Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

“Per Isabel. Un mandala” di Antonio Tabucchi

Antonio Tabucchi, Per IsabelNella galleria di strani personaggi che il narratore incontra in Requiem (romanzo che Antonio Tabucchi scrisse in portoghese nel 1991) c’è una certa Isabel, vecchia amica che il protagonista fa di tutto per rivedere. Rientra a Lisbona di proposito, si reca in un certo strano ristorante con fontana, patio arabeggiante, tavoli da biliardo e un teatrino tascabile retto da cariatidi di legno (tutto così irreale perché esiste davvero, come tanti luoghi della città) e, per ammazzare il tempo, si mette a giocare, bere e chiacchierare col maȋtre, in attesa che Isabel arrivi. Quando finalmente arriva... il capitolo si chiude e il successivo ci porta altrove. Della donna più nessuna traccia.

L’inedito di Tabucchi che Feltrinelli manda in libreria oggi – collocabile, come spesso avviene con lo scrittore pisano, nello scaffale di mezzo fra i racconti lunghi e i romanzi brevi – è stato scritto in vari momenti della sua vita, fino al 1996. Si intitola appunto Per Isabel. Un mandala e riprende, fra gli altri, due personaggi di Requiem: il poeta Tadeus Slowacki e Isabel, appunto, che con Tadeus ha avuto una relazione, seguita da una gravidanza, interrotta da un aborto, che forse è all’origine della depressione che l’ha portata al suicidio (o forse è colpa della dittatura, che l’ha buttata in un carcere e torturata). In Requiem veniva come risucchiata in un buco nero o, meglio, cadeva in una botola del teatrino tascabile tabucchiano.

“Oggi mi sento un Balzac; sto terminando questo rigo”, scriveva un maestro del microracconto come Augusto Monterroso. Anche le miniature di Tabucchi evidentemente aspirano alla completezza di una comédie humaine in scala ridotta, i cui personaggi si rincorrono, spariscono e ricompaiono magicamente, come nella Parigi di Vautrin e Rastignac. Nell’universo di Tabucchi, poi, tempo e spazio sono categorie indefinite, che il sentimento di un occidentale, specie quando è politicamente impegnato, qualche volta induce ad accettare solo per esercizio di virtù, per il dovere che sente (o crede) di avere nei confronti di ciò che chiamiamo “realtà” o “storia”.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Ma se il sottotitolo di Requiem era “un’allucinazione”, quello di quest’altro libro è “un mandala”, cioè una figura (il cerchio) e un metodo di ricerca della verità che rimanda alle religioni orientali, tutt’al più filtrate attraverso Carl Jung o altro intellettuale delle nostre lande. Se ne parla anche in un racconto de I volatili del Beato Angelico, dove Tabucchi inscena uno scambio di lettere con un tale Xavier Janata Monroy, teosofo già visto in Notturno indiano e che riappare anche qui, in Per Isabel. Così come riappare, insieme a tante altre citazioni sibilline, il poeta Camilo Pessanha, già spunto collaterale per un racconto, Gli archivi di Macao, che poi si rivelava un dialogo con il padre morto di cancro alla gola, malattia che, in una postilla a Requiem (dove, tra i personaggi, c’è proprio il padre il quale, vestito da giovane marinaio, gli parla in portoghese), ispira tutta una dissertazione sul potere evocativo delle lingue e della scrittura.

Insomma un racconto fatto con le frattaglie (la cosa non suoni offensiva, perché le frattaglie sono abbondantemente presenti nella cucina lusitana che Tabucchi amava e abbondantemente citava) che può esser letto come testo “a chiave”, in cerca di identità reali o di simbologie più o meno precise. Ma la verità del mandala, raggiunta tramite cerchi concentrici, finisce sempre in un cerchio di sabbia. È volatile come il fumo delle sigarette di Álvaro de Campos o come l’interpretazione (letteraria o tout court) che accieca proprio quando pretende di far luce. Il fumo, si dice da qualche parte in Requiem, provoca il cancro; è peggio del sole.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.