In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Per Cosimo Argentina saremo “Per sempre carnivori”

Per sempre carnivori«Accade alla volte che si crei un sodalizio forte con certe persone, per un breve periodo di tempo, e che poi non vedrai mai più». Lo scrittore pugliese, ma trapiantato a Meda, vicino Milano, Cosimo Argentina ama usare frasi dirette e spiazzanti, sia nel linguaggio scritto che in quello parlato. Frasi, come quella appena riportata e che si riferisce alla trama del suo ultimo romanzo Per sempre carnivori, edito da minimum fax, hanno la capacità di accendere improvvisamente riflettori sulla fenomenologia della nostra esistenza che, a volte, tendiamo a rimuovere. Quante volte ci è successo qualcosa del genere, eppure non ci avevamo mai pensato? Succede questo nell’ultima fatica letteraria di Argentina, che ha per protagonisti una testa mozzata, tre tragicomici insegnanti precari in un istituto tecnico che cade a pezzi, ragazzine pericolose per gli altri e per se stesse, padri in lotta con il passato. Leone Polonia, io narrante del romanzo, è uno di questi tre docenti. Bevitore incallito, lingua tagliente, alle spalle una famiglia rasa al suolo e davanti la prossima ragazza da portare a letto. Forse proprio in questo sta il segreto del successo e del fascino di questo scrittore. Argentina non le manda a dire e per questo si è guadagnato, in più di un’occasione, l’attributo di scrittore “pulp” che, però, puntualmente rimanda al mittente. Autore prolifico (ha esordito nel 1999 con Il cadetto, Marsilio Editore, per poi affermarsi con Brianza vigila, Bolivia spera per NoReply, Nud'e cruda. Taranto mon amour, Effigie, Maschio, Adulto e Solitario, Manni Editore, quest’ultimo finalista al Premio Letterario Castiglioncello-Costa degli Etruschi) e docente precario di diritto, Argentina ha presentato il suo libro a Foggia, nell’ambito della rassegna Questioni meridionali, ideata da SpazioBaol, in collaborazione con la libreria Ubik, con FrontieraTv e il locale gruppo Emergency.

Che cosa significa "Per sempre carnivori"?

Nonostante i tentativi dell’umanità di eliminare quell’essenza animale che ci portiamo dietro resta, nelle fondamenta dei nostri comportamenti, un che di crudelmente naturale. Parlo delle tecniche di combattimento, di corteggiamento, di accoppiamento. Si uccide per il potere, per la disperazione, per la fame o per passioni difficili da gestire. Sanguinari come siamo, quando non possiamo combattere nelle trincee ci inventiamo il pugilato, le arti marziali, il calcio. Inoltre se uno nasce e viene educato in un certo modo resterà tale. I deboli hanno poche difese e i furbi cadono sempre in piedi. Questa legge di natura è alla base di ciò che ho scritto mettendo l’accento sul fatto che le nostre debolezze e assenza di difese nascono al 99% nella famiglia di origine.


Con questo nuovo romanzo hai voluto dare uno spaccato sulla scuola italiana diverso dalle cronache ufficiali: che cosa ci vorrebbe per restituirle dignità e un ruolo di primo piano nell'opinione pubblica?

Niente. Ormai la frittata è stata fatta. Si è voluto scientemente degradare la scuola a rango di contenitore per frustrati della patria. Ora si fa complicato risalire la china. Resta una realtà bellissima perché è l’unico lavoro che ti permette di confrontarti con esistenze, universi in via di espansione e non con carte bollate e documenti anche se la burocratizzazione sta cercando di spegnere gli ultimi fuochi di libertà.

 

Ci hai abituati ad una scrittura tesa, aspra, lucida, qual è il tuo approccio nella stesura di un romanzo?

Presto molta attenzione ai primi passi della storia ed è lei stessa che spesso mi suggerisce come scriverla. Lo scrittore è un po’ sciamano, un po’ artigiano, un po’ chirurgo. L’importante è che una volta abbracciata la causa si metta da parte timidezza e pigrizia. Se devi scrivere una storia non avrai altro dio all’infuori della storia stessa. Se cedi a condizionamenti sei fregato. Verrà fuori un libro decente, ma in cuor tuo saprai che avresti potuto fare ben altro. Del resto le storie sono tutte uguali e qualcuno prima di te ha scritto la tua stessa storia perciò l’elemento cruciale non è cosa scrivere ma come scriverlo. Tutta lì la partita.

 

La tua terra - la Puglia ed in particolare la provincia di Taranto - è sempre protagonista nei tuoi libri, anche se da anni vivi da migrante al Nord. Che rapporto hai con le tue origini? Nostalgia? Rivendicazione?

È lo scenario che mi è più congeniale. Non amo chi scrive di luoghi e atmosfere che conosce solo per sentito dire o perché un tale giorno di un tale anno ha visitato quel posto e lo ha affascinato. Non c’è nulla di meglio di scrivere di ciò che si conosce. Non dico nulla di originale, ma condivido questa scuola di pensiero. Ora Taranto è diventata di moda. Ma nel 1999, ai tempi del Cadetto, non lo era eppure di quello ho scritto e temo di continuare a farlo. Nel mio piccolo vorrei accendere un razzo di segnalazione che possa significare ehi, siamo qua, ci siamo anche noi!

 

Da dove attingi idee per scrivere? Quali sono i tuoi autori di riferimento?

Mi piacciono gli scrittori del Maghreb; mi piace Philip K. Dick perché ha fatto di un genere minore un punto di riferimento anche per quelli come me che non amano la fantascienza; mi piace Piero Chiara perché nei racconti aveva coraggio da vendere; in generale mi piacciono gli scrittori non professionisti, quelli che nella vita facevano altro e poi dalle loro esistenze hanno attinto letteratura. Da dove attingo le idee per scrivere? Dalla vita. Una vetrina di inestimabile valore messa a disposizione dello scrittore. La vita, sempre la vita perché come qualcuno ha detto è lo spettacolo più bello del mondo e non si paga nemmeno il biglietto per assistervi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.