Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

“Ode Plutonia”, le poesie “civili” di Allen Ginsberg

“Ode Plutonia”, le poesie “civili” di Allen GinsbergOde Plutonia è una raccolta di poesie di Allen Ginsberg che Il Saggiatore propone in questa nuova edizione curata e tradotta da Leopoldo Carra.

Le opera si collocano in un periodo determinato e particolare. Siamo tra il 1977 e il 1980, Ginsberg ha superato i cinquant’anni e sta attraversando il suo migliore periodo artistico, l’acme della maturità poetica ed espressiva. A questa si legano altri elementi che suffragano lo spirito fascinosco e provocatorio di un artista riconosciuto, allora, il poeta vivente più importante degli Stati Uniti d’America (nel 1974 riceverà, a riprova, il National Book Award for Poetry per La caduta dell’America).

Ginsberg è prima di tutto un poeta impegnato civilmente, gli anni, d’altronde, non suggeriscono altre espressioni: la Guerra del Vietnam da poco terminata, quella con l’Unione sovietica destinata a spegnersi solo con la caduta del muro di Berlino nel 1989, lo strapotere imperialistico degli Stati Uniti con i suoi insegnamenti di buona democrazia in giro per il mondo.

Le poesie nascono da uno di questi conflitti che Ginsberg avverte, sente, non trattiene e scarica quindi su carta.

La poesia che dà il titolo a questa raccolta, Ode Plutonia nasce dalle manifestazioni antinucleari tenutesi durante l’estate del 1978 a Rocky Flats, in Colorado, presso gli impianti della Rockwell International.

“Ode Plutonia”, le poesie “civili” di Allen Ginsberg

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

«Comincio a salmodiare, a bocca aperta esalando nel cielo spazioso

sopra fabbriche silenziose a Hanford, Savannah River, Rocky

Flats, Pantex, Burlington, Albuquerque

Traverso con l’urlo Washington, South Carolina, Colorado, Texas,

Iowa, New Mexico,

dove reattori nucleari creano una nuova Cosa sotto il Sole, dove

impianti di guerra della Rockwell producono questa sostanza

innesco di morte in bagni di azoto…»

 

LEGGI ANCHE – Il borsch estivo di Allen Ginsberg

 

Qui tra rabbia e denuncia Ginsberg guru elenca tutte quelle fabbriche di plutonio che hanno contribuito alla produzione di bombe atomiche. L’ode a Plutone è un’ode al dio degli inferi, dell’opulenza, e più specificatamente per la mitologia classica il padre delle Eumenidi, le Furie, che vendicano il male fatto inconsapevolmente in preda alla passione, all’aggressività… un contrasto che salta all’occhio.

 

LEGGI ANCHE – “Diario indiano”, uno dei testi più poliedrici di Allen Ginsberg

 

Gli anni Settanta rapprestano indubbiamente il boom delle contestazioni e delle espressioni contro un potere assordante tanto presente. Le bombe avevano come interlocutori i fiori, le donne mostravano il seno ai manganelli. Le manifestazioni si sprecavano, il movimento Powerflower era molto più di un fenonento folkloristico. Non era solo la catastrofe nucleare a terrorizzare, era anche un inquinamento degenerativo e irrecuperabile nelle sue declinazioni di smog, petrolio, acque inquinate. Nacquero in quegli anni i movimenti ambientalisti, Ginseberg ne rimase filosoficamente e affettivamente coinvolto, Lavori di casa è la mia preferita,

 

«Se facessi il Bucato laverei il mio Iran sporco

Ci butto dentro gli Stati Uniti, ci verso sapone Ivory, sfrego ben

bene l’Africa e rimetto tutti gli uccelli e gli elefanti nella

giungla,

Lavo il Rio delle Amazzoni e pulisco i petroleosi Caraibi e Golfo

del Messico,

Strofino via lo smog dal polo Nord, smacchio via gli oleodotti

dall’Alaska

[…]

Poi della grande Asia ci faccio un gigantesco Carico di bucato e

lavo via il sangue e l’Agente Arancio,

Butto tutte le robe sudicie di Russia e Cina nello strizzatoio,

spremo fuori il Grigiume delatorio degli stati di polizia usa

centroamericani,

e metto il pianeta nella centrifuga e ce lo lascio per 20 minuti o un

Eone finché vien bello pulito.»

“Ode Plutonia”, le poesie “civili” di Allen Ginsberg

LEGGI ANCHE – Le bellissime lettere d’amore tra Allen Ginsberg e Peter Orlovsky

 

Non è tutto così partigiano il suo pensiero. Esiste molta rassegnazione, disillusione soprattutto nel comunismo che nella poesia Aria del Campidoglio colloca sullo stesso piano del capitalismo: rappresenta entrambe come due sistemi speculari che ingannano l’uomo,

 

« No non mi va il governo in cui vivo

Nemmen la dittatura dei Ricchi

E burocrati che ti dicon che mangiar

E cani poliziotto i miei piedi a annusar

Dei miei libri i Censori Comunisti

Chi si lamenta del mio aspetto, i Marxisti

Non mi va Castro, insulta membri del mio sesso

Gauchisti che dicon che siam mistici ossessi»

“Ode Plutonia”, le poesie “civili” di Allen Ginsberg

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Sono poesie intense, dalle quali trapela consapevolezza del mondo cui si appartiene, sono spregiudicate e irriverenti perché di quel mondo fuggono l’inevitabile conformismo, sono sarcastiche e ironiche come l’aurea che riveste il disincanto.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.