In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Perché essere grati a Wyslawa Szymborska

Perché essere grati a Wyslawa SzymborskaQui giace come virgola antiquata l’autrice di qualche poesia.”

Così inizia l’Epitaffio, poesia di Wyslawa Szymborska tratta dalla raccolta La gioia di scrivere edita da Adelphi e tradotta da Pietro Marchesani. Lo stesso Marchesani che per anni ha curato (e mai verbo è stato più adatto nel suo duplice significato) la traduzione delle opere della grande poetessa polacca, emblema di quel paese che Marchesani ha amato e ha contribuito a far conoscere in Italia, regalando al lettore le emozioni cui aveva diritto.

Qualche mese fa Marchesani si è spento a Genova e da pochi giorni è scomparsa (in corpo, ma non in emozioni) a Cracovia Wyslawa Szymborska. Un connubio artistico che durava dagli anni ’80, da quando Marchesani si cimentò con la traduzione della raccolta di poesie Gente dal Ponte edito da Scheiwiller, per poi non riuscire più ad abbandonare le forti suggestioni della Szymborska, il suo amore per la vita, la sua attenzione per ciò che le si fermava accanto, soprattutto per le piccole, apparentemente insignificanti venature di noi che il mondo insistentemente le restituiva. Scrivere per la Szymborska era la “salvezza”, come ci racconta nella sua inappellabile A qualcuno piace la poesia, era la nostra salvezza, perché attraverso la sua attenta e meticolosa scelta delle parole, potevamo accedere ad un universo più lento, in cui la capacità di percepire ciò che ci circonda diventa necessità e al contempo parte integrante di un percorso che ci porta dal “piccolo”, al “banale” fino al “noi” e a tutto ciò che Wyslawa Szymborska ci ha costretto a guardare.

Harold Bloom sostiene che bisogna comunque essere grati allo scrittore, perché, senza di lui, noi lettori non avremmo uno scopo. Personalmente faccio partire la mia gratitudine verso Wyslawa Szymborska dalla raccolta Vista con granello di sabbia, edito da Adelphi nel 2004, traduzione di Marchesani, di cui ricordo anche la copertina, impressa nella mia mente dalla lettura che venne dopo. Mentre la osservavo, rigirandomi il volume color salmone fra le mani e tentando di capire cosa avesse a che fare l’opera di quell’autrice dal nome che sembrava un anagramma con quella strana immagine scelta da Adelphi per riempire l’unica concessione che quest’editore permette all’occhio del lettore, il libro si aprì mostrandomi il suo centro. Io feci allora ciò che più amo fare con la poesia, esercitare tutta la libertà di cui ancora dispongo e iniziare la lettura senza soffermarmi sull’introduzione e men che mai sulla visione critica che il dotto di turno mi presenta come unica e inappellabile interpretazione del verbo autoriale.

Solo parole, scampoli di idee, negate concessioni alla razionalità dilagante, sentieri poco battuti su cui testarmi e boschi narrativi in cui perdermi senza timore del tempo che sarà necessario per superarli.

Non sempre le mie giocose aspettative vengono soddisfatte, ma questa fu una lettura illuminata. Partii per un viaggio che ancora continua, iniziando a spostarlo quel granello di sabbia, a mio piacimento, a costruire l’universo che io di volta in volta osavo respirare.

La mia gratitudine quindi alla liberatrice Szymborska e alla sua domanda: “acchiappo la vita per una foglia, si è fermata? Se n’è accorta? Si è fermata almeno una volta?

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (11 voti)

Commenti

[“Qui giace come virgola antiquata l’autrice di qualche poesia.”] Che smacco per gli innumerevoli 'tromboni' a creder d'essere chissà chi! Appassionata analisi, in pieno condivisa. Soprattutto proprio il coté passion.

Articolo sentito. Bello.

Grazie per la passione e la necessità che c'è nel tuo ricordo di questa grande donna.
Ti leggo sempre con piacere.

Grazie a te Laura per il tempo che mi dedichi.
E grazie a Renata e a Domenico per i loro commenti, l'incontro con i versi e le idee della Szymborska si collegano a un periodo della mia vita molto tumultuoso, che lei mi ha aiutato a rendere ancora più difficile, ma carico di necessarie soluzioni.
Spero che questo testo abbia fatto aumentare la curiosità dei lettori per Wyslawa Szymborska, nonché per il lavoro di Marchesani, che a questa poetessa e al mondo della letteratura polacca (e non solo) ha dedicato buona parte della sua vita.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.