In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

“Parole di scuola” di Mariapia Veladiano

Mariapia Veladiano, Parole di scuolaCapita di innamorarsi di un libro, di portarlo a casa e leggerlo quasi senza pause, togliendo il tempo alle altre attività, magari persino rubacchiandolo al lavoro o agli impegni già presi. Per questo sento l'urgenza di raccontare, subito, le emozioni e i pensieri derivate dalla lettura di Parole di scuole di Mariapia Veladiano, Edizioni Erickson.

L'autrice non ha bisogno di presentazioni perché nota al pubblico dei lettori. Nel libricino in questione, però, Veladiano lascia la trama narrativa per dedicarsi alla saggistica. Il testo è costituito infatti da una lunga riflessione, non sistematica suddivisa in nuclei di discussione che riguardano, come il titolo stesso suggerisce, la scuola. Un libro per insegnanti, educatori, addetti del mestieri, ma in fondo un libro per tutti quelli che vogliono vedere e conoscere il mondo scolastico dall'interno, senza le punte polemiche di chi fa di questo lavoro una mera questione di contabilità. Il fatto è che Veladiano è nella scuola, lo è stata come insegnante e lo è ora come preside; e quindi ne parla con consapevolezza, dall'interno appunto, tenendo ben saldi i problemi di varia natura insiti nell'istruzione pubblica, ma al contempo superandoli in parte con l'occhio lungo di chi vede di più, vede meglio, vede oltre. Le sue parole sono uno stimolo per chiunque lavori con i ragazzi e le ragazze perché l'autrice sembra conoscere il cuore delle persone, i pensieri e le preoccupazioni dei suoi colleghi, ma, nello stesso tempo, si preoccupa di non fermarsi alla polemica o alla constatazione del problema, propone delle soluzioni. Soluzioni a volte di tipo etico o di impostazione mentale, altre molto pratiche; e suggerisce, mi pare, che è soprattutto la parola a curare le ferite, dei ragazzi come degli adulti. Niente incursioni sindacali o aziendalistiche, ma una riflessione vicina a quella che si potrebbe chiamare "filosofia dell'educazione", o forse meglio "filosofia della scuola"; non si tratta, infatti, solo di riflettere sull'impostazione pedagogica degli insegnamenti e dell'insegnamento, ma anche sul sistema scuola nel suo complesso,comprendente alunni, insegnanti, personale scolastico e genitori.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Mariapia VeladianoMagistrale, nella sua semplicità e profondità, il capitolo in cui l'autrice affronta il tema dei libri a scuola. Non un cenno a cartelle stracolme, a editoria digitale contro editoria tradizionale: il punto sono proprio i libri, nella loro fisicità, che devono essere a disposizione dei ragazzi. Perché lasciarli negli armadi a prendere polvere, chiusi e inaccessibili? La biblioteca dovrebbe essere cuore pulsante della scuola, luogo di ritrovo e di scoperta; un luogo anche pomeridiano di incontro. Se è vero che «c'è chi fieramente prova a farci credere che la crisi renda più legittimo e accettabile il lesinare risorse alla scuola», è pur vero che anche gli insegnanti sono colpevoli: «la storia è sempre la stessa: leggere, leggere, leggere noi, per poter trovare il libro giusto, da leggere o dare il giorno giusto, al ragazzo che lo aspettava proprio in quel momento della sua vita». Come a dire che non si può sempre incolpare gli altri, soprattutto se si trovano in alto, ma bisogna anche cominciare a farci noi spinta per il cambiamento, essere protagonisti di questo cambiamento.

Leggere Parole di scuola di Mariapia Veladiano mi ha rinfrancato, come persona e come insegnante. Mi ha fatto tornare al massimo la voglia e l'impegno di stare con i miei ragazzi, di lavorare con loro nonostante tutto, nonostante i soldi che mancano e i progetti inutili, nonostante i detrattori della scuola e del mio lavoro. Un regalo davvero prezioso per molti educatori stanchi o demotivati, che insegna, con coerenza, rigore, estrema saggezza ma anche dolcezza, che la scuola può cambiare, anche senza le grandi riforme.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.