Corso online di scrittura creativa

Corso online di editing

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché andiamo a teatro?

SiparioHo fatto un esperimento: cercare su Google la locuzione “andare a teatro”: i primi sei, o sette, risultati, proponevano questioni di ordine grammaticale, scolastico, o erano legati a eventi recenti. Poi iniziava una lunghissima serie di link dedicati a come vestirsi per andare a teatro.

 

Da qui la mia domanda, di cui al titolo: perché andiamo a teatro?

 

Qualcuno propone una sorta di decalogo, e io, che non l’avrei forse mai saputo, vengo a saperlo, grazie all’onniscienza di Google. Tra i motivi, ce n’è uno, il quinto, «Perché se stai ben attento, potrai percepire l’atmosfera “magica” che caratterizza un evento unico ed irripetibile», del quale non riesco a vedere la controparte pratica, reale, nelle mie frequentazioni teatrali.

 

Quant’è comoda la vecchia scena borghese, per la quale lo spettacolo vero è nel foyer, e quello in sala solo una, spesso, scomoda appendice!

 

Non è neanche questione, forse, dell’hic et nunc dell’atto teatrale, ma di quello di noi spettatori, che dimentichiamo la nostra presenza e il nostro esserci al compiersi delle azioni sceniche. Il vero spettacolo sembra essere dalla nostra parte, in platea, coi dormienti, gli impazienti, i controllori del cellulare.

 

E hai voglia a dire “teatro civile”, o “riprendiamo la parola”: aveva ragione Kantor, ma in un modo un po’ diverso. Quelli che si portano l’inerte super-marionetta appresso, quelli morti, siamo noi.

 

Ci sono delle eccezioni, di certo: e si verificano quando, a noi poveri veri amanti del teatro, è concesso di vedere negli occhi e nei corpi degli altri spettatori, inconsapevoli condotti al massacro, la sorpresa, il fastidio, lo sdegno; vedere in loro gli effetti di quel che insidia la loro incrollabile comodità.

 

Quelli sono i momenti di più alt(r)o teatro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.