Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Nuoyrican Poets Cafe, tempio della cultura underground

Nuoyrican Poets CafeLa penisola di Manhattan ha una forma geometricamente piuttosto imperfetta. La parte di sud est presenta una piccola “sacca”, un rigonfiamento che sporge un po’ sull’East River: un dedalo di stradine che formano l’East Village, luogo stimolante e controverso, abitato per lo più da studenti e artisti e ricco di night club (versione angloamericana che poco ha a che vedere con la nostra idea del termine), pub e locali multietnici. Lì vissero Jack Kerouac e Allen Ginsberg e lì nacque la Beat Generation

Adesso tra quelle vie, precisamente sulla 3rd Street East e tra le Avenues B e C, si nasconde il Nuyorican Poets Cafe. Posto estremamente intrigante, fondato quarant’anni fa (proprio nel 1973) dal poeta Miguel Algarin. All’inizio era un “living room saloon”, luogo in cui dibattere di arte e di letteratura, in cui far partire nuove tendenze letterarie. Numerosi poeti lo frequentavano e ben presto divenne luogo di culto. Algarin decise allora di comprare un Irish bar sulla 6th Street. Poi nacque l’associazione No-profit – la stessa che oggi gestisce il locale – che divenne ben presto conosciutissima e rispettatissima nel panorama culturale e letterario della Grande Mela; palcoscenico imprescindibile per i giovani poeti e musicisti che aspiravano a farsi strada. A quel punto fu trasferito laddove si trova adesso, sulla 3rd Street, appena un po’ più a sud della splendida e pericolosissima Tompinks Square Park.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il Nuyorican Poets Cafe offre ogni anno un cartellone interessantissimo, fatto di poetry slam, recital di poesie, concerti, jazz sessions, eventi hip hop, spettacoli teatrali. Aperto solo durante gli spettacoli, la sala puzza di birra e legno, le tende sono sporche ma l’atmosfera è da brividi. Quest’anno ha festeggiato il quarantesimo anno di vita. La missione è rimasta la stessa: dare spazio ai nuovi artisti, provenienti da tutto il mondo e avvicinarli a un pubblico quanto più vasto e variopinto possibile. Un proposito nobile, prima che coraggioso.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.