Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché si dice “piedipiatti”?

Perché si dice “piedipiatti”?Perché si dice piedipiattiSicuramente avrete sentito pronunciare in diversi contesti questa parola, un nome composto per l’esattezza, in riferimento a un poliziotto: non si tratta di un termine offensivo, ma neanche di una parola particolarmente altolocata; tutti i dizionari, infatti, la registrano, e non sbagliando, generalmente come scherzosa (anche se non mancano quelli che ne sottolineano pure l’uso spregiativo): è sicuro, comunque, che siamo dinanzi a una voce gergale. Ma perché si dice piedipiatti? Qual è l’etimologia di questa espressione?

La prima attestazione italiana risale all’anno 1959: piedipiatti è un calco lessicale della parola flatfood ed è – come dicevamo – un composto di piede + piatto. La base è dunque angloamericana, e infatti la parola non è altro che un soprannome diffusosi negli Stati Uniti d’America, soprattutto nei romanzi gialli e nei film dello stesso genere, per esempio quelli polizieschi, per indicare l’appiattimento dei piedi dovuto al fatto che le forze dell’ordine sono costrette a stare molto tempo in piedi.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

C’è anche un’altra spiegazione etimologica, che però ha meno peso, visto che non è citata dai vari dizionari, ma che è comunque interessante da proporre: pare che piedipiatti sia un nomignolo attribuito a chi, avendo i piedipiatti, non poteva entrare nell’esercito, e dunque ripiegava sulla polizia (i fatti stanno realmente così, poiché se ne parla diffusamente in alcuni forum dedicati proprio ai militari).

Ormai sapete perché si dice fare la scarpetta, qual è il motivo per cui si dice fare un brindisi e sapete anche perché si dice piedipiatti: avete qualche altra curiosità da soddisfare?

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.