Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Notizie anglosassoni

Notizie anglosassoniL’Hay Festival è una manifestazione alquanto importante nell’universo editoriale anglosassone: gli scrittori si incontrano, si leggono, si commentano, si confrontano. Un evento decisamente rilevante che quest’anno, però, ha fatto parlare di sé in negativo, a causa di alcune affermazioni dello scrittore V. S. Naipaul durante un’intervista concessa alla Royal Geographical Society. Per esempio:

Le scrittrici sono diverse, alquanto diverse. Leggo una pagina e, dopo appena un paragrafo o due, so se sia stata scritta da una donna o da un uomo. Penso che non sia alla mia altezza…ha “visione limitata del mondo”…perché “non è una perfetta padrona di casa” e questo “emerge anche dalla sua scrittura.” [traduzione mia].

Nell’intervista lo scrittore critica anche Jane Austen e Diana Athill che è stata direttore editoriale presso la casa editrice André Deutsch per cinquant’anni ed editor dello stesso Naipaul.

Circa una settimana più tardi è morto, a 96 anni, Patrick Leigh Fermor, un appassionato di viaggi che, con i suoi racconti, ha contribuito in maniera significativa a rendere meno aride e manualistiche le opere di questo tipo. La sua carriera è stata ricca di successi ed elogi che, però, i tanti scrittori che riempiono gli scaffali delle librerie potrebbero non ricevere  in questo momento di forte crisi dell’industria editoriale. A tal proposito lo storico Gregor Dallas ha in parte accusato la Society of Authors, per esempio, contestando agli editori la qualità – sempre più bassa – dei libri pubblicati. Sembra però che questa provocazione sia solo una delle strategie di Dallas per promuovere la sua elezione presso la Society of Authors francese.

Un'autrice che, invece, non dovrebbe risentire della crisi è Jennifer Irvine, il cui “The Pure Package: The Diet for Food Lovers”  sarà pubblicato da Orion in dicembre. Il volume dovrebbe contenere 200 immagini ed oltre 70 ricette che fanno parte del suo programma nutrizionale per perdere peso.

Problemi di peso, ma di tipo diverso, per Shaunna Raycraft che ha salvato circa 350,000 volumi dalla sua vicina di casa che avrebbe altrimenti dato loro fuoco dopo la morte del marito. Sfortunatamente però Shaunna, una canadese amante della lettura, si trova ora costretta a bruciarne lei stessa una parte consistente (almeno 4 tonnellate) perché la sua casa rischia di crollare a causa del peso.

Mi auguro non accada lo stesso ai libri che riempivano i Borders che si trovano in Australia. La catena di librerie, infatti, ha deciso di chiudere entro fine giugno tutti i punti vendita del continente, lasciando a casa gli ultimi 315 dipendenti (ne sono stati licenziati circa 500 in aprile).

HarperCollins ha annunciato che tre titoli pubblicati dall’imprint Avon saranno disponibili solo presso la catena di supermercati Sainsbury. Tra questi, anche il nuovo romanzo di Trisha Ashley. I responsabili della catena di supermercati si augurano che questa strategia attiri a loro nuovi clienti appassionati I problemi finanziari delle catene di librerie sono però positivi per altri rivenditori. Per esempio, di libri.

La casa editrice Canongate ha scelto invece di tentare di comunicare in maniera diretta con i suoi lettori. Infatti, per lanciare “Grow Up”, il romanzo d’esordio del diciannovenne Ben Brooks, ha reso disponibile l’e-book del romanzo a meno di tre sterline fino alla pubblicazione dello stesso in forma cartacea ed ha inoltre lanciato un concorso per vincerne copie gratuite. Oltre a ciò, i ragazzi dai 16 ai 19 anni possono partecipare ad un concorso letterario il cui vincitore riceverà consigli sul mondo dell’editoria e su come farsi conoscere sul web.

Il tuo voto: Nessuno Media: 2 (3 voti)

Commenti

Ancora una volta mi accade di leggere di "crisi nel mondo dell'editoria"; non ho mai letto di momenti "non critici" in tale mondo infelice. Ma se le cose realmente stanno così, perché giganti del mondo economico si azzuffavano per la Mondadori? Si tratta di sporadici fenomeni di masochismo? Credo di no, è più facile credere che gli editori adottino la secolare filosofia dei gatti che "fottono piangendo".

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.