Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Otto curiosità linguistiche, tra colori e animali parlanti

LinguaggioPartiamo da un assunto prima di arrivare a queste otto curiosità linguistiche: molto spesso si tende a considerare la lingua come un complesso sistema di regole difficili da memorizzare, come se fosse slegata dalla società che invece la usa e dunque come un’entità con limiti ben precisi e confini non oltrepassabili né infrangibili; insomma, come una sorta di figura geometrica chiusa, magari piana, che non lascia spazio alcuno al cambiamento. Più volte, qui sulle pagine di Sul Romanzo, abbiamo sottolineato che i fatti non sono questi e che, a meno che non si tratti di lingue non più parlate come il latino e il greco, la lingua non può essere raffigurata come una forma geometrica ben definita, poiché è un sistema immerso nella storia e nella società, dunque suscettibile di grandi cambiamenti nell’arco di più e più anni. E questo è solo uno dei tanti pregiudizi che cercheremo di sradicare con queste curiosità sui vari idiomi del mondo esul linguaggio umano. Vediamole subito:

 

1.      Quale emisfero del cervello è responsabile della funzione del linguaggio?

Il chirurgo francese Paul Pierre Broca ha dimostrato che il linguaggio è lateralizzato a sinistra; ulteriori ricerche hanno poi approfondito gli studi, precisando che questo è vero per quasi tutti i soggetti destrimani, ma non lo è affatto per quelli mancini: in questo caso, infatti, la funzione linguistica è lateralizzata a destra nel cinquanta per cento dei casi; a sinistra, nel venticinque; infine, in entrambi gli emisferi per il resto.

 

2.      Quante sono le lingue del mondo?

Se ne contano circa seimila, come abbiamo approfondito in passato: qui vogliamo ricordarvi, però, che i numeri non solo sono approssimativi, ma vanno anche letti con attenzione; i dialetti, per esempio, devono essere inseriti nel novero delle lingue del mondo? Se la risposta fosse positiva, e dovrebbe esserlo, visto che l’unica differenza dalla lingua è di tipo socio-politico e non strutturale, arriveremmo a cifre spropositate, poiché solo in Italia ci sono migliaia e migliaia di dialetti (più o meno conosciuti).

 

3.      È possibile prevedere il cambiamento di una lingua?

Edward Sapir la definisce “deriva” linguistica e la spiega come il lento mutamento delle lingue verso altri stadi. Ma dove sono dirette queste lingue esattamente? È possibile capire quali potrebbero essere gli sviluppi del sistema linguistico nei suoi vari sottosistemi? Fare ipotesi è possibile, e si potrebbe anche non incorrere in un errore, ma ricordiamo che la lingua è figlia del tempo e dell’uomo, e che dunque notevoli variabili extralinguistiche possono influenzarne l’evoluzione.

Facciamo un esempio: oggi si assiste alla diffusione di “gli” in luogo di “le”; in futuro, tale tendenza potrebbe diventare sistematica e dunque portare alla generalizzazione di “gli” in tutti i casi come tratto caratteristico del noto italiano “neostandard” o “tendenziale”. Il concetto di “deriva” di Sapir non è proprio questo, poiché lo studioso parlava di cambiamenti strutturali, tecnicamente “tipologici”, e non di singoli fenomeni linguistici, ma l’idea si adatta comunque a quanto detto.

 

4.      Esiste una lingua romanza (nata dal latino) che ha l’articolo dopo il nome?

La risposta è il romeno: è l’unica lingua figlia del latino che ha l’articolo determinativo posto in enclisi e non in proclisi.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Linguaggio5.      Non tutte le lingue danno un nome ai colori, ma se lo fanno…

Lo studio di Berlin e Kay sul rapporto tra tipi linguistici e lessico dei colori è semplificato da Nicola Grandi, Fondamenti di tipologia linguistica, Carocci, 2014, Roma, p. 49:

«Il primo tipo che è possibile identificare prevede solo due termini per indicare colori: essi non possono che essere il bianco e il nero (con un’accezione un po’ più ampia: il bianco di norma designa anche tutti i colori chiari; il nero copre la gamma di tutti i colori scuri). […] Nel secondo tipo compare un terzo termine, esso deve necessariamente corrispondere al rosso. […] Se invece il lessico dei colori annovera quattro o cinque parole, al bianco, al nero e al rosso possono aggiungersi il giallo e/o il verde».

C’è, insomma, una relazione implicazionale tra i vari tipi lessicali: se una lingua ha due termini per i colori, essi saranno bianco e nero obbligatoriamente; se ne ha tre, a questi si aggiungerà il rosso, e così via, fino all’undicesimo tipo, che prevede l’aggiunta di porpora e/o rosa e/o arancio e/o grigio. Va da sé che il tipo successivo deve avere necessariamente i colori del tipo precedente: in altri termini, non è possibile che una lingua abbia il giallo o il verde senza avere il rosso.

 

6.      Sapevi che anche quello dell’esitazione è un suono linguistico?

Se per produrre un suono avvicinate semplicemente le corde vocali ed emettete aria dai polmoni, quasi a riprodurre l’esitazione dello studente che non sa rispondere a una domanda, produrrete un “fono”, vale a dire un suono linguistico a tutti gli effetti: si chiama schwa ed è rappresentato, tra gli altri, con la e capovolta ǝ. In italiano standard non esiste, ma alcuni studiosi ipotizzano che ce ne sia più di uno in alcuni dialetti; nella lingua inglese, invece, è davvero diffuso: pensate alla pronunciadella u disupplì e circus.

 

7.      Quel bonobo Kanzi che ha imparato la lingua dei segni senza che nessuno gliela insegnasse…

La storia del primate Kanzi è raccontata in Marina Nespor e Donna Jo Napoli, L’animale parlante. Introduzione allo studio del linguaggio, Carocci, 2007, Roma, p. 192:

«Degli scienziati stavano […] cercando di insegnare alla madre a comunicare attraverso una tastiera, che conteneva alcune dozzine di lessigrammi, cioè immagini o disegni geometrici che rappresentavano parole. Kanzi ha appreso ad utilizzare la tastiera da solo, soltanto osservando, in un modo simile a quello in cui i bambini apprendono il linguaggio […]. Gli scienziati […] hanno cominciato ad insegnare attivamente a Kanzi questo linguaggio, e Kanzi è riuscito ad acquisire una comprensione di più di 500 parole inglesi e di circa 200 lessigrammi. Kanzi ha dimostrato anche di poter capire le regole grammaticali, di poter utilizzare il riferimento a distanza, e di poter creare frasi nuove. […] Mancava tuttavia un’organizzazione sintattica e sicuramente la ricorsività».

 

8.      Sapevi che esiste una lingua artificiale?

Si chiama esperanto ed è una lingua sviluppata tra il 1872 e il 1887 dall’oftamologo polacco Ludwik Lejzer Zamenhof, che soleva farsi chiamare “Doktoro Esperanto”. Tutti i sottosistemi che caratterizzano questa lingua, da quello fonetico a quello sintattico, sono estremamente semplici, proprio perché l’obiettivo del suo creatore era proprio pianificare una seconda lingua che potesse permettere a tutto il mondo di comprendersi (tutelando, di conseguenza, le lingue minori, destinate, purtroppo, a soccombere rispetto a quelle più usate per ragioni socio-politiche). Un progetto di democrazia linguistica, dunque, che trovate descritto approfonditamente nel sito ufficiale italiano.

E ora tocca a voi: quali sono le curiosità linguistiche che volete proporci

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.