In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

Perché “Scrivere fa bene”. Intervista a Giada Cipolletta

Perché “Scrivere fa bene”. Intervista a Giada CipollettaScrivere fa bene (Dario Flaccovio Editore, 2020) è un manuale di auto-aiuto scritto da Giada Cipolletta e pubblicato in una collana dedicata alla psicologia. Non si tratta quindi di un testo propedeutico alla scrittura creativa, come qualcuno potrebbe pensare dal titolo, ma di un percorso che vuole invitare a utilizzare la scrittura come mezzo per esprimere i propri pensieri ed emozioni: anche se viviamo in un mondo pieno di parole e se in apparenza ne facciamo un uso sempre più frequente (ad esempio sui social), non è detto che questo nostro uso sia corretto e in grado di esprimere davvero le nostre idee.

Giada Cipolletta, autrice eclettica impegnata su vari fronti della comunicazione, ha scritto un libro che mescola temi scientifici e riflessioni personali, in cui spesso si rivolge confidenzialmente al lettore e non esita a raccontarsi in prima persona. Ne abbiamo parlato con l’autrice in questa intervista.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Confesso che del suo libro mi ha lasciato un po’ perplessa il continuo cambio di registro: un approccio confidenziale, capitoli da saggio con note e bibliografie, passaggi molto personali… Perché ha fatto questa scelta di mescolanza di generi?

Come ho dichiarato nella premessa, ho voluto che questo libro fosse una coerente rappresentazione di quello che la scrittura è per me. Un veicolo per esprimere la propria natura, lontano dagli schemi, dalle etichette, dalle strategie e dai (pre)giudizi. Una scrittura contemporanea, liquida, senza genere, personale.

Ho voluto riappropriami del mio sentire, in un’epoca nella quale, ancora di più che in passato, si tende a plasmare il nostro modo di comunicare (e noi stessi) per compiacere, assecondare o persuadere gli altri. Ho messo nero su bianco il mio modo di leggere e interpretare – che a qualcuno forse apparirà un po’barocco – e l’ho fatto senza contenitori, lasciando spazio alle contaminazioni. Venti anni fa, un mio caro amico pittore mi definì “Neoclassica fuori e Barocca dentro” e, ancora oggi, le sue parole sono il motto che rappresenta meglio la mia cifra. Perché io sono così, anche fuori dalla carta: una sincretica fusione di sacro e di profano, di emozioni e di razionalità, di ordine e disordine.

Non ho scelto di mescolare i generi, ho scelto la libertà di vivere il rapporto con la scrittura nel modo che mi ha sempre contraddistinto, e l’ho fatto mettendo in pratica quello che, tra l’altro, invito a fare ai lettori nel corso della narrazione.

Perché “Scrivere fa bene”. Intervista a Giada Cipolletta

Non teme in questo modo di disorientare un po’ il pubblico dei lettori?

Sì, se hanno un certo tipo di aspettative, può accadere.

Per questo forse è meglio che chiarisca: questo non è un saggio sulla scrittura o un manuale sulla scrittura creativa, e nemmeno il testo definitivo sul copywriting che aiuta a vendere, con il potere persuasivo delle parole.

Scrivere fa bene è un libro di auto-aiuto che fa parte della collana Binario di Dario Flaccovio editore dedicata alla psicologia, la cui linea editoriale è proprio quella di partire da un’esperienza personale per poi sviluppare la tematica del titolo, anche dal punto di vista scientifico.

Il mio caso personale e la mia sperimentazione concreta, quindi, sono il costante leitmotiv che accompagna una narrazione che si alimenta di solidità scientifica – grazie al supporto di psicologia, neuroscienze e ottimi professionisti – per dimostrare la ragione per cui l’atto di scrivere sia di beneficio.

Ecco il perché del taglio confidenziale, ecco il perché degli esercizi pratici per sperimentare ed esplorarsi, ecco perché la parte “saggistica” è ricca di note per chi avesse voglia di approfondire. Tra le altre cose, osando lo ammetto, ho scelto di inserire in appendice una parte dei miei scritti personali: volevo avvicinarmi ai lettori e dimostrare pragmaticamente che sono la prima a servirmi della scrittura espressiva (senza filtri e senza regole, nei casi specifici riportati) come mezzo terapeutico per sfogare le emozioni represse, per ascoltarmi e accogliermi.

 

La PNL, o Programmazione Neuro Linguistica, a cui lei fa riferimento in alcuni punti, è una teoria ascientifica molto discussa. In base alla sua esperienza personale pensa che possa essere ancora utile in determinati settori?

