Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Pandemia e solitudine, chiediamo aiuto a Kierkegaard e Heidegger

Pandemia e solitudine, chiediamo aiuto a Kierkegaard e HeideggerLockdown, un termine sempre – purtroppo – più diffuso, che fa paura, genera timori e, soprattutto, solitudine. In questo periodo di quarantena forzata, di fronte a una pandemia che ha messo a nudo la fragilità e la precarietà della vita umana, è opportuno guardare alla letteratura e alla filosofia, ascoltare con profonda attenzione e interesse ciò che poeti e intellettuali affermano e hanno affermato. Ora più che mai la società postumanistica, ipertecnologica e scientistica che disprezza l’animo poetico e filosofico che aveva esercitato la propria egemonia fino all’inizio del Novecento, ha bisogno delle parole di quelle “anime belle che pensano, scrivono ma non producono nulla di concreto”. Quella corona che cingeva il capo del poeta e che Baudelaire aveva visto scivolare nel fango – già nel 1851 in Les Fleurs du mal – ora sta risalendo per vie traverse, sentieri irti e si sta posando nuovamente sul capo degli intellettuali, letterati e filosofi davanti a tutti.

È proprio per questo motivo che bisogna recuperare le riflessioni che alcuni “grandi” del passato avevano elaborato circa alcuni aspetti della fragilità umana. In quest’articolo, la nostra attenzione si focalizzerà sul tema della solitudine e su come questo sia stato trattato in Kierkegaard, filosofo danese ottocentesco considerato precursore dell’Esistenzialismo, e in Heidegger, il filosofo dell’esserci-per-la-morte, massimo esponente della corrente filosofica novecentesca dell’Esistenzialismo tedesco.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

In primo luogo, il concetto del singolo e, quindi, quello della solitudine, è di fondamentale importanza nella speculazione filosofica del danese Kierkegaard. Egli contrapponeva alla dialettica totalizzante di Hegel l’importanza dell’individuo nella sua singolarità e nella sua concretezza. La riflessione kierkegaardiana si muove in un orizzonte cristiano-cattolico in cui la persona diviene l’aspetto più importante da analizzare; essendo quest’ultima creata a immagine e somiglianza di Dio è più significante rispetto alla specie stessa, oggettivazione storica di alcuni aspetti individuali. A partire da questa premessa, è evidente come la solitudine sia un aspetto della vita umana che debba essere analizzato tout court, a trecentosessanta gradi: essa viene innalzata da parte del filosofo danese in quanto è soltanto in una dimensione siffatta che è possibile un dialogo sincero e aperto con Dio, in cui è realizzabile quel “salto” nel vuoto dalla “vita etica” alla “vita religiosa”. Questo salto esistenziale, che trova le proprie fondamenta soltanto in un atto di fede, permette di unirsi in maniera indisgiungibile con l’Eterno, facendo ritrovare, nell’ottica di Kierkegaard, un senso all’esistenza tutta.

Di conseguenza, attualizzando la speculazione del filosofo di Copenaghen e cercando di renderla confacente al periodo in cui ci troviamo, è opportuno analizzare la solitudine che molti di noi stanno esperendo come un momento importante di riconciliazione con il nostro Dio: sia esso il Dio della tradizione cristiana, di quella musulmana, indiana o, ancora, in un orizzonte di antropoteismo, che sia pure l’uomo stesso, un al quale dare significanza ontologica (cioè nella dimensione di vita quotidiana) e assiologica (ossia dare a quest’ultimo un valore prioritario). In questo periodo è quindi opportuno ritrovare un dialogo con se stessi mediante pause di riflessione che diano la possibilità alla nostra stessa dimensione coscienziale di riportare a galla le qualità più recondite e disparate del nostro Io che erano rimaste nascoste sotto il terreno brullo della nostra autocoscienza, irretita dai ritmi stressanti e alienanti della vita del XXI secolo.

Pandemia e solitudine, chiediamo aiuto a Kierkegaard e Heidegger

In secondo luogo, invece, l’analisi che proporremo circa la riflessione heideggeriana si concentrerà sulla solitudine invocata dal filosofo tedesco, la quale viene vissuta da tutti gli intellettuali: «il filosofo deve restare solitario, perché lo è nella sua essenza. La sua solitudine non può essere discussa. L'isolamento non è qualcosa che si può volere. Proprio per questo egli deve esserci sempre nei momenti decisivi e non può farsi da parte. Egli non fraintenderà la solitudine interpretandola nel senso esteriore di un ritirarsi e di un lasciar-correre le cose

Come si può notare, ne L’essenza della verità, Heidegger sottolinea l’importanza dell’isolamento per i filosofi, inteso come lo sviluppo solipsistico di una determinata riflessione filosofica che, nel momento più opportuno, possa poi essere condivisa con la società in modo tale da favorire il progresso intellettuale inter-soggettivo e non sia quindi un semplice rintanamento nella torre eburnea dell’intellettualismo fine a se stesso.

Quindi, attualizzando questo pensiero come abbiamo già fatto in precedenza con la speculazione filosofica di Kierkegaard, si può invitare ogni singolo individuo relegato in casa, chiuso entro quattro mura, a riflettere e sviluppare pensieri personali che siano anche i più disparati possibili ma che poi possano essere fecondi per una discussione inter-soggettiva non necessariamente sviluppata all’interno di una cerchia di intellettuali ma presumibilmente condivisa entro la comunità dei propri amici e conoscenti che dia la possibilità dello sviluppo di un atteggiamento critico circa le questioni più impellenti della società contemporanea. È fondamentale, però, per cercare anche di evadere dalle quattro mura domestiche in questo periodo di confinamento pandemico, informarsi, conoscere, leggere e assorbire nozioni in modo che si possa enucleare un pensiero critico che sia favorevole alla creazione di un “aiuto intellettuale” al sé e alla società.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

In conclusione, grazie all’attualizzazione del pensiero di due maître à penser della filosofia occidentale, abbiamo avuto la possibilità di comprendere come, in questo travagliato periodo, si possa rendere positivo un momento negativo, si possa trarre linfa vitale da momenti di solitudine quali quelli che stiamo vivendo attualmente a causa della pandemia di Covid-19. Dobbiamo dunque ringraziare gli intellettuali, i filosofi e i poeti che ci garantiscono evasioni “mentali” ogni giorno mediante le loro opere, i loro romanzi e le loro riflessioni.


Per la prima foto, copyright: Diego San su Unsplash.

Per la seconda foto, copyright: Mark Claus su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.