Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Paolo Sorrentino, the young pop?

Paolo Sorrentino, the young pop?Da diversi anni, ogni opera di Paolo Sorrentino è un grandissimo esercizio di narcisismo. Non quello tutto votato alla propria arte del regista, ma quello ancora più compiaciuto del pubblico, dello spettatore. Ci piacciamo se amiamo follemente il cinema di Sorrentino: è lo sguardo innamorato di Narciso: che tanto ama il proprio, bellissimo, aspetto e ignora la ninfa Eco, restando solo con sé stesso. Nella grande raccolta di caratteri che a ogni film Sorrentino si diverte a raccontare, c'è sempre qualcosa di noi, tanto o poco che sia; sempre eccessivo, esagerato, ma affascinante. La ricerca di effetto ci meraviglia.

Sorrentino possiede l'arte rara, perché difficilissima, di girare capolavori popolari: tutto nasce da forti contraddizioni (un Papa appena quarantenne, uno scrittore in crisi creativa), senza nascondere una certa ostentazione, anche stilistica. Il Vaticano è un osservatorio privilegiato e in cui nulla può mancare: le magagne del potente segretario di stato Voiello, le forze e le debolezze dei tanti cardinali cortigiani di Pio XIII, la passione di una giovane donna.

Come il colonnato del Bernini, i personaggi di Sorrentino abbracciano tutti noi che ci sentiamo realmente messi in scena, solo per un istante magari, per un dettaglio o in tutti noi stessi.

Paolo Sorrentino, the young pop?

LEGGI ANCHE – “Hanno tutti ragione” di Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino, the young pop?

Ogni cosa è divisa tra la luce, che è la forza attrattiva di un personaggio (che mai delude in Sorrentino), e l'oscurità, appesantita dal grosso fardello delle sensazioni che suscita. Tutte le figure sono una scossa in un mondo in cui tutti i giorni si recita il medesimo spettacolo. E nei mondi di Sorrentino tutti i giorni ecco arrivare la varietà di persone e animali di tutti i continenti: non è una retorica specifica ma, come le lussuose fontane dei giardini vaticani, un innesco di meccanismi diversissimi dall'effetto finale unico ed eccezionale.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Nonostante certi preziosismi, i film di Sorrentino sono amatissimi; o detestati. Mancano, come nel suo chiaroscuro, nel contrasto delle luci e delle ombre, suprema conquista dell'arte greca e del Barocco, i toni intermedi. Sorrentino lo si accetta, è napoletano ed è come Napoli, come Maradona, dai gesti eccessivi, che si innamora e innamora la gente. Quando Pasolini parlava della città era sollevato e ammaliato: «Essa dà una profonda malinconia, come tutte le tragedie che si compiono lentamente […] continua come se nulla fosse successo a fare i suoi gesti, a lanciare le sue esclamazioni, a dare nelle sue escandescenze, a compiere le proprie guappesche prepotenze, a servire, a comandare, a lamentarsi, a ridere, a gridare, a sfottere».

Paolo Sorrentino, the young pop?

LEGGI ANCHE – “La grande bellezza”: una nuova strada per il cinema italiano?

 

É un pop giovane e bello quello di Sorrentino e della sua serie The Young Pope (anche se non limiterei questa categoria a contenitore unico), che non nasconde niente, autentico; popolare, ma non per questo volgare. Non siamo davanti a un immaginario cinematografico nuovo, ma le immagini mescolano malinconia e ironia, come Sorrentino invidia da sempre a Scola. Siamo convinti che la realtà in cui si muove la macchina da presa di Sorrentino sia caratterizzata da incostanza e pentimento, l'essenza stessa della natura umana. Protagonisti in preda a progetti infinitamente vaghi: la loro instabilità è una fedele compagna: quello che si pensa oggi, domani è solo un'ombra. Gli elementi che più piacciono a Sorrentino sono acqua e vento; volubili come lo spirito delle nostre decisioni.

Paolo Sorrentino, the young pop?

LEGGI ANCHE – Garrone, Sorrentino, Mereu: visioni della crisi

 

Forse Sorrentino preferisce i racconti lunghi, per dare spazio a tante storie che l'una vicina all'altra si esaltano e bruciano subito dopo. È l'incostanza come impossibilità di durare: l'ombra, la nuvola di fumo della sigaretta, il vento, per cercare qualcosa di nuovo che possa soddisfarci. Gli uomini sono più realistici disegnati sulla superficie dell'onda e dell'acqua: la loro immagine svanisce ancora prima che possa fissarsi in mente. La mondanità, la propensione all'esibizione, nella quale sono immersi i personaggi, è il regno dell'effimero: “Il divo”, Lenny Belardo e Jep Gambardella ci insegnano che il rimedio, tante volte, viene prima del male.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.