Come potrà aver intuito, sono una persona che tende ad avere un punto di vista piuttosto ampio. Credo che la PNL, così come presentata dai suoi fondatori Bandler e Grinder – ben lontana dalle manipolatorie devianze da venditori d’assalto, per capirci – sia un punto di partenza da conoscere e studiare. Se ci si ferma a guardare da un’angolazione, il punto di osservazione è limitato. Sono dell’idea, infatti, che sia utile prendere il buono che c’è nelle varie teorie, cercare di indossarle, personalizzarle o confutarle sulla propria pelle, in base alle proprie esperienze e al proprio contesto emotivo, che è in costante evoluzione. Ad esempio, credo possa essere valido esplorare anche le basi del linguaggio ipnotico o di quello manipolatorio per imparare a discernere e, di conseguenza, agire in modo etico e consapevole.

 

I social a suo parere hanno migliorato o peggiorato il rapporto delle persone senza particolari ambizioni letterarie con lo strumento della scrittura?

Dire peggiorato è fin troppo ovvio, vero?

La colpa, comunque, non è solo dei social. Non è il mero strumento, ma l’intenzione a monte che dobbiamo prendere in considerazione. Le persone sui social, ma anche fuori dai social, interagiscono sempre più in modo superficiale e frettoloso, con il contesto e con gli altri, guidati dalla riprova sociale e dalle aspettative che coprono di ansia le loro aspirazioni. Per loro raccontare con le immagini è più impattante che farlo attraverso le parole, che storpiano in anglicismi improbabili come “shippare”. L’arte di scrivere va addestrata e allenata, non solo con la pratica costante, ma anche con la lettura. Adesso si legge poco e si scrive in modo frettoloso, vittime di un multitasking deleterio che apre fin troppe finestre sul mondo.

La comunicazione oltre che fast è spesso junk, come il cibo, immagini e suoni servono a calamitare e richiamare l’attenzione distratta, mentre le emoji diventano, in sostituzione delle parole, elaborazione visuale del pensiero. Il paradosso, come scrivo nel libro, è che nonostante suoni e immagini dominino si sta perdendo la capacità di osservare e ascoltare.

Forse proprio perché queste funzioni sono sinesteticamente potenziate dalla scrittura. I ragazzi stanno sviluppando nuove abilità, come il montaggio video, e ne stanno perdendo altre, come quella di tradurre, attraverso la parola scritta, le proprie emozioni. Scrivere per loro è una attività che fa perdere tempo, tanto che preferiscono mandare messaggi vocali anziché digitare.

Perché “Scrivere fa bene”. Intervista a Giada Cipolletta

Scrivere fa bene e le parole sono importanti, eppure mai come in questo periodo sembra che moltissime persone, a cominciare dai politici, abbiano serie difficoltà a farne un uso corretto. A chi attribuire certi flop comunicativi, in un mondo dove in realtà abbondano figure di riferimento a cui affidarsi per affinare le proprie strategie comunicative?

Come dice giustamente, abbiamo tutte le risorse per imparare, acquisire e mettere in pratica strategie comunicative di altissima caratura ma, a mio avviso, non basta. Le nostre parole sono una proiezione fisica dei nostri modelli mentali, la versione tangibile dei nostri pensieri, il modo in cui pensiamo le cose concretizza quello con cui le sentiamo e nominiamo.

La soluzione, forse, è andare alla fonte della comunicazione.

Bisogna lavorare sul pensiero e, dunque, sulla persona. Altrimenti quello che emergerà sarà sempre, sebbene ben infiocchettato, un comunicare incoerente e privo di sostanza.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Nel suo libro affronta tantissimi temi diversi. C’è qualcosa che le piacerebbe magari approfondire in futuro, o qualcosa di cui pensa di non essersi occupata a sufficienza?

Se avessi seguito la mia indole curiosa, non avrei mai consegnato il libro. Sono troppi, infatti, gli ambiti che avrebbero meritato un approfondimento: le parole in relazione alle singole emozioni, per esempio, le sinestesie o i frame mentali.

Le parole che scegliamo di utilizzare raccontano così tanto di noi, della nostra società, delle nostre esperienze, del nostro stato d’animo, che vale davvero la pena prestarci attenzione.

Come potrebbero cambiare il mondo e le nostre emozioni se iniziassimo a ricostruire il nostro vocabolario?


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Christin Hume su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.