Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Parlare di vermi e diventare virali

MichaelNon è più un mistero la continua analogia tra il mondo delle malattie e quello della Rete. Uno degli esempi più frequenti è quello legato alla cosiddetta “viralità”, cioè la diffusione rapidissima, transmediale e in misura esponenziale, di un contenuto pubblicato su Internet.

 

Esistono, e sono stati studiati, precisi pattern diffusivi, per ogni caso in cui questi fenomeni si manifestano in maniera particolarmente incisiva. Molto spesso però, ancora, non si riesce a spiegare perché un determinato contenuto diventi così cliccato.

 

L’ultimo caso, portato all’attenzione dei media, è quello di un bambino, Michael, che, in un video di circa tre minuti parla dei vermi, con dovizia di particolari e consumato talento divulgativo. Maneggia le bestiole con perizia e tatto, ne illustra l’anatomia e i comportamenti.

 

In effetti, il video sembra avere tutte le carte in regola per diventare un piccolo “cult”. E oltre 127.000 visualizzazioni in meno di due giorni, non sono forse del tutto insignificanti. Dunque, perché i video diventano virali?

 

All’apparenza la ricetta è molto semplice: ruolo di chi produce e/o pubblica il video, appropriazione del contributo da parte della comunità, “singolarità” del video stesso. Facile: altrimenti non si spiegherebbe del tutto l’improvvisa notorietà della combinazione tra Diet Coke e Mentos, o il numero spropositato di foto di Noah, che realizza un commovente time-lapse ante litteram, o il ragazzo un po’ sovrappeso che canta Dragostea din tei e spopola. O forse non è così facile?

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.