Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Nuove frontiere dell'apprendimento: usare il cervello come un hard disk

Nuove frontiere dell'apprendimento: usare il cervello come un hard diskI ricercatori degli HRL Laboratories hanno condotto uno studio basato sull'osservazione dei segnali elettrici interni al cervello di soggetti già forniti di determinate conoscenze e sull'uso della stimolazione transcranica con correnti dirette (tDCS) per trasmettere lo stesso schema di segnali in soggetti privi, inizialmente, di quelle informazioni.

 

HRL Laboratories come Matrix?

I ricercatori degli HRL Laboratories, che si trovano a Malibu, in California, hanno definito il loro esperimento come uno di quei casi in cui la realtà imita la fantasia e paragonato il proprio lavoro a quanto accadeva nel film fantascientifico «The Matrix». 

 

LEGGI ANCHE - Licia Troisi, tra fantasy e divulgazione scientifica

 

Usare la tDCS per imparare a volare

Essendo gli HRL Laboratories un centro di ricerca privato afferente alla Boeing Company e alla General Motors, lo studio è stato rivolto ai piloti di aereo e si è concentrato sull'apprendimento delle tecniche e delle capacità necessarie per pilotare un aereo. Ma il team di ricercatori, capitanato dal dottor Matthew Philips, si è dichiarato convinto che tale procedura possa essere applicata in futuro anche per imparare a guidare altre tipologie di veicoli, come una macchina, per l'apprendimento di una lingua straniera o per prepararsi a un test di valutazione o selezione, come quelli per accedere alle università.

Lo studio ha dimostrato che i sei piloti, civili e militari, sottoposti a stimolazione transcranica con correnti dirette hanno effettivamente migliorato le proprie capacità. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul numero di febbraio della rivista «Frontiers in Human Neuroscience».

 

LEGGI ANCHE - Sull'ignoranza degli intellettuali

 

tDCS: una risorsa per medicina, scienza e apprendimento

In medicina la tDCS è impiegata per accelerare il recupero di pazienti affetti da ictus, depressione, Parkinson, insonnia e nella terapia del dolore. Pare che l'agenzia per la difesa statunitense, il Darpa, abbia monitorato a lungo le tecniche e gli effetti della tDCS per migliorare le capacità di apprendimento dei militari.

Il neuroscienziato Roi Cohen Kadosh, dell'Università di Oxford, ha condotto uno studio sull'utilizzo della tDCS per accrescere le abilità matematiche degli studenti.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Il rovescio della medaglia

Lo studio, pubblicato sul «Journal of Neuroscience», ha dimostrato come i miglioramenti ottenuti grazie alla tDCS nel campo delle abilità cognitive potrebbero comportare deficit in altri campi.

Il professor Kadosh, insieme alla collega Teresa Iuculano, dell'Università di Stanford, ha condotto l'esperimento su 19 studenti volontari. Alcuni hanno ricevuto stimolazione elettrica sulla corteccia parietale posteriore, altri sulla corteccia prefrontale dorsolaterale mentre un terzo gruppo è stato sottoposto a stimolazione elettrica fittizia.

Gli studenti del primo gruppo si sono mostrati effettivamente più veloci nell'apprendimento ma hanno avuto tempi di reazione molto lunghi, a distanza di una sola settimana, quasi come se avessero difficoltà di accesso a quello che avevano imparato. Il secondo gruppo ha avuto una reazione opposta: più lenti in fase di apprendimento e più veloci in fase di verifica. Le conclusioni cui sono giunti Kardosh e Iuculano sfatano miti come la possibilità di apprendere nozioni durante il sonno senza alcuno sforzo.

«Proprio come i farmaci, la stimolazione presenta degli effetti collaterali. Inoltre è inutile, se non addirittura dannosa a meno che non sia utilizzata di concerto con altre strategie di apprendimento».

Usare il cervello come un hard disk potrebbe quindi non essere la soluzione migliore, in fondo il "disco rigido" che compone la nostra mente è molto più complesso e articolato di quello di un semplice computer.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.