteratura. Stendhal lamenta, dall’epigrafe, di non poter restituire la realtà dei fatti, ma di poterne però «presentare l’ombra»; ed è una storia di ombre e fantasmi quella di Jean Daragane, anziano scrittore in una Parigi disillusa, che un giorno riceve una telefonata inaspettata e avverte «come una puntura d’insetto che all’inizio ti sembra molto lieve». Gilles Ottolini ha ritrovato un taccuino smarrito, ma quando Daragane accetta d’incontrarlo perché gli venga restituito, Ottolini si dimostra particolarmente interessato a un nome appuntato anni prima tra quelle pagine: Guy Torstel. Si innesca una giostra di telefonate, messaggi e intrusioni da parte del giovane e di Joséphine Chantal Grippay (ma perché, poi, avrà cambiato nome?), la quale rivela a Daragane le vere intenzioni del suo compagno: Ottolini sta cercando informazioni per scrivere sull’irrisolto omicidio di una donna, un delitto avvenuto sessant’anni prima, e crede di poterle ottenere proprio dal vecchio scrittore. Chantal consegna a Daragane un dossier di appunti disordinati, e tra le pagine emerge la foto di un bambino.

La puntura d’insetto che all’inizio sembrava molto lieve, allora, diventa insopportabile. Tra le righe fitte di quelle pagine sottili, Daragane si trova «all’improvviso di fronte ad alcuni dettagli della propria vita, ma riflessi in uno specchio deformante»; individua un nome e lo cerchia di rosso: Annie Astrand. Dalla spirale di «dettagli incoerenti che ti perseguitano nelle notti di febbre» affiorano un profilo, un corpo affusolato, ora il suono di una voce, il motore di una macchina che si spegne nel vialetto, le risate notturne nella stanza adiacente, un bambino fermo in posa per fare una foto e che chiude gli occhi infastidito dal flash. Il prurito è ormai incontrollabile, Jean Daragane riconosce il bambino della foto e ripercorre i luoghi della sua infanzia come in un’allucinazione, annullando la cronologia interna e sistemando gli eventi passati, presenti e futuri della sua vita davanti a sé, recando pari dignità a ogni momento della narrazione, confondendo l’attimo attuale con l’azione vissuta, relegando gli avvenimenti del presente nella dimensione di meri flashforward occasionali che alimentano il vero nodo della storia: le vicende del passato, la ricerca del tempo perduto che non fatica a farsi trovare ma, ancora una volta e definitivamente, nega una spiegazione.

“Perché tu non ti perda nel quartiere”, Patrick Modiano e i segnali luminosi

Il grande serbatoio di una narrativa che si declina come auscultazione di se stesso è l’infanzia, quella di Patrick Modiano cresciuto con due insolite, evanescenti figure genitoriali e spesso affidato a uomini e donne sconosciuti, personaggi di cui oggi ricorda solo nomi o aneddoti stentati, che disperatamente rincorre e analizza nei suoi romanzi, perché «quei nomi senza importanza che hai sentito in gioventù sono destinati a tornare, come un ritornello o una balbuzie, molti anni dopo». L’anziano scrittore protagonista di Perché tu non ti perda nel quartiere aveva scritto il suo primo libro inserendovi dentro immagini della sua opaca infanzia trascorsa lontano dai genitori; «per lui», infatti, «scrivere un libro voleva anche dire lanciare segnali luminosi o Morse all’indirizzo di persone di cui non sapeva più niente». E, come il suo protagonista, così fa Modiano, che nel discorso tenuto il 7 dicembre 2014 all’Accademia di Svezia ha spiegato come gli episodi della sua infanzia siano diventati più tardi matrice per i suoi libri.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La filosofia esistenzialista, l’autobiografismo ossessivo e la sagoma inquietante della Parigi dell’Occupazione vegliano sull’enigmatico protagonista di un romanzo inserito in un circuito ormai familiare a Modiano, che ha osservato come «gli stessi visi, gli stessi nomi, gli stessi luoghi, le stesse frasi ritornano da un libro all’altro, come i motivi di una tappezzeria tessuta nel dormiveglia».

“Perché tu non ti perda nel quartiere”, Patrick Modiano e i segnali luminosi

Insignito già del prestigioso Premio Goncourt (1978), in un’intervista uscita su «Repubblica» Modiano confessa di aver provato una certa apprensione, dopo il Nobel: «l'unica cosa che mi preoccupava era che non sarei più riuscito a scrivere»; per fortuna, continua, non è successo: «ho continuato a sentire un’insoddisfazione». Scrivere come unica alternativa al disagio, scrivere per lanciare segnali luminosi, allora. Purtroppo, però, Modiano riconosce un cambiamento epocale, una mutazione antropologica che rende impossibile il recupero del tempo perduto: se Proust riesce a «far riemergere il passato nei minimi dettagli, come un quadro vivente», questo non è più possibile oggi, perché si ha la sensazione «che la memoria sia molto meno sicura di se stessa e che debba continuamente lottare contro l’amnesia e l’oblio». Allora il passato ritorna, ma a modo suo mutato; attraversa le trame e le pagine dei romanzi di Modiano e, finalmente domato, non mostra che «tracce interrotte, destini umani sfuggenti e quasi inafferabili». Tra la fatica del ricordo e l’esattezza della non-fiction (esperita, per esempio, nel romanzo autobiografico Un pedigree), si disegna una cartina di luoghi, personaggi, storie che ci sembra di aver già incontrato, forse, o forse no.

L’ultimo romanzo del Nobel francese, con una prosa sobria, essenziale e compiuta, presenta la storia di un’epifania che non risponde agli interrogativi dei personaggi; la storia di un anziano scrittore e della sua coperta di solitudine improvvisamente volata via; la storia dei romanzi scritti per lanciare segnali luminosi, per ricercare il tempo perduto, trovarlo, riabilitarlo, comprenderlo. Scrivere e farlo Perché tu non ti perda nel quartiere, né Patrick Modiano, né qualcun altro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.