Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Perché si dice “lapalissiano”?

Perché si dice “lapalissiano”?Perché si dice lapalissianoLa storia di questo aggettivo ha a che fare con una persona, un personaggio molto importante, come già succede per molte altre parole della lingua italiana: pensate, per esempio, a stacanovista, che deriva dal nome del minatore sovietico Aleksej Grigor'evič Stachanov. Il significato di lapalissiano è noto a tutti: un ragionamento è definito in questo modo quando le sue conclusioni paiono ovvie (Es. Era lapalissiano che, se avessi sbagliato anche quella verifica, saresti stato rimandato in matematica, e cioè era ovvio che, se avessi sbagliato anche quella prova, non avresti avuto la sufficienza in matematica).

L’aggettivo è associato al maresciallo Jacques de La Palice, e non perché questi avesse l’abitudine di pronunciarsi in modo ovvio e scontato. Leggete attentamente: l’etimologia della parola lapalissiano è associata non tanto a lui quanto a una cantica che i suoi soldati gli intonarono quando appresero della sua morte durante l’assedio di Pavia del 1525.

In questa cantica a lui dedicata due versi in enjabement recitavano:

hélas, s’il n’estoit pas mort

il ferait encore envie

che tradotti vogliono dire:

ahimè, se non fosse morto

farebbe ancora invidia.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Purtroppo, o per fortuna se pensiamo che tutto questo ha portato alla nascita di un’accezione del tutto nuova, vista l’assonanza e l’ambiguità grafica (ai tempi) tra s e f, l’ultimo verso fu letto e pronunciato in questo modo:

il serait encor en vie

e cioè:

sarebbe ancora in vita.

Perché si dica lapalissiano, ora, dovrebbe sembrarvi più semplice: se non fosse morto, infatti, è del tutto ovvio che sarebbe stato ancora in vita; l’affermazione, insomma, è lapalissiana (a proposito di espressioni scontate, perché non provate a mettervi alla prova con queste domande sulla lingua italiana non proprio ovvie?).

Questo necrologio fu scoperto, poi, da Bernand de La Monnoye, che vi aggiunse altre quartine tra il XVII e il XVIII secolo: tale canzone fu riscoperta nel secolo XIX dal noto Edmond de Goncourt, che coniò proprio il termine lapalissade, un nome – e non un aggettivo qualificativo, come accade nella lingua italiana – che indica un’affermazione inutile (poiché già espressa in precedenza).

Una nota a margine, prima di concludere il nostro approfondimento sul perché si dice lapalissiano in alcuni casi: l’aggettivo non deriva dal cognome del maresciallo, bensì dalla città di Lapalisse, che ne ospita il suo castello ancora oggi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.