Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Perché si dice “fare un brindisi”?

Perché si dice fare un brindisiPerché si dice fare un brindisi, seduti a tavola prima di iniziare a mangiare o durante i festeggiamenti? Cos’hanno a che fare tutti quei bicchieri con questo nome di città? Partiamo proprio da qui: il brindisi a cui si fa cenno nel modo di dire su cui indaghiamo oggi non ha nulla a che vedere con la provincia pugliese, bensì con la Germania, precisamente con la frase bring dir’s, che significa lo porto a te.

Il significato di fare un brindisi, insomma, rimanda all’azione di portare il calice verso il tuo (a te) a mo’ di buon auspicio: per brindare a te, per l’appunto. Una motivazione etimologica completamente diversa, quest’ultima, da quella che abbiamo proposto per “fare la scarpetta”.

L’origine di questo gesto non è però germanica, ma romana: pare che gli antichi Romani, infatti, fossero soliti brindare tra loro per evitare avvelenamenti da parte dei soldati alleati (una spia che avesse voluto avvelenare l’esercito non avrebbe potuto usare i calici, poiché poi avrebbe dovuto brindare con il suo stesso veleno).

In Italia si usava anche la forma latina Prosit, ormai in disuso: terza persona singolare del congiuntivo di prodesse, significa ti sia di giovamento e veniva usata dal sacerdote quando finiva la celebrazione della messa e tornava in sacrestia.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

Saprete bene che fare un brindisi in genere prevede l’uso dell’esclamazione cin cin: tale esclamazione affonderebbe le sue radici nel cinese ch’ing ch’ing ‘prego prego’, poi divenuto chin chin tra i commercianti inglesi dell’età vittoriana e particolarmente apprezzato proprio in Italia per via del suono che richiama in modo chiaro i bicchieri che battono.

Ora sapete anche perché si dice fare un brindisi: tenetene conto nelle vostre prossime tavolate con amici e parenti! 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Alla sua salute, allora!

Ciao, Sfranz! Facciamo alla salute di Sul Romanzo e di tutti i suoi lettori, allora! :D

MIK

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.