Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

“Origin” di Dan Brown. Uno sguardo tra passato e futuro

“Origin” di Dan Brown. Uno sguardo tra passato e futuroOrigin, il nuovo romanzo di Dan Brown, autore di thriller tra i più popolari e di successo degli ultimi tempi, è uscito in contemporanea mondiale il 3 ottobre 2017 pubblicato in Italia da Mondadori, nella traduzione di A. Raffo e R. Scarabelli.

Il protagonista è ancora una volta Robert Langdon, che Dan Brown aveva già portato sulla scena letteraria con il successo mondiale de Il codice da Vinci, e nei successivi Angeli e demoni, Il simbolo perduto e Inferno.

Aspettavamo con trepidazione l’uscita di questo nuovo romanzo per scoprire quali altre domande ci avrebbe fatto porre e su quali altri argomenti Dan Brown ci avrebbe fatto riflettere. Come al solito, non ci ha delusi.

In quest’ultimo romanzo, il nostro professore di simbologiaviene invitato da Edmond Kirsch, un suo allievo che poi diventerà anche suo grande amico, a una serata al museo Guggenheim di Bilbao. Edmond Kirsch è un miliardario conosciuto in tutto il mondo, esperto di computer e futurologo. Un uomo fuori dagli schemi che veste all’ultima moda, fotografato insieme a top model e paragonato a un moderno Nostradamus per le predizioni sempre avverate. I suoi ultimi esperimenti si sono concentrati sulla possibilità di sopperire alle mancanze della teoria darwiniana.

 

LEGG ANCHE – “Inferno”, di Dan Brown

 

Da dove veniamo? Dove andiamo? Queste sono le domande a cui Kirsch vuole dare risposta in quella serata, risposte che avrebbero non solo scosso le fondamenta delle religioni ma le avrebbero fatte addirittura crollare:

«…il mondo intero avrebbe capito che gli insegnamenti di tutte le religioni avevano davvero una cosa in comune. Erano clamorosamente sbagliati.»

“Origin” di Dan Brown. Uno sguardo tra passato e futuro

Dopo essere apparso sul podio in uno sbuffo di fumo per fare il suo annuncio, Kirsch però viene ucciso da un ammiraglio della marina, Luis Ávila, senza riuscire a comunicare la sua grande scoperta.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Inizia così la parte rocambolesca del nostro romanzo in cui Langdon insieme ad Ambra Vidal, la direttrice del museo in cui si è svolta la serata, cerca di portare alla luce la scoperta del loro comune amico.

Per riuscire nel loro intento devono scoprire la password di quarantasette caratteri, sbloccare il cellulare di Kirsch e rendere così pubblico il filmato contenente la sua teoria. I due però non sono soli in questa impresa ma guidati da Winston, un’intelligenza artificiale, chiamato così in onore di Winston Churchill le cui massime ritroviamo spesso nel romanzo. È un computer che dapprima guida Langdon nella visita al museo e poi nella fuga.

Intraprendono così un viaggio che li porterà a Barcellona tra le opere del grande Gaudí quali Casa Milà dove Kirsch viveva in quel periodo e la Sagrada Família dove riescono a trovare la password, un verso di William Blake che riassumeva tutto ciò in cui Kirsch sperava:

«Le religioni oscure spariranno e la dolce scienza regnerà.»

“Origin” di Dan Brown. Uno sguardo tra passato e futuro

Tra simboli, codici, uccisioni e colpi di scena si intrecciano un passato sotto il regime di Francisco Franco e un presente con la salita al trono del principe Julián, di cui Ambra Vidal è la recente fidanzata.

Il romanzo ha il suo lieto fine, il mondo conoscerà la scoperta di Kirsch, il quale termina il video della sua presentazione con una “preghiera” a dispetto del suo ateismo:

«Che le nostre filosofie riescano a stare al passo con le nostre tecnologie. Che la nostra umanità riesca a stare al passo con i nostri poteri. E che l’amore, non la paura, possa essere il motore del cambiamento.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

n Origin, Dan Brown resta fedele al suo stile contrapponendo tematiche religiose e scientifiche. La vicenda si svolge nell’arco di una serata rendendo il tutto dinamico e avvincente dai dialoghi alle descrizioni accurate delle opere dell’arte moderna.

Il tema che affronta Brown è affascinante, riesce ad appassionare il lettore e a farlo trepidare di curiosità pagina dopo pagina per conoscere le risposte a quelle domande che sono la colonna portante di tutto il libro.

 

LEGGI ANCHE – Riflessione sulla letteratura di Dan Brown

 

Paragonato agli altri successi dello scrittore potremmo sentire la mancanza di quel mistero a volte cupo che li avvolgeva e di quegli enigmi che Langdon non risolveva facilmente come invece accade in quest’ultimo thriller. Il romanzo resta comunque un grande libro che spinge chi lo legge a porsi delle domande e a vivere avventure che non vivrebbe mai nella vita reale.

Originci porta anche di fronte a una verità attuale: la presa di potere del mondo tecnologico.

Ci racconta di un futuro migliore in cui la tecnologia sarà alla portata di tutti ma soprattutto un futuro in cui le tecnologie potrebbero far vivere l’uomo in modo migliore. Sarà questo un bene?

«La scoperta di Edmond era affascinante e chiaramente provocatoria, ma per Langdon sollevava un’unica, fondamentale domanda che nessuno, stranamente, si poneva: Se le leggi della natura sono così potenti da creare la vita… chi ha creato quelle leggi?»


Per la prima foto, copyright: Peter Hershey.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.