Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Perché si dice andare a monte?

Perché si dice andare a monte?“Andare a monte” è espressione molto comune nella lingua italiana, ma perché si dice proprio in questo modo?

Cominciamo col chiarire il significato di "andare a monte" per evitare usi ambigui o del tutto errati dell’espressione. Secondo il dizionario Treccani, «le frasi andare a monte, mandare a monte la partita» indicano l’azione di «interrompere la partita, annullando i punti già segnati in seguito a errore intervenuto o per altra ragione». E proseguendo sulla falsariga di questo significato, Treccani indica anche che in senso figurato l’espressione può significare «con riferimento a cosa progettata, andare o mandare a vuoto».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Ma questo non ci aiuta a rispondere alla nostra domanda: perché si dice andare a monte per indicare il fallimento di un’iniziativa?

Ci viene in aiuto il dizionario online del «Corriere della Sera», secondo il quale: «Il Monte era un tempo l’ammontare dei debiti che i cittadini contraevano con lo Stato, con il Comune o con altri enti». Visto che tali debiti maturavano interessi a tassi abbastanza elevati, «chi “andava al Monte” era automaticamente un debitore e se non riusciva a risolvere la sua situazione, veniva privato dei beni personali fino alla copertura del debito». Un po’ come succede anche oggi, insomma.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le nostre curiosità grammaticali

 

Ma l’espressione “andare al Monte” rimanda anche al Monte dei Pegni, detto anche Monte di pietà, fondato per la prima volta nel 1462 dai frati francescani di Perugia «che concedevano prestiti su pegno di basso interesse per tutelare i meno abbienti e difenderli dall’usura». Pure in questo caso dunque permane il significato negativo dell’espressione che col tempo «continuò a conservare il senso primitivo d’insieme comune di beni, e con tale significato passò nel gioco d’azzardo». Basti citare l’espressione “monte premi”.

Nei giochi delle carte, «il Monte è anche il mazzo al centro del tavolo cui i giocatori devono attingere, che resta pertanto un bene comune e al quale ritornano le carte in caso di errore tecnico o di contrasti tra i giocatori. In questa eventualità la partita o la mano si considerano annullate, come pure il punteggio realizzato fino a quel momento».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

In tutti gli usi elencati, dunque, permane il senso di “fallire”, “mandare per aria un’iniziativa” e dunque oggi per indicare queste espressioni si dice anche “andare a monte”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.