Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Perché scrivere? Le ragioni di George OrwellChissà quante volte a uno scrittore o a un aspirante tale è stato chiesto di spiegare perché ha iniziato a scrivere. E chissà quante volte vi è capitato di leggere le più varie risposte a questa domanda.

Oggi lasciamo la parola a George Orwell. Perché il papà di capolavori come La fattoria degli animali e 1984 pubblicò nel 1946 un piccolo saggio, Perché scrivo, nel quale provò proprio a rispondere a questa domanda.

Il saggio ha inizio con una ricostruzione dell’infanzia dello scrittore per cercare di spiegare come le esperienze infantili lo abbiano spinto a scrivere, descrivendole come micro-traumi essenziali per guidare qualsiasi scrittore. Così si spiega meglio Orwell:

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Fornisco tutte queste informazioni di base perché non penso che si possano valutare i motivi di uno scrittore senza conoscere qualcosa del suo sviluppo iniziale. L’argomento che sceglie sarà determinato dall’epoca in cui vive – questo è ancora più vero in epoche tumultuose, rivoluzionarie come la nostra – ma prima che egli inizi a scrivere avrà acquisito un atteggiamento emotivo dal quale non potrà mai scappare del tutto. È indubbiamente suo compito disciplinare il suo temperamento ed evitare di rimanere bloccato in una qualche fase immatura, in un certo stato d’animo perverso, ma se scappa dalle sue prime influenze del tutto, avrà ucciso il suo impulso a scrivere. Mettendo da parte il bisogno di guadagnarsi da vivere, penso ci siano quattro motivi per scrivere, in particolare per scrivere prosa. Esistono a diversi livelli in ogni scrittore, e in ogni scrittore le proporzioni possono variare nel tempo, a seconda dell’atmosfera in cui vive.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Ed ecco i quattro motivi che hanno spinto Orwell a scrivere e che rappresentano, secondo lui, i motivi che spingono un po’ tutti gli scrittori:

 

1. L’egoismo puro

Desiderare di sembrare intelligente, essere al centro di discussioni, essere ricordato dopo la morte, avere il giusto riconoscimento dagli adulti che ti snobbavano quand’eri bambino, ecc. ecc. È da ipocriti pretendere che questo non sia un motivo valido, e uno dei più forti anche. Gli scrittori condividono questa caratteristica con scienziati, artisti, politici, avvocati, soldati, uomini d’affari di successo – in breve, con tutto lo strato superiore dell’umanità. La gran massa degli esseri umani non è così acutamente egoista. Dopo i trent’anni (più o meno) abbandonano quasi del tutto il senso di essere individui e vivono principalmente per gli altri, o sono semplicemente soffocati sotto il peso del duro lavoro. Ma c’è anche una minoranza di persone talentuose, testarde che sono determinate a vivere la propria vita fino alla fine, e gli scrittori appartengono a questa categoria. Gli scrittori seri, dovrei dire, sono nel complesso più vanitosi ed egocentrici dei giornalisti, anche se meno interessati al denaro.

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

LEGGI ANCHE – Ecco perché George Orwell scrisse “1984”

 

2. L’entusiasmo estetico

La percezione della bellezza nel mondo esterno o, d’altro lato, nelle parole e nella loro giusta disposizione. Il piacere per il modo in cui un suono impatta su un altro, per la stabilità della buona prosa o per il ritmo di una buona storia. Il desiderio di condividere un’esperienza che senti essere preziosa e vorresti non andasse persa. Il motivo estetico è molto fragile in tanti scrittori, ma anche un saggista o uno scrittore di manuali avrà delle parole preferite che quasi fanno appello a lui per ragioni non utilitaristiche, o avrà sentimenti contrastanti per la tipografia, l’ampiezza dei margini, ecc. Salendo sopra il livello di una guida ferroviaria, nessun libro è immune da considerazioni estetiche.

 

LEGGI ANCHE – Come preparare una buona tazza di tè. La ricetta di George Orwell

 

3. L’impulso storico

Desiderare di vedere le cose così come sono, trovare fatti reali e tramandarli alla posterità.

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

4. Fini politici

La parola “politica” è usata nel senso più ampio possibile. Desiderare di spingere il mondo verso una certa direzione, alterare l’idea delle persone a proposito del tipo di società per cui dovrebbero combattere. Di nuovo, nessun libro è genuinamente immune da faziosità politica. L’opinione che l’arte non debba avere nulla a che fare con la politica è essa stessa un atteggiamento politico.

 

LEGGI ANCHE – George Orwell e la sua recensione del “Mein Kampf” di Hitler

 

E infine Orwell conclude con un’affermazione che dovrebbe restare impressa nella mente di tanti scrittori:

Scrivere non è un affare serio. È una gioia e una celebrazione. Dovresti divertirti a farlo. Ignora gli autori che dicono: “Oh, mio dio, che parola? Oh, Gesù Cristo…” Ora, al diavolo. Non è un lavoro. Se è un lavoro, fermati e fa qualcos’altro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

[url=https://recordingwebcam.com/chaturbate-sexychoc0late-06-18-2017-00-05-55]sexychoc0late[/url]

[url=https://recordingwebcam.com/chaturbate-sexychoc0late-06-18-2017-00-05-55][IMG]https://recordingwebcam.com/image/data/new/chaturbate-sexychoc0late-06-18-2017-00-05-55.jpg[/IMG][/url]

[url=https://recordingwebcam.com/chaturbate-sexychoc0late-06-18-2017-00-05-55]sexychoc0late nude from Chaturbate.com [/url]

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.